Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

George Gamow

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Georgij Antonovič Gamov, poi cambiato in George Gamow (in russo: Георгий Антонович Гамов?; Odessa, 4 marzo 1904Boulder, 19 agosto 1968), è stato un fisico, cosmologo e divulgatore scientifico russo naturalizzato statunitense.

Ha lavorato su un gran numero di argomenti, fra cui il nucleo atomico, l'evoluzione stellare, la nucleosintesi stellare, la cosmologia, il decadimento alfa (spiegato grazie all'utilizzo dell'effetto tunnel). Ha contribuito inoltre in maniera importante alla comprensione dei sistemi di codificazione genetica utilizzati nella sequenza della catena elicoidale del DNA, da poco scoperta[1].

Fu anche un brillante divulgatore scientifico, autore, in questo campo, di opere «originali e divertenti»[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gamow nacque a Odessa, in Ucraina, che all'epoca faceva parte della Russia zarista. Studiò alla Università Novorossia di Odessa (1922-23) e all'Università di Leningrado (1923-1929) dove seguì i corsi di Alexandr Friedmann che proponeva soluzioni alle equazioni di Einstein che permettevano di descrivere un universo non statico, ma in espansione. Dopo la laurea, si occupò di teoria quantistica all'Università di Gottinga, dove le sue ricerche sul nucleo atomico furono alla base della sua tesi di dottorato. Lavorò quindi all'Istituto di Fisica Teorica dell'Università di Copenaghen (1928-1931) ed al Cavendish Laboratory di Cambridge, diretto da Ernest Rutherford. In questi anni continuò ad occuparsi della fisica del nucleo (proponendo tra l'altro il modello "a goccia") ma lavorò anche nel campo della fisica stellare assieme a Robert Atkinson e Fritz Houtermans.

Gamow lavorò poi in diversi istituti, prima di fuggire definitivamente dal clima sempre più opprimente della Unione Sovietica degli anni delle Grandi purghe staliniane. Nel 1934 si stabilì alla George Washington University, dove pubblicò lavori con Edward Teller, Mario Schoenberg e Ralph Alpher.

Il fondamentale articolo sulla cosmogenesi scritto con Ralph Alpher fu pubblicato col nome di teoria di Alpher-Bethe-Gamow poiché Gamow aggiunse volutamente il nome di Hans Bethe per analogia con le prime tre lettere dell'alfabeto greco, alfa beta gamma.

Gamow fu uno strenuo sostenitore della teoria del Big Bang, e nei suoi lavori predisse ad esempio l'esistenza della Radiazione cosmica di fondo. Il suo modello di Big Bang prevedeva che gli elementi chimici si sarebbero costituiti prima della nascita delle stelle, grazie alla presenza di un gas di neutroni molto caldo e straordinariamente denso.

Rimase a Washington fino al 1954, poi si spostò alla Università della California a Berkeley (1954), e alla Università del Colorado (1956-1968).

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1956 gli fu conferito un premio dell'UNESCO per il suo sforzo teso a diffondere la scienza attraverso svariati libri di divulgazione.

Gli sono stati dedicati il cratere Gamow sulla Luna e l'asteroide 8816 Gamow.

Opere divulgative[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Biografia della fisica, G. Gamow, Mondadori, Collana: Oscar saggi, 1998, ISBN 88-04-45489-X
  • P.J.Peebles e R.G.Kron, The Case for the Relativistic Hot Big Bang Cosmology, pubbl.su "Nature", 352, n.6338, 29 agosto 1991
  • B.Bertotti, Modern Cosmology in Retrospect, Cambridge University Press, 1990

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN76443377 · LCCN: (ENn80028430 · ISNI: (EN0000 0001 2140 2998 · GND: (DE11871628X · BNF: (FRcb128465323 (data)