Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Galaxian

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Galaxian
videogioco
Galaxian.png
Immagine di gioco (arcade)
Titolo originaleギャラクシアン
PiattaformaArcade, Atari 2600, Atari 5200, Apple II, ColecoVision, Game Boy, Commodore VIC-20, Commodore 64, ZX Spectrum, NES, PC booter, FM-7, MSX, NEC PC-8801, Atari 8-bit, Sharp X1, Palm OS
Data di pubblicazioneArcade: ottobre 1979
Conversioni: 1980-1984
GenereSparatutto a schermata fissa
TemaFantascienza
SviluppoNamco
PubblicazioneNamco, Midway Games, Atari, Atarisoft, Bug-Byte
Periferiche di inputJoystick, tastiera
SupportoCartuccia, dischetto
Distribuzione digitaleVirtual Console
Seguito daGalaga
Specifiche arcade
CPUZ80 a 3,072 Mhz
SchermoRaster verticale
Risoluzione768 x 224, a 60,6 Hz
Periferica di inputJoystick 2 direzioni, 1 pulsante

Galaxian (ギャラクシアン?) è uno dei videogiochi arcade più famosi dell'anno 1979. Prodotto dalla Namco, fu il primo di una lunga serie di sparatutto a schermata fissa a tema spaziale. È il primo videogioco ad utilizzare la scheda madre Namco Galaxian e il primo ad avere una grafica basata sullo schema di colori RGB. Venne pubblicato in conversioni ufficiali per numerose console e computer, oltre a ispirare molte varianti non ufficiali ed essere incluso in raccolte di classici come Namco Museum per piattaforme più moderne.

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Il gioco riprende l'idea di fondo di Space Invaders. Il giocatore guida una astronave che si sposta solo a destra e a sinistra alla base dello schermo, e deve fronteggiare flotte di navicelle aliene che hanno la forma di insetti. La differenza principale rispetto a Space Invaders sono le traiettorie delle navi nemiche, più complesse ed imprevedibili. Mentre il grosso della flotta ondeggia in cima allo schermo, sempre alla stessa altezza, periodicamente una o più navicelle in formazione se ne distaccano e piombano verso il basso, cercando di eliminare il protagonista sparandogli o speronandolo. Se non vengono distrutte, escono dal basso e ricompaiono in alto, riprendendo il loro posto nel gruppo principale. Gli alieni-insetto sparano anche in modo più preciso rispetto a Space Invaders, e il giocatore non può proteggersi in alcun modo dai colpi nemici. Per il giocatore non è possibile sparare a raffica, e bisogna aspettare che un colpo scompaia dallo schermo, centrando un bersaglio o uscendo in alto, prima di poterne sparare un altro.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Galaxian nasce durante l'età dell'oro dei videogiochi arcade e, seppure con i suoi limiti, introduce qualche novità nel panorama videoludico, in particolare l'uso intenso dei colori e il movimento complesso dei nemici. In futuro la Namco raffinerà la formula con Galaga e continuerà con i successivi Gaplus, Galaga '88, Galaxian 3.

La nave ammiraglia nemica, che appare sempre in numero limitato in cima alla flotta e attacca con una scorta di navicelle minori, divenne un'icona che fece molte apparizioni in altri videogiochi Namco, come Pac-Man e Dig Dug, nei quali rappresenta un bonus da raccogliere.

Porting[modifica | modifica wikitesto]

Una versione del gioco è presente anche in Ridge Racer per PSX.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Galaxian (JPG) (Atari 2600), in Videogiochi, nº 13, Milano, Gruppo Editoriale Jackson, marzo 1984, pp. 64-44, ISSN 0392-8918 (WC · ACNP).
  • Galaxian (JPG) (MSX), in Zzap!, anno 3, nº 25, Milano, Edizioni Hobby, giugno 1988, p. 60, OCLC 955306919.
  • (EN) Tony Mott, Galaxian, in 1001 Video Games You Must Play Before You Die, Hachette UK, 5 dicembre 2011.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi