Galliano Gervasi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Galliano Gervasi
Galliano Gervasi 1948.jpg

Deputato dell'Assemblea Costituente
Gruppo
parlamentare
Comunista

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature I, II
Circoscrizione Toscana

Dati generali
Partito politico Partito Comunista Italiano
Professione falegname

Galliano Gervasi (Foiano della Chiana, 15 novembre 1899Arezzo, 19 marzo 1970[1]) è stato un politico, partigiano e sindacalista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Iscritto al Partito Socialista Italiano dal 1917, aderisce alla mozione del XVII Congresso del Partito Socialista Italiano di Livorno, aderendo al Partito Comunista d'Italia. Partecipa agli scontri con i movimenti fascisti attivi nel territorio aretino. In uno di questi, in località Renzino, vengono uccisi tre militi fascisti. Incarcerato, viene condannato a 22 anni di reclusione; ne sconta 12, impegnando questi anni nello studio e nel completamento della personale formazione politica.

Scarcerato nel 1933 rientra nel suo paese natale, continuando nella sua attività propagandistica. A seguito dell'Armistizio del 1943, aderisce alla Resistenza attiva nel suo territorio. Al termine del conflitto viene nominato dal CLN sindaco della città di Foiano, ed eletto alla'Assemblea Costituente nelle file del Partito Comunista Italiano. Viene in seguito eletto al Senato della Repubblica nella I e II Legislatura. Concluso il secondo mandato, rientra a Foiano dove viene rieletto sindaco.

Nel 1946 è tra i fondatori della Confederazione nazionale dell'artigianato e della piccola e media impresa, di cui è Presidente dal 1953 al 1959.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ E' morto ad Arezzo il compagno sen. Galliano Gervasi, l'Unità 20 settembre 1970 [collegamento interrotto], su archiviostorico.unita.it. URL consultato il 6 maggio 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN245471409 · ISNI (EN0000 0003 7005 8016 · WorldCat Identities (EN245471409