Galleria del Corso (Milano)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Galleria del Corso
Milano gall Corso cupola.JPG
Interno della Galleria
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneLombardia Lombardia
LocalitàMilano
IndirizzoCorso Vittorio Emanuele II,
Piazza Beccaria
Coordinate45°27′53.28″N 9°11′42.5″E / 45.4648°N 9.19514°E45.4648; 9.19514Coordinate: 45°27′53.28″N 9°11′42.5″E / 45.4648°N 9.19514°E45.4648; 9.19514
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Costruzioneinizio XX secolo
UsoGalleria commerciale
Realizzazione
ArchitettoPier Giulio Magistretti

Galleria del Corso di Milano è un passaggio coperto che collega corso Vittorio Emanuele II con Piazza Beccaria.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La prima idea di costruire una galleria che andasse da Corso Vittorio Emanuele II a Piazza Beccaria sorse prima della grande guerra: tuttavia il progetto venne approvato solo attorno al 1920; i lavori iniziarono con molto ritardo attorno al 1926 su progetto dell'architetto Pier Giulio Magistretti, per concludersi solo nel 1935.

La galleria, inizialmente criticata per l'aspetto definito tozzo e sgraziato, fu resa famosa come luogo mondano, grazie alla sede di tre cinema, due teatri nelle immediate vicinanze e come punto d'incontro di musicisti[1], tant'è che nei suoi tempi d'oro la galleria durante il giorno era spesso frequentata da musicisti in cerca di un ingaggio.

Nel 2011 è stato compiuto un parziale restauro della galleria grazie ai lavori di un centro commerciale al suo interno.

Architettura[modifica | modifica wikitesto]

La galleria fu commissionata larga dieci metri, con pavimenti in marmo e mosaici alla veneziana, il lucernario con decorazioni in metallo e con struttura in ferro e vetro: la galleria è lunga 85 metri.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ v. etichetta discografica Galleria del Corso e Sugar Music

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]