Gavino Sanna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gavino Sanna (Porto Torres, 1940) è un pubblicitario, scrittore, imprenditore e critico d'arte italiano. Per la sua attività di pubblicitario è considerato tra i più importanti al mondo, avendo ricevuto per tale attività numerosi premi.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo gli studi all'Istituto statale d'arte Filippo Figari a Sassari ed in seguito a New York, dove studia anche presso Andy Warhol, negli anni settanta comincia a lavorare nel campo pubblicitario americano, e torna in Italia alla fine degli anni settanta, realizzando alcune tra le prime pubblicità dopo la chiusura del plurideccennale spazio televisivo del Carosello. Nel 2006 lascia l'attività di pubblicitario per dedicarsi alla sua azienda vinicola Mesa.

Nel 2011 presenta il pittore Salvatore Garau alla Biennale di Venezia.

Campagne pubblicitarie[modifica | modifica wikitesto]

Tra le campagne pubblicitarie da lui realizzate si possono se non altro citare quelle per: Pasta Barilla, Pasta De Cecco, Tuborg, Giovanni Rana, Fiat, Simmenthal, Ariston, campagna elettorale del 2004 per Renato Soru, campagna elettorale del 2009 per Ugo Cappellacci, avversario di Renato Soru.

Premi[modifica | modifica wikitesto]

  • 7 Clio, oscar della pubblicità americana
  • 7 leoni a Cannes
  • 1 telegatto per la pubblicità Barilla (1986)

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Le uova di Woody Allen , Bompiani, 1988
  • Professione creativo, Aldo Biasi e Gavino Sanna, Bridge, 1991
  • Se si taglia i capelli ci daremo del tu, Mursia, 1998
  • L'inganno di un sorriso, Carlo Delfino Editore, 2003
  • Gavino sono. La vera storia dei martiri turritani, Carlo Delfino Editore, 2009
Controllo di autorità VIAF: (EN55833807 · ISNI: (EN0000 0000 6162 4029 · SBN: IT\ICCU\CFIV\075811 · LCCN: (ENn93117745 · BNF: (FRcb15616721f (data)
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Biografie