Gazzetta Chimica Italiana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gazzetta Chimica Italiana
AbbreviazioneGazz. Chim. Ital.
StatoItalia
Linguaitaliano
Periodicitàmensile
Genererivista accademica
Formato29 cm
Fondazione1871
Chiusura1997
SedePalermo
EditoreSocietà chimica italiana
ISSN0016-5603 (WC · ACNP)
Sito web
 

La Gazzetta Chimica Italiana è stata una rivista scientifica italiana, organo della Società chimica italiana.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La rivista venne fondata a Palermo nel 1871. Nel dicembre 1997, ossia nel 127º anno dalla fondazione, in seguito a un accordo delle Società chimiche di Belgio, Francia, Germania, Paesi Bassi e Italia, gli organi nazionali delle società chimiche (rispettivamente, "Bulletin des Societes Chimiques Belges", "Bulletin de la Société chimique de France", "Chemische Berichte/Recueil", "Justus Liebigs Annalen der Chemie" e "Gazzetta Chimica Italiana") hanno cessato le pubblicazioni e si sono fuse per dare origine a due riviste europee di chimica: lo European Journal of Organic Chemistry e lo European Journal of Inorganic Chemistry.

La rivista aveva periodicità mensile. Gli articoli inizialmente erano in lingua italiana; negli ultimi decenni soprattutto in lingua inglese. ISSN 0016-5603 (WC · ACNP).

Fra i fondatori della rivista occorre ricordare Stanislao Cannizzaro, ordinario di Chimica all'Università degli studi di Palermo, ed Emanuele Paternò, che nel 1873 subentrerà all'università di Palermo a Cannizzaro, trasferito alla Sapienza di Roma.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Leonello Paoloni e Giovanni Paoloni, La fondazione della Gazzetta Chimica Italiana (1870-1871), Roma: Accademia Nazionale delle Scienze, 1990
  • Indice generale della Gazzetta Chimica italiana: Vol. I-XX (anni 1871-1890), Palermo: Tipografia Lo Statuto, 1898

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]