Genepì (liquore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Genepì
Genepy bottle.jpg
Una bottiglia di Genepì del Piemonte
Origini
Altri nomiGénépy
Luogo d'origineItalia Italia
RegioniPiemonte
Valle d'Aosta
Dettagli
Categoriabevanda
RiconoscimentoI.G.
Settorebevande alcoliche, distillati e liquori

Il genepì (o génépy) è un liquore tipico del Piemonte e della Valle d'Aosta, ottenuto dalla macerazione in alcool di artemisie alpine[1].

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2012 il Genepì del Piemonte (o Genepì Piemonte) ha ottenuto il riconoscimento dell'indicazione geografica[2], poi seguìto nel 2014 dal Genepì delle Alpi (o Génépi des Alpes)[3] e nel 2020 dal Genepì della Valle d'Aosta (o Génépi de la Vallée d'Aoste)[4].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Di origine antichissima, il genepì è tradizionalmente utilizzato come digestivo[5]. Si produce attraverso l'infusione prolungata in soluzione idroalcolica a freddo oppure la distillazione d'infuso di steli fiorali di genepì nero (Artemisia spicata) e/o genepì bianco (Artemisia umbelliformis), con l'aggiunta di sciroppo di zucchero[6]. La gradazione varia dai 30° ai 42°[7].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Damiano Gasparetto, la tavola del piemontese di ieri e di oggi, p. 206, ISBN 1-4457-6845-3.
  2. ^ Genepì del Piemonte IG, su Agraria.org.
  3. ^ Genepì delle Alpi IG, su Agraria.org.
  4. ^ A Artemisia Génépy IG Valle d'Aosta targato Distillerie St.Roch, su valledaostaglocal.it. URL consultato il 3 ottobre 2020.
  5. ^ Gazzetta n. 212 del 12 settembre 2014, su MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI. URL consultato il 4 dicembre 2019.
    «Il genepì è tradizionalmente utilizzato dai montanari delle valli alpine come pianta medicinale. Oltre alle le sue proprietà digestive, corroboranti e toniche, viene considerato efficace anche sulle vie respiratorie grazie alle sue proprietà espettoranti e decongestionanti, e pertanto utilizzato fin dal Medioevo per la cura di malattie da raffreddamento».
  6. ^ Dalla Fontina al Genepì, le eccellenze valdostane 'protette', su ANSA.it. URL consultato il 10 giugno 2015.
  7. ^ Il Liquore, su genepy.it. URL consultato il 10 giugno 2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]