Geoffrey Howe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Richard Geoffrey Howe

Richard Geoffrey Howe, barone Howe di Aberavon[1] (Port Talbot, 20 dicembre 1926), è un politico britannico, noto fino al 1992 come Sir Geoffrey Howe. È nato nel 1926 a Port Talbot, nel Galles. Ha ricoperto importanti incarichi nel governo inglese, soprattutto nel periodo in cui Margaret Thatcher è stata primo ministro.

La carriera politica[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

Conclusi gli studi in Legge a Cambridge, dove era anche responsabile dell'Associazione del Partito Conservatore dell'università, iniziò ad esercitare la professione di avvocato nel 1952. La sua abilità gli permise di ottenere nel 1965 il titolo di QC (" Queen's Council", un titolo riservato ai barrister più importanti). Membro della Camera dei Comuni dal 1964-66 ed in seguito dal 1970 al 1992, entrò nel governo di Edward Heath come Procuratore Generale dell'Inghilterra e del Galles (1970-1972). Dal 1972 al 1974 fu ministro dell'Industria e del Commercio: nel marzo 1974, con la vittoria alle elezioni dei laburisti di Harold Wilson, passò all'opposizione.

Gli anni dell'opposizione (1974-1979)[modifica | modifica wikitesto]

Dopo l'elezione della signora Thatcher alla guida dei tories, Howe divenne il Cancelliere dello Scacchiere del governo ombra. In quel periodo contribuì a configurare le misure per il rilancio dell'economia britannica, messe in attuazione dopo la vittoria del Partito Conservatore alle elezioni generali del 1979.

Gli anni del Governo Thatcher (1979-1990)[modifica | modifica wikitesto]

Sir Geoffrey Howe fu nominato dal neo-primo ministro Cancelliere dello Scacchiere. Egli avviò una serie di politiche molto dure per ridurre inflazione e spesa pubblica e liberalizzare l'economia. Convinto sostenitore del monetarismo, praticò una riduzione delle imposte dirette e decise di promuovere incentivi alle imprese. L'applicazione di misure deflative in una situazione di recessione economica lo posero in contrasto con molti colleghi del Gabinetto. Nel 1983, dopo la seconda vittoria elettorale conservatrice, divenne Ministro degli Esteri. Il suo operato permise di consolidare i rapporti con gli Stati Uniti d'America e con l'amministrazione Reagan. Cercò inoltre di coinvolgere il governo inglese nel processo di formazione dell'Unione europea. Le sue posizione europeiste entrarono in conflitto con l'euroscetticismo di Margaret Thatcher. I disaccordi tra i due culminarono nel momento in cui il Regno Unito si trovò costretto a decidere sull'ingresso nello SME. Howe, insieme al nuovo responsabile delle finanze inglesi, Nigel Lawson, sosteneva l'opportunità di uni sistema di valute vincolate, che avrebbe potuto in parte difendere l'ecomonomia britannica da un incipiente rallentamento sofferto nel 1989. Il primo ministro, dal canto suo, considerava i sistemi a cambi fissi disastrosi e decise di rimuovere Howe dalla carica, sostituendolo prima con John Major e dopo con Douglas Hurd. Howe rimase nel Governo come Vice-Primo Ministro (1989-1990), carica prestigiosa ma priva d'incidenza politica. La decisione quasi ufficiale della Thatcher di non entrare a far parte della moneta unica lo condusse il 1º novembre 1990 a rassegnare le dimissioni. In quell'occasione pronunciò un durissimo attacco al primo ministro intervenendo alla Camera dei Comuni. L'uscita di Howe dal governo fu in parte decisiva per la caduta di Margaret Thatcher, che si dimise tre settimane più tardi. Nel 1992 divenne Pari del Regno e membro della Camera dei Lords.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • È stato soprannominato dai propri oppositori politici "The Mogadon Man" (il Mogadon è un potente sonnifero) a causa del tono monocorde della sua voce.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Knight Bachelor - nastrino per uniforme ordinaria Knight Bachelor
— 1970
Membro dell'Ordine dei Compagni d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria Membro dell'Ordine dei Compagni d'Onore
— 15 giugno 1996[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ London Gazette: no. 52981. p. 11255. 3 June 1992.
  2. ^ London Gazette: (Supplement) no. 54427. p. 5. 15 June 1996.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Cancelliere dello Scacchiere Successore Flag of the United Kingdom.svg
Denis Healey 4 maggio 1979 - 11 giugno 1983 Nigel Lawson
Predecessore Segretario di Stato per gli Affari Esteri e del Commonwealth Successore Flag of the United Kingdom.svg
Francis Pym 11 giugno 1983 - 24 luglio 1989 John Major
Controllo di autorità VIAF: (EN83991483 · LCCN: (ENn86128063 · GND: (DE118901281