Genghis Khan (film 1992)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Genghis Khan
Titolo originale Genghis Khan
Lingua originale inglese
Paese di produzione USA
Anno 1992
Durata 6 x 6
Colore colore
Audio sonoro
Genere storico, epico
Regia Ken Annakin, Antonio Margheriti[1]
Soggetto William Weaver
Sceneggiatura Tolomush Okeyev, Bulat Mansurov, Andrej Krakowskj, James Carrington
Produttore Enzo Rispoli
Produttore esecutivo Lucio Trentini
Casa di produzione International Cinema Company , Madison Motion Pictures
Fotografia Guglielmo Mancori
Montaggio Peter Zinner
Musiche Richard Horowitz
Scenografia Peter Murton
Costumi Ugo Pericoli
Interpreti e personaggi

Genghis Khan è un film del 1992, le cui riprese iniziarono l'anno prima in Kirghizistan sotto la regia del russo Tolomush Okeyev.

Nonostante lo sforzo economico dell'investimento (circa 50 milioni di dollari), la pellicola non superò le prime fasi di produzione e una nuova sceneggiatura (che prevedeva una parte sull'infanzia di Genghis Khan) venne affidata alla regia del britannico Peter Duffell, per poi passare presto ad un terzo ed ultimo regista, Ken Annakin, alla sua ultima regia[2].

Ma anche queste riprese furono interrotte, questa volta a causa del Putsch di Mosca e del conseguente crollo dell'Unione Sovietica: i numerosi attori (tra cui Charlton Heston) vennero richiamati dalle rispettive ambasciate e si provvide a farli rientrare in patria. Sono stati girati più di 160.000 metri di pellicola. La post produzione non è mai stata completata .

Nel 2010 i diritti furono rilevati dalla Madison Motion Pictures Group , che provvedendo alla post produzione della serie Tv di 6 ore e del film di 2 ore , uscirà con il titolo Genghis Khan: The Story of a Lifetime

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ regista della seconda unità
  2. ^ Darryl F. Zanuch, 185 facts

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema