Gaz (dolce)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Gaz (Persiano: گز) è un torrone iraniano, conosciuto anche come torrone persiano.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

La parola persiana Gaz associata a gaz-angebin che tradotto sarebbe: "linfa di angebin", in riferimento alle specie di tamerisco[1] native della catena montuosa di Zagros ad ovest di Isfahan.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

La linfa dolce e lattiginosa trovata nel tamarisco è legata alla manna biblica. La sostanza bianca e appiccicosa creata dalla Cyamophila astragalicola[2] o dalla C. dicora[3] che ha vissuto su piante Astragalus adscendens ed è raccolto annualmente e combinato insieme ad altri ingredienti tra cui il pistacchio, la mandorla, l'acqua di rose e l'albume dell'uovo. Le versioni moderne di gaz non contengono più la linfa dolce, sostituita dallo zucchero o dallo sciroppo di mais[4][5].

La maniera tradizionale di servire il gaz è in pezzi rotondi di circa 4 cm di diametro. Una presentazione moderna invece è in piccoli parallelepipedi[6] Depending on the ingredients mixed in, gaz can have a subtle rose flavor, a nutty taste, or a savory and pungent profile. It can be white, or it can become another color because of the addition of spices (such as saffron) or nuts.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Wulff, Hans, M.I.T. Press, 1966, The traditional crafts of Persia: their development, technology, and influence on Eastern and Western civilizations
  2. ^ Bahram Grami, Gaz of Khunsar: The manna of persia [collegamento interrotto], in Economic Botany, vol. 52, nº 2, 1998, pp. 183–191, DOI:10.1007/BF02861207. URL consultato il 4 gennaio 2012.
  3. ^ Gaz(1), Encyclopædia Iranica, 2000. URL consultato il 4 gennaio 2012.
  4. ^ http://candy.about.com/od/nougatcandyrecipes/r/persian_nougat.htm
  5. ^ Copia archiviata, su ciaosamin.com. URL consultato il 5 gennaio 2012 (archiviato dall'url originale il 10 maggio 2013).
  6. ^ a b (EN) Heavenly Persian Nougat – Candy Atlas, su Candy Atlas. URL consultato il 29 ottobre 2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]