Gallaratese (quartiere di Milano)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Gallaratese (quartiere))
Quartiere Gallaratese
Milano quart Gallaratese.JPG
Veduta del quartiere Gallaratese
Stato Italia Italia
Regione Lombardia Lombardia
Provincia Milano Milano
Città Milano
Circoscrizione Municipio 8
Mappa di localizzazione: Milano
Quartiere Gallaratese
Quartiere Gallaratese
Quartiere Gallaratese (Milano)

Coordinate: 45°29′39″N 9°07′03″E / 45.494167°N 9.1175°E45.494167; 9.1175

Il quartiere Gallaratese è un quartiere di Milano facente parte del Municipio 8, situato a poco più di 7 km a nord-ovest del duomo. Idealmente esso comprende tutto l'ampio territorio compreso tra il comune di Pero a nord, via Gallarate a est, Trenno a ovest e Lampugnano a sud. Esse sono unite dal centro commerciale Bonola, punto nevralgico del quartiere con numerosi servizi pubblici e negozi.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Murales sui muri della centrale del vapore del quartiere Gallaratese

Il quartiere Gallaratese è uno dei quartieri più grandi costruiti ex novo in Italia. È stato costruito sopra un'area agricola solcata dal fiume Olona (il cui corso è ora interrato) tra gli anni sessanta e ottanta, attraverso una serie di interventi edilizi per la costruzione di ampi isolati di condomini popolari. In tempi più recenti, costruzioni più piccole e di tipologia abitativa differente stanno gradualmente riempiendo anche i pochi spazi rimasti inedificati. La popolazione residente sfiora le 80.000 unità.

Il quartiere è servito dalla linea M1 della metropolitana (fermate Uruguay, Bonola, San Leonardo, Molino Dorino) e da cinque linee automobilistiche ATM (40, 64, 68, 69, 72). Questa copertura, piuttosto estesa per un quartiere periferico, è in ragione dell'elevato numero di residenti (alcune decine di migliaia), della adiacenza a grandi arterie stradali, la Tangenziale Ovest e la statale del Sempione, e della presenza di alcuni edifici di pubblica utilità, tra i quali il Centro Bonola, la Motorizzazione Civile e alcuni centri educativi nelle vie Alex Visconti e Quarenghi. All'interno del quartiere è presente anche uno studentato di proprietà del Politecnico di Milano, il collegio San Leonardo / Newton.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1955 iniziò la revisione del piano regolatore di Milano relativa ad aree specifiche; Piero Bottoni assunse il compito di progettare un piano particolareggiato in accordo con gli uffici tecnici comunali. Il 13 marzo 1956 Bottoni consegnò il progetto urbanistico «redatto in forma di proposta di piano particolareggiato dopo l'approvazione delle varie Commissioni urbanistiche». Il progetto prevedeva un solo quartiere di 80.000 abitanti in un'area di 275 ha.[1].

La pianificazione del quartiere nasce come progetto sperimentale, sulla base della scelta dell'Ottava Triennale di Milano, che si dava come obiettivo la ricerca di soluzioni di edilizia economica alle spalle del quartiere QT8 (quartiere Triennale 8).

A partire dal 1957, il Comune, sceglie di accantonare il piano presentato da Piero Bottoni per autorizzare quello del C.E.P. Quest'ultimo, di matrice profondamente antecedente rispetto a quello approvato, prevede ancora la divisione in due quartieri distinti G.1 e G.2. Si inizia a costruire il nuovo quartiere Gallaratese G.1. che sorge sull'area su cui si sarebbe dovuto realizzare una delle quattro “città satelliti”, il quartiere Costanzo Ciano[2] e vede la collaborazione di ben 68 progettisti coordinati da Gianluigi Reggio.[3]

Il quartiere cresce con una certa "casualità", senza un disegno ponderato degli spazi e delle funzioni. Dal 1964 al 1974 il quartiere viene completato da Gallaratese G2 e S. Leonardo.

Il progetto originale viene disatteso soprattutto per quanto riguarda i servizi collettivi e la sistemazione urbanistica, nonché per la distribuzione del verde. Il risultato definitivo è la costruzione di insediamenti che assolvono ad una sola funzione, quella residenziale, costringendo gli abitanti a lunghi trasferimenti per raggiungere le attività produttive, le strutture commerciali. Anche la maggior parte degli edifici parrocchiali del quartiere sono rimasti per decenni dei piccoli prefabbricati dove la comunità si riuniva e che, solo alla fine del ventesimo secolo, sono stati ricostruite in muratura[4].

Gli anni a cavallo del 1970 videro la costruzione delle Torri, che caratterizzano ancora oggi lo skyline del quartiere.[5]

Dal 1980 il quartiere è raggiungibile dal centro della città tramite la Metropolitana di Milano con le stazioni Uruguay, Bonola, S. Leonardo e Molino Dorino.

Nei decenni successivi il quartiere è cresciuto fino ad occupare tutto il territorio disponibile fino al confine con il territorio comunale di Pero ed ha visto numerose attività commerciali trovare insediamento. È importante ricordare la costruzione del centro civico e Municipale all'inizio degli anni ottanta[6], laddove il papa fece visita nel 1983. A fianco di questo comprensorio venne poi costruito il centro commerciale Bonola (nel 1988), che riunisce una sede decentrata del servizio anagrafe del Comune, la sede del consiglio del Municipio 8, una biblioteca, la ASL ed un ipermercato.

Interno del blocco di Aymonino
Schizzo della piazza con il teatro all'aperto

I progetti di Aymonino e Rossi[modifica | modifica wikitesto]

Il Complesso Monte Amiata fa parte di un intervento urbanistico realizzato su progettato di Carlo Aymonino al quale si affiancò Aldo Rossi. Il complesso è costituito da 5 edifici: 4 progettati dallo stesso Aymonino e uno costituito da un edificio in linea lungo 180 m. da A. Rossi. Il complesso fu realizzato per ospitare 2.500 abitanti[7]. Iniziato nel 1967 i lavori di completamento si conclusero nel 1974.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Edilizia sovvenzionata a Milano, in "Urbanistica" n. 24/25 (1958), pp. 188–193.
  • Maurizio Grandi, Attilio Pracchi, Milano. Guida all'architettura moderna, Zanichelli, 1980. ISBN 8808052109.

Ulteriori approfondimenti:

  • Piero Bottoni, Proposta di un piano urbanistico dei quartieri residenziali a sud della via Gallaratese, in "Edilizia Popolare" n. 10, maggio 1956, pp. 42–44.
  • Il quartiere Gallaratese a Milano: sviluppo urbanistico e partecipazione popolare, numero monografico di "Edilizia Popolare" n. 119, luglio-agosto 1974.
  • M. Romano, Il quartiere Gallaratese: limiti della partecipazione tra governo cittadino e comitati di base, in "Urbanistica" n. 68-69, dicembre 1978, pp. 94–98.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]