Game Dev Tycoon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Game Dev Tycoon
videogioco
PiattaformaMicrosoft Windows, macOS, Linux
Data di pubblicazioneMondo/non specificato 10 dicembre 2012
GenereGestionale
SviluppoGreenheart Games
PubblicazioneGreenheart Games, Valve Corporation, Headup Games
Modalità di giocoGiocatore singolo
Periferiche di inputTastiera, mouse
Distribuzione digitaleSteam, Windows Store

Game Dev Tycoon è un videogioco gestionale economico sviluppato da Greenheart Games, azienda fondata nel luglio 2012 dai fratelli Patrick e Daniel Klug.

Ispirato a Game Dev Story di Kairosoft, disponibile per iOS e Android), il gioco è incentrato sullo sviluppo di videogiochi.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il gioco è ambientato all'interno di un garage dove il protagonista, con poco denaro e scelte limitate, può guadagnare denaro producendo videogiochi indipendenti. Una volta raggiunta una cifra considerevole può trasferirsi in un ufficio e assumere dipendenti che contribuiscano allo sviluppo del videogioco. Il gioco prosegue sbloccando via via stanze più capienti e uno staff più numeroso.

Il videogioco termina dopo trentasei anni di gioco, in cui si ripercorre la storia delle console e dei videogiochi delle varie ere videoludiche.

Sistema anti-pirateria[modifica | modifica wikitesto]

Il videogioco è stato reso celebre da una misura anti-pirateria, sviluppata da Patrick Klug: il fondatore di Greenheart Games ha infatti fatto circolare una versione pirata del gioco opportunamente modificata.[1] La versione è identica al videogioco originale, eccetto il fatto che è impossibile completarla.[2] Avanzando nel gioco l'utente riceve il seguente messaggio:

(EN)

« Boss, it seems that while many players play our new game, they steal it by downloading a cracked version rather than buying it legally. If players don’t buy the games they like, we will sooner or later go bankrupt. »

(IT)

« Capo, sembra che molti dei giocatori che stanno giocano al nostro nuovo gioco, abbiano preferito rubarlo scaricando una versione pirata invece di compralo legalmente. Se i giocatori non acquistano i giochi che apprezzano, primo o poi finiremo in bancarotta. »

In seguito a questo messaggio la pirateria porta gradualmente il protagonista alla bancarotta.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Videogiochi