Gaudí (metropolitana di Barcellona)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Barcelona Metro Logo.svg Gaudí
Estación de Gaudí Barcelona Navidad 2008.jpg
La stazione Gaudí addobbata per il Natale 2008
Stazione della metropolitana di Barcellona
Gestore TMB
Inaugurazione mai aperta (1960)
Stato Chiusa
Linea L5gris.svg
Localizzazione Plaça de Gaudí
Tipologia Sotterranea
Dintorni Sagrada Família
Mappa di localizzazione: Barcellona
Gaudí
Gaudí
Metropolitane del mondo

Coordinate: 41°24′15.9″N 2°10′31.67″E / 41.404417°N 2.175465°E41.404417; 2.175465

Gaudí è una stazione della metropolitana di Barcellona che non è mai entrata in funzione pur essendo stata completata. Si trova sul percorso della linea L5 tra le stazioni Sagrada Família e Sant Pau-Dos de Maig.[1] Al suo livello superiore c'è la sede delle associazioni dei lavoratori di Transports Metropolitans de Barcelona in pensione.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La stazione fu completata pronta per l'esercizio nel 1960, nell'ambito dell'allora linea II ma pochi mesi dopo fu attuata la modifica di progetto che trasformò la vecchia linea II nell'attuale linea 5 con conseguente incorporazione della stazione nel tracciato di quest'ultima. A seguito di questa variazione, la stazione di Gaudí si sarebbe venuta a trovare a poche decine di metri di distanza dalla già operativa stazione della Sagrada Familía appartenente alla stessa linea e quindi fu deciso che non sarebbe stata utilizzata. Nonostante questo, si tratta della stazione non utilizzata della metropolitana di Barcellona con il miglior stato di conservazione. Il Comune di Barcellona l'ha utilizzata come base per studi statistici sulla frequenza dei treni ed è stata utilizzata anche per girarvi spot pubblicitari[1][2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (CA) L'estació 'fantasma' del metro de Barcelona més ben conservada és la de Gaudí, l'única que no ha funcionat mai, su directe.cat, 28 settembre 2008. URL consultato il 16 agost 2010 (archiviato dall'url originale il 1º aprile 2011).
  2. ^ (CA) Mercè Miralles, Estacions fantasma, in Presència, nº 1929, 6-12 febbraio 2009.