Gaspare Guercio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Porta Nuova, adiacente al Palazzo dei Normanni.
Palermo-Porta-Nuova-bjs-2.jpg
Statua della Madonna di Trapani.

Gaspare, detto Guercio (Palermo, 1611 – 1670-1679), è stato uno scultore e architetto italiano.

Fu un significativo artista del barocco siciliano, soprattutto scultore ma anche architetto progettista di decorazioni.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu avviato al mestiere di scultore dal padre valente "marmoraio" e scultore. Cominciò la sua attività, con l'aiuto di Niccolò Travaglia, come scalpellino e poi scultore, maturando comunque anche competenze come architetto. Nel 1635 gli fu affidata la sistemazione della piazza antistante la chiesa di Sant'Antonino. Nel 1639 fu anche nominato architetto regio e nel 1643 architetto del Senato palermitano come anche altri scultori prima e dopo di lui. Ebbe prestigiose commissioni a Palermo come la ricostruzione di Porta Nuova (1669) e l'esecuzione delle statue delle sante protettrici per la balaustra del Duomo. Nella Cattedrale scolpì anche la statua di san Giovanni per la Cappella del Crocifisso e il Sepolcro per l'arcivescovo Martino León.

Ebbe come allievo e collaboratore Gaspare Serpotta, padre del più famoso Giacomo Serpotta.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Palermo[modifica | modifica wikitesto]

Altre località[modifica | modifica wikitesto]

  • Medaglione raffigurante San Giorgio nell'atto di salvare una fanciulla, manufatto marmoreo del 1660, opera presente nel prospetto della chiesa di San Giorgio Martire di Caccamo.
  • Altare, manufatto marmoreo del 1663, opera presente nella basilica di Santa Maria Assunta di Randazzo.
  • Sant'Anna e Maria Bambina, gruppo scultoreo in marmo, attribuizione, opera custodita nel convento di Santa Maria delle Grazie di Burgio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Francesco Abbate, Storia dell'arte nell'Italia meridionale, Volume 4, 2002, pag. 121-122,ISBN 8879897209
  2. ^ Gaspare Palermo Volume quarto, pp. 258.
  3. ^ Gaspare Palermo Volume quarto, pp. 272.
  4. ^ Pagina 5, Gaspare Palermo, "Guida istruttiva per potersi conoscere ... tutte le magnificenze ... della Città di Palermo" [1], vol. 3, Palermo, Reale Stamperia, 1816.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Archivio biografico comune di Palermo [2]