GamesRadar+

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
GamesRadar+
sito web
Logo
URL
Tipo di sitoSito di videogiochi
LinguaInglese
Registrazionefacoltativa
Scopo di lucro
ProprietarioFuture Publishing
Creato daDaniel Dawkins
Lancio1º marzo 2006
Fatturatopubblicità
Stato attualeattivo

GamesRadar+, in origine chiamato GamesRadar, è un sito web d'informazione dedicato ai videogiochi di proprietà di Future Publishing, una sussidiaria di Future plc, e fondato nel 2006.[1][2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel settembre 2014, i siti web Total Film e SFX (partner di GamesRadar) sono stati fusi nello stesso GamesRadar;[3] in seguito alla fusione, il sito è stato rinominato 'GamesRadar+ nel mese di novembre.[4] Nel dicembre 2014, è stato confermato che anche i siti Edge e Computer and Video Games, precedentemente chiusi, sarebbero stati fusi all'interno di GamesRadar+.[5]

Il 4 febbraio 2016, è stato annunciata la promozione di Daniel Dawkins a nuovo caporedattore di GamesRadar+.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Ellie Gibson, GamesRadar and Cheat Planet readership tops 3.25 million, su GamesIndustry.biz, 19 luglio 2007.
  2. ^ (EN) GamesIndustry International, Future's GamesRadar.com Debuts With An Impressive 2.6 Million Unique Visitors In March, su GamesIndustry.biz, 21 aprile 2006.
  3. ^ (EN) Matthew Jarvis, Future's Total Film, SFX Online and GamesRadar to combine into one site, su MVC, 30 settembre 2014.
  4. ^ (EN) Sophia Tong e Dave Bradley, Ping from the Radar - A letter from the Editor, su GamesRadar+, 17 novembre 2014.
  5. ^ (EN) Christopher Dring, Official: Future will close CVG website, news and reviews now coming to GamesRadar+, su MVC, 19 dicembre 2014.
  6. ^ Daniel Dawkins promoted to Global Editor in Chief of GamesRadar+, su PR Newswire, 4 febbraio 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]