Società Sportiva Dilettantistica Città di Gela

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Gela Calcio)
SSD Città di Gela
Calcio Football pictogram.svg
Biancoazzurri, Delfini
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px Bianco e Blu (Strisce).png Bianco - Azzurro
Simboli Delfino
Inno Gela, antico splendore
Pablo Ruvio e Claudia Di Giandomenico
Dati societari
Città Gela
Nazione Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Campionato Serie D
Fondazione 1994
Rifondazione 2006
Rifondazione 2011
Proprietario Famiglia Tuccio (60%)
Famiglia Mendola (40%)[1]
Presidente Italia Francesco Tuccio
Allenatore Italia Pietro Infantino
Stadio Vincenzo Presti
(4 200 posti)
Palmarès
Si invita a seguire il modello di voce

La Società Sportiva Dilettantistica Città di Gela, meglio nota come Gela, è una società calcistica italiana con sede nella città di Gela, in provincia di Caltanissetta.

Fu fondata nell'estate del 1994 con il nome di US Juveterranova Gela in seguito alla fusione dei due precedenti club della città, la Juventina e il Terranova. A partire dal 1996 ha inanellato 15 partecipazioni consecutive ai campionati professionistici debuttando, nella stagione 2009-2010, in Coppa Italia.

Nella stagione 2016-2017 milita nel campionato nazionale di Serie D.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Juventina Gela e Unione Sportiva Terranova Gela.

Juventina Gela e Terranova, entrambe con alle spalle una sola esperienza in Serie C2 (stagione 1979-1980 per il Terranova, stagione 1988-1989 per la Juventina)[2], complice la presidenza della famiglia Alabiso in entrambe le società, rispettivamente del cavalier Emanuele Alabiso (presidente dei giallorossi) e del figlio di Emanuele, il dottor Giuseppe Alabiso (per i rosanero), diedero vita nel 1994 ad un sodalizio, mediante il meccanismo della fusione, che in due stagioni raggiunse la Serie C2 rimanendoci per nove campionati consecutivi fino alla stagione 2004-2005, anno della prima promozione in Serie C1.[3]

Nel 2000, per motivi di sponsorizzazione comunale, si decise di cambiare i colori sociali optando per il giallo-rosso (colori della città) e di adottare il nome di Gela conservando la vecchia denominazione nella sigla J.T. passando così da "U.S. Juveterranova Gela" a "Gela JT" [4]. Dopo aver rischiato il fallimento nell'estate del 2005,[5] al termine della stagione 2005-2006 la società fallì dopo aver conquistato la salvezza sul campo.

Con l'adesione al Lodo Petrucci il Gela rimase fra i professionisti nella stagione 2006-2007 anche se in Serie C2,[4][5] mediante la fondazione della società sportiva Gela Calcio SpA presieduta da Angelo Tuccio. In seguito il Gela partecipò per due stagioni consecutive ai play-off, senza riuscire mai a vincerli. Al termine della stagione 2009-2010, il Gela conquistò comunque la promozione in Prima Divisione: il fallimento di numerose società portò a numerosi ripescaggi, compreso quello dei bianco-azzurri[6]. Il 22 gennaio 2011 sono annunciate le dimissioni del presidente Tuccio e dell'allenatore Provenza e i giocatori sono stati lasciati liberi di scegliere un'altra destinazione[7]; in un comunicato successivo, il massimo dirigente specificò di aver consegnato la società al sindaco per cedere il pacchetto azionario[8].

Il 30 giugno 2011 la società presentò un'iscrizione al campionato di Lega Pro Prima Divisione 2011-2012 che fu giudicata incompleta dalle autorità calcistiche, mettendo a rischio la permanenza nel calcio professionistico.[9] A metà luglio 2011, il presidente Angelo Tuccio non trovò i € 287.000 necessari per pagare Iva e Irap e la società fu esclusa dai campionati professionistici, con la prospettiva di non potersi iscrivere nemmeno in Serie D[10], militando nel girone A ragusano di Terza Categoria[11].

Il 27 settembre 2012 fu accolta la domanda di ripescaggio della società che fu inserita nel girone I siciliano di Seconda Categoria. Il 23 febbraio 2014 con 4 giornate d'anticipo dalla fine vinse il campionato di Prima Categoria Girone H, vincendo inoltre nella stessa stagione la Coppa Disciplina e la Coppa Sicilia. Il 7 settembre 2014 prese parte al campionato di Promozione Sicilia 2014-2015 girone D. Il 3 maggio 2015 vinse la finalissima play-off contro il Troina per 1-0 accedendo così, al campionato d'Eccellenza.[12]

Alla fine della stagione passata la società cambiò guida tecnica e sostituì il coach mazzarese Brucculeri, per il neo-allenatore Simone Pardo[13], ex centrocampista biancoazzurro nativo di Gela. La dura sconfitta inflitta dai sancataldesi nella quarta giornata di campionato (4-0), fa ritornare sui suoi passi il club gelese, che richiama nuovamente in panchina Brucculeri[14]. Il 17 aprile 2016, il Gela Calcio espugna il Presti vincendo 4-0 contro il Cus Palermo e conquistando così, la promozione in Serie D[15].

Il 5 luglio 2016 viene ufficializzata la scissione della sezione calcistica del Gela Calcio s.r.l. da quella dedita al futsal maschile. Quest'ultima mantiene nome e matricola, la sezione calcistica acquisisce una nuova matricola assumendo la denominazione di S.S.D. Città di Gela ar.l.[16]

Dopo alcune vicissitudini avute con l'amministrazione comunale di Gela legate alla questione dello Stadio Vincenzo Presti, il 29 luglio successivo, tramite un comunicato stampa la società annuncia ufficialmente le dimissioni del presidente Angelo Tuccio, in carica dal 2006[17]. Successivamente il club biancoazzurro venne affidato al nipote Francesco Tuccio[18].

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria della Società Sportiva Dilettantistica Città di Gela
  • 1994 - Dalla fusione tra Juventina Gela e Terranova nasce l'Unione Sportiva Juveterranova Gela.
  • 1994-1995 - 6° nel girone I del Campionato Nazionale Dilettanti.
Primo turno di Coppa Italia Dilettanti.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia Dilettanti.
Primo turno di Coppa Italia Serie C.
Fase a gironi di Coppa Italia Serie C.
Fase a gironi di Coppa Italia Serie C.
Fase a gironi di Coppa Italia Serie C.

  • 2000 - La società cambia denominazione in Gela J.T. s.r.l.
  • 2000-2001 - 7º nel girone C della Serie C2.
Fase a gironi di Coppa Italia Serie C.
Fase a gironi di Coppa Italia Serie C.
  • 2002-2003 - 14º nel girone C della Serie C2. Retrocesso dopo aver perso i play-out e successivamente ripescato.
Fase a gironi di Coppa Italia Serie C.
Fase a gironi di Coppa Italia Serie C.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia Serie C.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia Serie C.
  • 2006 - Al termine della stagione, la società fallisce finanziariamente e, a seguito di quest'ultimo, aderisce al Lodo Petrucci ottenendo l'iscrizione in Serie C2 con la denominazione di Gela Calcio S.p.A.
Fase a gironi di Coppa Italia Serie C.
Fase a gironi di Coppa Italia Serie C.
Terzo turno di Coppa Italia Lega Pro.
Primo turno di Coppa Italia.
Primo turno di Coppa Italia Lega Pro.

Fase a gironi di Coppa Italia Lega Pro.
  • 2011 - A seguito del fallimento per bancarotta, il Gela Calcio S.p.A. al termine della stagione non presenta la domanda di iscrizione.[19] Nell'estate, la società riprende la sua attività agonistica, ripartendo dal campionato provinciale di Terza Categoria.
  • 2011-2012 - 5° nel girone A della Terza Categoria Nissena. Green Arrow Up.svg Ripescato in Seconda Categoria a completamento organici.
  • 2012-2013 - 6° nel girone I della Seconda Categoria Sicilia. Green Arrow Up.svg Ripescato in Prima Categoria a completamento organici.
  • 2013 - La società cambia denominazione in Gela Calcio S.r.l.[20]
  • 2013-2014 - 1° nel girone H della Prima Categoria Sicilia. Green Arrow Up.svg Promosso in Promozione.[21]
Vince la Coppa Sicilia (1º titolo).[22]
  • 2014-2015 - 3° nel girone D della Promozione Sicilia. Green Arrow Up.svg Promosso in Eccellenza dopo aver vinto i play-off.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia Promozione.
Semifinalista di Coppa Italia Dilettanti Sicilia.
  • 2016 - In seguito alla scissione dal Gela Calcio S.r.l. (sodalizio attivo nel futsal maschile), la società assume la denominazione di Società Sportiva Dilettantistica Città di Gela ar.l.[16]
  • 2016-2017 - nel girone I della Serie D.
Turno preliminare di Coppa Italia Serie D.

Colori e simboli[modifica | modifica wikitesto]

Colori[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1994, con la fusione fra le due società del golfo, Terranova (i cui colori erano il giallo e il rosso)[23] e Juventina (con colori rosa e nero),[24] fu sperimentata una maglia che inglobasse gli abbinamenti cromatici dei due sodalizi; l'esperimento fu inefficace e la nuova società decise di mediare per una situazione oggettiva adottando dei nuovi colori, anche in virtù della rivalità che vigeva fra i tifosi delle due precedenti realtà. Si optò per il bianco e l'azzurro, in ricordo delle origini greche della città.[3]

A partire dal nuovo millennio la società riprese i colori giallo e rosso - originari del Terranova - incappando nel disaccordo degli ultras gelesi, ormai legati al biancoazzurro. Altro elemento da non trascurare era la rivendicazione del titolo sportivo da parte dei tifosi della Juventina, dato che al momento della fusione fu ripescata in Serie D mentre il Terranova conquistò la permanenza in Promozione solo dopo aver prevalso nello spareggio salvezza. Dunque, al biancoazzurro rivendicato dalla fazione più calda del tifo si contrapponeva il giallorosso preferito dai tifosi "moderati" e ciò fu fonte di diverse tensioni interne.[3]

Nel 2006, con l'arrivo alla presidenza di Angelo Tuccio, fu ripristinato l'accostamento bianco-azzurro.[3][23]

Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
1994-2000
Juveterranova Gela
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
2003-2004[25]
Gela JT
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
2004-2005
Gela JT
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
2005-2006[26]
Gela Calcio
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
2009-2010
Gela Calcio
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
2010-2011
Gela Calcio
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
2011-2012
Gela Calcio
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
2012-2013
Gela Calcio
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
2015-2016
Gela Calcio
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
2016-2017
Gela Calcio

Simboli ufficiali[modifica | modifica wikitesto]

Stemma[modifica | modifica wikitesto]

(2006-2011)

Lo stemma utilizzato da Terranova, Juventina e Juveterranova era formato da un'aquila con i colori sociali delle rispettive società come sfondo. Dal 2000 al 2006, per i motivi già citati, è stato usato l'emblema cittadino come stemma. Dal 2006 con la gestione Tuccio il simbolo scelto per affiancare i colori biancoazzurri è il delfino.

Mascotte[modifica | modifica wikitesto]

Il 9 marzo del 2008, in occasione del match casalingo contro il Real Marcianise, fu presentata la mascotte ufficiale della squadra, raffigurata da un delfino di colore blu scuro, con indosso la divisa ufficiale del club.[27]

Strutture[modifica | modifica wikitesto]

Stadio[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Stadio Vincenzo Presti.

Il Gela disputa le proprie partite casalinghe allo Stadio Vincenzo Presti. L'impianto, con una capienza di 4.200 posti[28], dotato di un terreno da gioco in erba sintetica[29], è situato nella contrada Giardinelli, via da cui ha preso il nome inizialmente la struttura. In seguito, lo stadio cambiò nome in onore dell'atleta gelese specializzato nella disciplina del mezzofondo Vincenzo Presti, attivo nel panorama sportivo siciliano degli anni trenta. Nella parte nord dello stadio sorge la curva Angelo Boscaglia, mentre a est la gradinata riservata agli ospiti è ad ovest la tribuna al coperto.

Centro di allenamento[modifica | modifica wikitesto]

La sede degli allenamenti è lo Stadio Vincenzo Presti.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Organigramma societario[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito l'organigramma societario.[30]

Staff dell'area amministrativa
  • Italia Francesco Tuccio - Presidente
  • Italia Lucio Antona - Vicepresidente
  • Italia Egidio Alma - Vicepresidente
  • Italia Rosario Faraci - Direttore amministrativo
  • Italia Vincenzo Cannizzaro - Direttore generale
  • Italia Giovanni Martello[31] - Direttore sportivo
  • Italia Giovanni Zappalà - Direttore tecnico
  • Italia Luigi Rivecchio - Responsabile settore giovanile
  • Italia Alessio Catania - Allenatore juniores

[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito l'elenco dei fornitori tecnici e degli sponsor ufficiali.[23]

Cronologia degli sponsor tecnici
  • 1994-2003 ...
  • 2003-2004 Legea
  • 2004-2005 Sport Point
  • 2005-2006 Sport Point/Onze
  • 2006-2007 ...
  • 2007-2015 Legea
  • 2015-2016 Joma/Sport Wear
  • 2016-2017 Joma
Cronologia degli sponsor ufficiali

Allenatori e presidenti[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Allenatori del Gela Calcio

Sono 24, gli allenatori che hanno ricoperto il ruolo tecnico del Gela Calcio dal 1994 ad oggi e 11, i presidenti presenti dall'anno di fondazione della società.

Allenatori
Presidenti
  • 1994-1996 Italia Emanuele Perna
  • 1996-1999 Italia Fabrizio Lisciandra[59][60]
  • 1999-2000 Italia Giovanni Peretti e Italia Arturo Carrabino
  • 2000-2002 Italia Francesco Manfrè[61]
  • 2002-2004 Italia Emanuele Fraglica[62]
  • 2004-2005 Italia Massimo Romano e Italia Giuseppe Cammarata[63]
  • 2005-2006 Italia Giuseppe Morinello (ago.-dic.)[64]
    Italia Arturo Carrabino[65]
  • 2006-2016 Italia Angelo Tuccio
  • 2016-oggi Italia Francesco Tuccio[66]

Calciatori[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatori del Gela Calcio

Capitani[modifica | modifica wikitesto]

  • non conosciuta ... (1994-1997)
  • Italia Angelo Consagra (1997-1998)
  • non conosciuta ... (1998-2005)
  • Italia Vincenzo Berti (2005-2006)[67]
  • Italia Marco Comandatore (2006-2007)[68]
  • Italia Vincenzo Berti (2007-2008)[69]
  • non conosciuta ... (2008-2009)

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

1995-1996 (girone I)

Competizioni regionali[modifica | modifica wikitesto]

2015-2016 (girone A)
2013-2014 (girone H)
  • Coppa Sicilia: 1
2013-2014

Altri piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

secondo posto: 2008-2009 (girone C)
terzo posto: 2004-2005 (girone C)
terzo posto: 2014-2015 (girone D)

Statistiche e record[modifica | modifica wikitesto]

Partecipazione ai campionati[modifica | modifica wikitesto]

Nazionali
Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Serie C1 1 2005-2006 2
Lega Pro Prima Divisione 1 2010-2011
Serie C2 11 1996-1997 2007-2008 14
Lega Pro Seconda Divisione 2 2008-2009 2009-2010
Serie D 1 2016-2017
Campionato Nazionale Dilettanti 2 1994-1995 1995-1996 2
Regionali
Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
I Eccellenza 1 2015-2016 1
II Promozione 1 2014-2015 1
III Prima Categoria 1 2013-2014 1
IV Seconda Categoria 1 2012-2013 1
V Terza Categoria 1 2011-2012 1

Partecipazioni alle coppe[modifica | modifica wikitesto]

Competizione Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Coppa Italia 1 2009-2010 1
Coppa Italia Serie C 12 1996-1997 2007-2008 15
Coppa Italia Lega Pro 3 2008-2009 2010-2011
Coppa Italia Serie D 1 2016-2017 1

Statistiche di squadra[modifica | modifica wikitesto]

La stagione 2013-2014, disputata in Prima Categoria, è una delle più vincenti e storiche del calcio gelese. Il Gela vince il campionato battendo ogni record nel corso delle 26 gare. Colleziona 25 vittorie, un solo pareggio (contro il Macchitella Gela) e nemmeno una sconfitta, totalizzando 76 punti. Inoltre mette a segno 114 reti subendone solamente 13.[77]

Statistiche individuali[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito i primatisti di presenze e reti.

Record di presenze
  • 324 Italia Marco Comandatore (1994-2003; 2004-2007)[78]
  • 168 Italia Nunzio Dario Di Dio (1996-2002)[79]
  • 167 Italia Nazzareno Scopelliti (2000-2005; 2009-2011)[80]
  • 157 Italia Luigi Milazzo (1996-2003)[81]
  • 153 Italia Danilo Rufini (1994-1999)[82]
  • 122 Italia Fabio Campanaro (2013-oggi)
  • 120 Italia Vincenzo Berti (2004-2008)[83]
  • 120 Italia Massimo Savio (2000-2004)[84]
  • 99 Italia Flavio Chiti (1997-2001)[85]
  • 99 Italia Rocco D'Aiello (2006-2010)[86]
Record di reti
  • 45 Italia Davide Ascia (2013-2015)
  • 35 Italia Nunzio Dario Di Dio (1996-2002)
  • 32 Italia Maurizio Nassi (1999-2001; 2015-oggi)[87]
  • 30 Italia Fabio Campanaro (2013-oggi)
  • 30 Italia Rosario Genova (2014-2015)[88]
  • 30 Brasile Franciel Hengemühle (2007-2009; 2010-2011)[89]
  • 23 Italia Felice Mezzasalma (2006-2007; 2013-2015)[90]
  • 21 Italia Virgilio Cirignotta (2011-2014)
  • 20 Italia Marco Comandatore (1994-2003; 2004-2007)
  • 19 Italia Emilio Docente (2000-2003; 2010-2011)[91]

Tifoseria[modifica | modifica wikitesto]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso della sua storia il Gela ha avuto al seguito un discreto numero di gruppi organizzati, schierati nella curva nord dello Stadio Vincenzo Presti, intitolata ad Angelo Boscaglia (fratello del tecnico gelese ed ex calciatore, Roberto Boscaglia[92]): Vecchio Stile 1987, Indians 1991, Kaotic Group, Nuove Brigate Gelesi 2005, Tipi Strani, Ultras Gela 2003.[93][94]

Gemellaggi e rivalità[modifica | modifica wikitesto]

La tifoseria gelese sostiene un unico gemellaggio con quella del Giugliano[93][94]. Amicizie si hanno invece con gli Ultras Pro Patria, vista la forte emigrazione gelese che ha visto Busto Arsizio come meta negli anni settanta, con i tifosi di Siracusa[senza fonte], Foggia[93][94], Mazara[93][94] e Akragas[senza fonte].

Cattivi rapporti vigono con i tifosi di Acireale[93][94], Ragusa, Vittoria, Paternò e Nissa[93][94].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gela, presentati i fratelli Mendola "La Lega Pro non deve essere un sogno irraggiungibile", retechiara.it. URL consultato il 15 settembre 2016.
  2. ^ La storia dell Juventina, http://www.gelacittadimare.it/. URL consultato il 16 settembre 2015.
  3. ^ a b c d La storia del Gela, http://www.gelacittadimare.it/. URL consultato il 16 settembre 2015.
  4. ^ a b L'avversario: il Gela del dottor Provenza Lacavese.it
  5. ^ a b Il Gela lotta in campo e contro la mafia iltirreno.gelocal.it
  6. ^ Nicola Binda, Prima divisione senza gare calde in tre regioni, in La Gazzetta dello Sport, 5 agosto 2010, p. 19.
  7. ^ Gela nel caos: Tuccio e Provenza vanno via Benevento con Evacuo, in La Gazzetta dello Sport, 22 gennaio 2011, p. 23.
  8. ^ Comunicato stampa 24 gennaio 2011, in GelaCalcio.it, 24 gennaio 2011.
  9. ^ Comunicato della Lega.
  10. ^ Fabrizio Parisi, L'Atletico Gela vicino alla radiazione e la città rischia un'altra umiliazione, quotidianodigela.it, 6 agosto 2013. URL consultato il 22 giugno 2014.
  11. ^ Comunicato LND n° 527
  12. ^ Il Gela calcio è promosso in Eccellenza
  13. ^ Il Gela riparte da Simone Pardo. URL consultato il 1 luglio 2016.
  14. ^ Gela Calcio: Esonerato Pardo, squadra affidata a Brucculeri. URL consultato il 1 luglio 2016.
  15. ^ Battuto il Cus Palermo, Gela: Festa promozione Serie D. URL consultato il 1 luglio 2016.
  16. ^ a b Calcio Sicilia, i gironi di Eccellenza, Promozione e Calcio A5, http://www.auroramilazzo.it/, 5 agosto 2016. URL consultato il 2 settembre 2016.
  17. ^ Gela Calcio, Tuccio shock: “Mi dimetto da presidente, il club è in vendita”, quotidianodigela.it. URL consultato il 18 agosto 2016.
  18. ^ Il Gela Calcio riparte ma al timone della società non c'è più Angelo Tuccio ma suo nipote Francesco, quotidianodigela.it. URL consultato il 18 agosto 2016.
  19. ^ COMUNICATO UFFICIALE N. 14/A (PDF), http://www.figc.it/, 18 luglio 2011. URL consultato il 9 luglio 2016.
  20. ^ Calcio in Sicilia, altri cambi di denominazione sociale e microcredito, http://www.auroramilazzo.it/, 25 luglio 2013. URL consultato il 7 dicembre 2016.
  21. ^ http://www.siciliaingol.it/classifica/sicilia/primacategoriagironeh-00004H2013/2014/
  22. ^ http://www.siciliaingol.it/2014/06/15/coppa-sicilia-al-gela-ma-festeggia-pure-il-partinicaudace-000996/
  23. ^ a b c LE FOTO DEL CALCIO - PRIMA SQUADRA, http://www.gelacittadimare.it/. URL consultato il 16 settembre 2015.
  24. ^ CALCIO MINORE, http://www.gelacittadimare.it/. URL consultato il 16 settembre 2015.
  25. ^ http://www.maglieinrete.it/Gela.htm
  26. ^ http://www.gelacittadimare.it/upfoto/Calcio/ca020.jpg
  27. ^ Ufficio marketing Gela Calcio (2008).
  28. ^ Stadio Vincenzo Presti, siracusacalcio.it. URL consultato il 2 settembre 2016.
  29. ^ Gela, l'idea: mandare in pensione lo stadio Presti, caltanissetta.gds.it. URL consultato il 2 settembre 2016.
  30. ^ Gela Calcio: Tuccio resta al timone della società. Al suo fianco due vicepresidenti: Alma e Antona. Direttore amministrativo sarà Faraci, http://www.today24.it/, 20 agosto 2015. URL consultato il 21 giugno 2016.
  31. ^ Il Gela inizia a lavorare alla D: Giovanni Martello è il nuovo direttore sportivo. URL consultato il 29 giugno 2016.
  32. ^ Gela Calcio mon amour 10 anni in biancoazzurro, p. 60.
  33. ^ Rosario Foti. URL consultato il 2 settembre 2016.
  34. ^ Giuseppe Galluzzo, transfermarkt.it. URL consultato il 2 settembre 2016.
  35. ^ Giuseppe Galluzzo, magliarossonera.it. URL consultato il 2 settembre 2016.
  36. ^ Riganò e 12.000 tifosi spingono il Taranto in vetta. URL consultato il 29 giugno 2016.
  37. ^ Ubaldo Righetti. URL consultato il 29 giugno 2016.
  38. ^ MERCATO: Pagotto ha firmato per la Triestina. URL consultato il 29 giugno 2016.
  39. ^ Il ritorno di Nuccio 'Gela da playoff', ricerca.repubblica.it. URL consultato il 2 settembre 2016.
  40. ^ Pietro Ruisi, transfermarkt.it. URL consultato il 2 settembre 2016.
  41. ^ Gela chiama Ugolotti, a Trapani torna Barraco, ricerca.repubblica.it. URL consultato il 2 settembre 2016.
  42. ^ Ex allenatore dell’Isernia al Gela, corrieredigela.it. URL consultato il 2 settembre 2016.
  43. ^ Calcio. Pasquale Casale nuovo allenatore del Gela Calcio, vallecaudina.net. URL consultato il 2 settembre 2016.
  44. ^ Il Gela è quasi pronto per la C2, corrieredigela.it. URL consultato il 2 settembre 2016.
  45. ^ Gela, all’esordio il tecnico Sanderra, corrieredigela.it. URL consultato il 2 settembre 2016.
  46. ^ Gela, comincia l’era Irrera, corrieredigela.it. URL consultato il 2 settembre 2016.
  47. ^ Ufficiale: Gela, torna Sanderra, tuttomercatoweb.com. URL consultato il 2 settembre 2016.
  48. ^ Muore a 51 anni Vincenzo Cosco, ex tecnico del Gela, accentonews.it. URL consultato il 2 settembre 2016.
  49. ^ Nicola Provenza, transfermarkt.it. URL consultato il 2 settembre 2016.
  50. ^ Gela, ufficiale: Ammirata nuovo tecnico, calciomercato.com. URL consultato il 2 settembre 2016.
  51. ^ Gela Calcio mon amour 10 anni in biancoazzurro, p. 62.
  52. ^ Gela Calcio: Lirio Torregrossa è il nuovo allenatore, sportdelgolfo.com. URL consultato il 2 settembre 2016.
  53. ^ Il Gela a Totò Brucculeri, corrieredigela.com. URL consultato il 2 settembre 2016.
  54. ^ Il Gela riparte da Simone Pardo, corrieredigela.com. URL consultato il 2 settembre 2016.
  55. ^ Gela Calcio, esonerato Simone Pardo, agrigentosport.com. URL consultato il 2 settembre 2016.
  56. ^ Ritorno al passato. Brucculeri è il nuovo allenatore del Gela Calcio, retechiara.it. URL consultato il 2 settembre 2016.
  57. ^ Gela: Brucculeri, faremo un gran campionato. URL consultato il 10 luglio 2016.
  58. ^ Gela, panchina a Pietro Infantino, tuttomercatoweb.com. URL consultato il 2 settembre 2016.
  59. ^ Gela: agguato al presidente. URL consultato il 2 settembre 2016.
  60. ^ Mafia, calcio ed imprenditoria nell’inchiesta “Leonina Societas”. URL consultato il 2 settembre 2016.
  61. ^ Sicilia, troppo isola del pallone. URL consultato il 2 settembre 2016.
  62. ^ Gela, contro il Melfi ricomincia la scalata. URL consultato il 2 settembre 2016.
  63. ^ Il calcio a Gela ai tempi di Ferrante. URL consultato il 2 settembre 2016.
  64. ^ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO (PDF). URL consultato il 23 novembre 2016.
  65. ^ Laurea a Carrabino ex presidente del Gela. URL consultato il 2 settmebre 2016.
  66. ^ Ultima ora: Il Gela dice addio, entro il 3 agosto si faccia vivo qualcuno per rivelare il club. URL consultato il 30 luglio 2016.
  67. ^ Gela, prossimo avversario del Napoli, napoli.com. URL consultato il 2 settembre 2016.
  68. ^ Gela, capitano congedato, http://www.corrieredigela.com/, 1 luglio 2007. URL consultato il 16 settembre 2015.
  69. ^ Si ricomincia con Franciel, corrieredigela.it. URL consultato il 2 settembre 2016.
  70. ^ Gela: tifosi divisi su Rocco D'Aiello, http://www.ilgiornaledellosport.net/, 8 dicembre 2009. URL consultato il 16 settembre 2015.
  71. ^ Sport: Il Gela Calcio presenta le nuove maglie, corrieredigela.it. URL consultato il 2 settembre 2016.
  72. ^ Il Gela a fatica nella tana del Foggia, corrieredigela.it. URL consultato il 2 settembre 2016.
  73. ^ Gela Calcio mon amour 10 anni in biancoazzurro, p. 80.
  74. ^ Seconda Categoria: Pareggio interno per il Macchitella, Gela Calcio corsaro a Ragusa, quotidianodigela.it. URL consultato il 2 settembre 2016.
  75. ^ L'intervista a Messana, 23 anni, capitano coraggioso, http://www.corrieredigela.com/, 25 gennaio 2015. URL consultato il 16 settembre 2015.
  76. ^ In attesa dell'esordio in Coppa Italia il Gela elegge Bonaffini capitano della squadra biancazzurra, http://www.corrieredigela.com/, 29 agosto 2015. URL consultato il 16 settembre 2015.
  77. ^ Prima categoria da record per il Gela calcio: Macchitella aspetta la Barrese, http://www.quotidianodigela.it/, 21 aprile 2014. URL consultato il 16 settembre 2015.
  78. ^ Marco Comandatore, tuttocalciatori.net. URL consultato il 1 settemebre 2016.
  79. ^ Nunzio Dario Di Dio, calciatori.com. URL consultato il 1 settembre 2016.
  80. ^ Nazzareno Scopelliti, tuttocalciatori.net. URL consultato il 1 settembre 2016.
  81. ^ Luigi Milazzo, calciatori.com. URL consultato il 1 settembre 2016.
  82. ^ Danilo Rufini, tuttocalciatori.net. URL consultato il 1 settembre 2016.
  83. ^ Vincenzo Berti, tuttocalciatori.net. URL consultato il 1 settembre 2016.
  84. ^ Massimo Savio, tuttocalciatori.net. URL consultato il 1 settembre 2016.
  85. ^ Flavio Chiti, calciatori.com. URL consultato il 1 settembre 2016.
  86. ^ Rocco D'Aiello, tuttocalciatori.net. URL consultato il 1 settembre 2016.
  87. ^ Maurizio Nassi, tuttocalciatori.net. URL consultato il 1 settembre 2016.
  88. ^ Colpo di mercato della Nissa: arriva Rosario Genova, siciliaingol.it. URL consultato il 1 settembre 2016.
  89. ^ Franciel Hengemühle, tuttocalciatori.net. URL consultato il 1 settembre 2016.
  90. ^ Felice Mezzasalma, tuttocalciatori.net. URL consultato il 1 settembre 2016.
  91. ^ Emilio Docente, tuttocalciatori.net. URL consultato il 1 settembre 2016.
  92. ^ Trapani, mister Boscaglia a TLP: "La promozione e per mio fratello", m.tuttolegapro.com. URL consultato il 17 settembre 2016.
  93. ^ a b c d e f Tifoserie meno blasonate, http://tifosiciliano.altervista.org/. URL consultato il 19 giugno 2016.
  94. ^ a b c d e f ULTRAS in Italia: Sicilia, http://archive.is/, 12 dicembre 2010. URL consultato il 19 giugno 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gela Calcio mon amour 10 anni in biancoazzurro, Gela, Corriere di Gela, 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]