George Polya

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
George Polya (1973).

György Pólya, noto come George (Budapest, 13 dicembre 1887Palo Alto, 7 settembre 1985), è stato un matematico ungherese.

Lavorò su una grande varietà di argomenti matematici, incluse le serie, la teoria dei numeri, il calcolo combinatorio e la probabilità.

Negli ultimi tempi della sua vita cercò di caratterizzare i metodi generali che usiamo per risolvere i problemi, descrivendo come le loro soluzioni dovrebbero essere recepite e insegnate. Scrisse tre libri con titoli: "How to Solve It", "Mathematics of Plausible Reasoning Volume I: Induction and Analogy in Mathematics" e "Mathematics of Plausible Reasoning Volume II: Patterns of Plausible Reasoning".

In "How to Solve It" Pólya fornisce soluzioni generali euristiche per risolvere problemi di ogni tipo, non solo quelli matematici. Il libro include suggerimenti per insegnare la matematica agli studenti e una piccola enciclopedia di termini euristici; è stato tradotto in molte lingue ed ha venduto milioni di copie.

In "Mathematics of Plausible Reasoning Volume I" Pólya discorre circa il ragionamento induttivo in matematica, che trae le proprie conclusioni dai casi particolari a una regola generale. Il libro include un capitolo sulla tecnica chiamata "induzione matematica", anche se questo non è il tema principale.

In "Mathematics of Plausible Reasoning Volume II" affronta argomenti più generali della logica induttiva, che possono essere utilizzati per determinare cosa è veritiero di una congettura (in particolare matematica).

Alcune sue citazioni[senza fonte]:

  • "How I need a drink, alcoholic of course, after the heavy chapters involving quantum mechanics". (Il numero delle lettere di ogni parola della frase - che si può tradurre con "Quanto ho bisogno di bere, qualcosa di alcolico ovviamente, dopo i pesanti capitoli sulla meccanica quantistica!" - è quello delle prime cifre del numero π: 3,14159265358979)
  • "Se non riesci a risolvere un problema, ce ne sarà uno più facile che riesci a risolvere: trovalo".
  • "Una grande scoperta risolve un grande problema, ma nella soluzione di qualsiasi problema c'è un pizzico di scoperta. Il tuo problema può essere modesto, ma se stimola la tua curiosità, tira in ballo la tua inventiva e lo risolvi con i tuoi mezzi, puoi sperimentare la tensione e gioire del trionfo della scoperta".

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • Polya G., 1967, Come risolvere i problemi di matematica, Logica e euristica nel metodo matematico (traduzione da: How to solve it, 1945), Feltrinelli, Milano, pp. 252
  • Polya G., 1971, La scoperta matematica, Capire, imparare e insegnare a risolvere i problemi, Volume I (traduzione da: Mathematical discovery, 1962), Feltrinelli ed., Milano, pp. 145
  • Polya G., 1970, La scoperta matematica, Capire, imparare e insegnare a risolvere i problemi, Volume II (traduzione da: Mathematical discovery, vol. II, 1967), Feltrinelli ed., Milano, pp. 145

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 120727470 LCCN: n80049669