General Atomics RQ-1 Predator

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
General Atomics RQ-1 Predator m1
RQ-1 Predator.jpg
RQ-1A Predator
Descrizione
TipoAPR da ricognizione ed attacco nelle versioni predisposte
Equipaggionessuno (pilota + osservatore a terra)
CostruttoreStati Uniti General Atomics
Data primo voloaprile 1995
Data entrata in servizioestate 1995
Utilizzatore principaleStati Uniti USAF
Altri utilizzatoriEmirati Arabi Uniti Emirates Air Force
Italia Aeronautica Militare
Marocco RMAF
Turchia Türk Hava Kuvvetleri
Costo unitario5-10 milioni di dollari
Dimensioni e pesi
RQ-1 Predator (drawing).png
Tavole prospettiche
Lunghezza8,22 m
Apertura alare14,8 m
Altezza1,82 m / 2,1 m
Superficie alare11,5
Peso a vuoto512 kg
Peso max al decollo952 kg / 1.020 kg
Capacità204 kg di sensori (versione RQ-1A)
Propulsione
Motoreun Rotax 912 (o 914) a 4 cilindri
Potenza100 CV / 115 CV
Prestazioni
Velocità max217 km/h
Autonomia24 h di stazionamento a 926 km dalla base di partenza[1]
Tangenza7.800 m
Armamento
Missili2 AGM-114 Hellfire o 2 FIM-92 Stinger solo nelle versioni predisposte, 2 GBU-12 Paveway II da 295 kg nominali.
Sensorisensori elettrottici, scanner IR, radar ad apertura sintetica (SAR)
Notedati riferiti alla versione MQ-1B

Airfoce.mil[2]

voci di aeromobili a pilotaggio remoto presenti su Wikipedia

L'RQ-1 Predator è un aeromobile a pilotaggio remoto (APR) monomotore in configurazione spingente, monoplano ad ala bassa sviluppato dalla divisione aeronautica dell'azienda statunitense General Atomics negli anni novanta.

Il Predator, considerato l'erede dello GNAT, è un APR della categoria MALE (medium altitude, long endurance - media quota, lunga autonomia), ed entrato per la prima volta in linea nel 1995 nella United States Air Force, l'aeronautica militare statunitense, impiegato nelle missioni di ricognizione aerea, ed in seguito adottato da altre forze aeree mondiali.

Spesso ci si riferisce al modello come MQ-1 Predator, in quanto è stato successivamente dotato della possibilità di impiegare 2 missili AGM-114 Hellfire, passando dal solo impiego come velivolo da ricognizione (la R sta per reconnaissance) a quello di attacco (la M sta per multirole). L'introduzione dell'armamento (e il cambio denominazione da R a M) è a partire dalla versione MQ-1B Predator. Da esso è derivata la versione MQ-9 Reaper, inizialmente indicata come MQ-1 Predator B.

L'RQ-1 è un sistema che oltre al velivolo, include una stazione di controllo a terra (GCS). Il velivolo è pilotabile da remoto anche oltre la linea dell'orizzonte, grazie ad un sistema data link satellitare.

L'RQ-1 Predator è nato come ricognitore teleguidato, in grado di eseguire ricognizioni di lunga durata senza mettere in pericolo la vita di un equipaggio. È dotato di dispositivi per l'osservazione molto avanzati, incluso un sensore per gli infrarossi ed un radar ad apertura sintetica (SAR - sintetic aperture radar) in grado di effettuare scansioni molto dettagliate degli obiettivi.

Il velivolo è caratterizzato da un'ala monoplana ad elevato allungamento alare, impennaggi a V rovesciata ed elica spingente. È manovrato dalla stazione a terra, da un pilota ed un osservatore.

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Militari[modifica | modifica wikitesto]

Utilizzatori del velivolo.
Un Predator dell'Aeronautica Militare.
Emirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti
Italia Italia
Marocco Marocco
Stati Uniti Stati Uniti
Turchia Turchia

Governativi[modifica | modifica wikitesto]

Stati Uniti Stati Uniti

Sviluppi del Predator[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ scheda tecnica sul sito dell'Aeronautica Militare italiana.
  2. ^ MQ-1B PREDATOR, su af.mil. URL consultato il 30 luglio 2013 (archiviato dall'url originale il 29 giugno 2012).
  3. ^ www.flightglobal.com.
  4. ^ aeronautica.difesa.it Archiviato il 11 febbraio 2015 in Internet Archive..
  5. ^ www.armedforces-int.com.
  6. ^ www.todayszaman.com Archiviato il 15 ottobre 2012 in Internet Archive..

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]