Gallirallus striatus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Rallo pettoardesia
Hypotoenidia obscurioria - Hypotoenidia striatus.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Aves
Ordine Gruiformes
Famiglia Rallidae
Genere Gallirallus
Specie G. striatus
Nomenclatura binomiale
Gallirallus striatus
(Linnaeus, 1766)

Il rallo pettoardesia (Gallirallus striatus Linnaeus, 1766) è un uccello della famiglia dei Rallidi originario della regione orientale.[2]

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Attualmente vengono riconosciute sei sottospecie di rallo pettoardesia:[2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il rallo pettoardesia è un rallo di medie dimensioni (27 cm), dal corpo ricoperto quasi interamente da strisce. La sommità del capo e la parte posteriore del collo sono castane, mentre la parte anteriore di quest'ultimo e il petto sono di colore blu-ardesia. Le regioni superiori, marroni, sono marezzate di bianco. La regione che va dalla parte bassa del petto al sottocoda è ricoperta da strisce bianche e nere. Il becco, di colore rosso, è abbastanza lungo e robusto, e incurvato verso il basso. Le zampe sono grigie. I sessi sono simili, ma la femmina presenta la zona centrale del petto di colore bianco immacolato. I giovani sono ricoperti da strisce marroni.

Il richiamo è costituito da uno stridulo gelek, ripetuto più volte.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Il rallo pettoardesia occupa un vasto areale, che comprende gran parte del subcontinente indiano, l'Assam, il Bangladesh e lo Sri Lanka. Si incontra anche in Cina e nel Sud-est asiatico.

Predilige le zone di fitta vegetazione nei pressi delle paludi di acqua dolce e le boscaglie adiacenti.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Il rallo pettoardesia è un uccello estremamente timido e dalle abitudini prevalentemente crepuscolari. Si nutre di insetti e semi.

Il nido, ben nascosto, viene costruito sul terreno. Nelle regioni occidentali dell'areale, nella zona di Dehradun, nelle colline ai piedi dell'Himalaya, la specie è stata vista nidificare in luglio.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) BirdLife International 2012, Gallirallus striatus, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2019.2, IUCN, 2019.
  2. ^ a b (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Rallidae, in IOC World Bird Names (ver 9.2), International Ornithologists’ Union, 2019. URL consultato il 12 maggio 2014.
  3. ^ Kumar P. and Kumar R.S. (2009) Record of Slaty-breasted Rail Rallus striatus breeding in Dehradun, India. Indian Birds 5(1): 21-22

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli