Galata − Museo del mare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Galata - Museo del Mare di Genova)
Galata − Museo del mare
Galata Museo del Mare Genoa.jpg
Ubicazione
Stato Italia Italia
Località Genova
Indirizzo Calata De Mari, 1 (Darsena - Via Gramsci)
Caratteristiche
Apertura 2004
Sito web

Coordinate: 44°24′51.2″N 8°55′24.3″E / 44.414222°N 8.923417°E44.414222; 8.923417

Il Galata − Museo del mare di Genova è il museo dedicato a questo genere più grande dell'area del mar Mediterraneo e anche uno dei più moderni d'Italia.

Galata è uno storico quartiere di Istanbul, e, fino al XV secolo, sede di una delle più importanti comunità genovesi nel Mediterraneo. Perciò alla fine dell'Ottocento, quando il Comune di Genova costruì un quartiere di docks commerciali, al più antico di questi venne dato il nome dell'antica colonia. Nell'Ottocento, “il Galata” aveva già una storia lunga quasi tre secoli: nella sua parte inferiore, infatti, venivano costruite le galee della Repubblica di Genova e l'edificio faceva parte dell'Arsenale, il complesso militare e marittimo più importante della città. Nel Novecento, “il Galata” perse la sua funzione commerciale e venne abbandonato. Alla fine degli anni '90, il Comune decise di stabilire qui la sede del futuro museo marittimo di Genova.

Inaugurato nel 2004, il museo sorge nel Palazzo Galata, la cui ristrutturazione è stata studiata dall'architetto spagnolo Guillermo Vázquez Consuegra.

Il museo ospita, oltre a una riproduzione in scala naturale di una galea genovese, parecchie sale interattive in cui capire che cosa voleva dire, in diverse epoche, andar per mare. Una di queste è la mostra "La Merica" che mostra il viaggio dei nostri antenati verso l'America.

Numerose sono le sale dedicate al commercio marittimo e all'andar per mare ai tempi della repubblica marinara di Genova.

Il museo espone anche una sezione dedicata ai transatlantici con carte nautiche e una simulazione di tempesta al largo di capo Horn.

Il Galata - Museo del mare offre anche una sala per mostre, libreria, caffetteria con terrazza. È sede di attività con scuole, favorite anche dalla vicinanza del polo museale con la stazione di Genova Principe e la prossimità della fermata della metropolitana "Darsena".

Nel 1978 al largo delle isole Falkland nel Sud dell'Oceano Atlantico l'imbarcazione di Ambrogio Fogar viene probabilmente colpita da un'orca oppure da un'onda anomala e affonda in breve tempo. Ambrogio e il compagno di viaggio Mauro Mancini riescono a portarsi in salvo su una zattera dove furono salvati 74 giorni dopo, ma purtroppo Mancini non sopravvisse. Nel 2010, a 32 anni di distanza, la famiglia Fogar decide di donare la zattera al Galata - Museo del mare di Genova; la donazione è stata fatta direttamente dalla figlia Francesca Fogar[1].

Mostre[modifica | modifica wikitesto]

Piano terra[modifica | modifica wikitesto]

  • Bookshop
  • 0. "L'affresco" di Renzo Piano
  • Auditorium
  • 1. Genova, il Porto dopo il Medioevo
  • 2. Cristofolo Colombo, un marinaio genovese?
  • 3. Andrea Doria e le galee genovesi
  • 4. Le armi della Repubblica
  • 5. Arsenale: la galea sullo scalo
  • 6. Ludoteca galea

Primo piano[modifica | modifica wikitesto]

  • 7. Galee, tra storia e arte
  • 8. Il ponte della galea
  • 9. Viaggio ai tempi delle galee
  • 10. Atlanti e Globi
  • 11. I vascelli
  • Deposito
  • Saletta dell'Arte
  • Galata caffè

Secondo piano[modifica | modifica wikitesto]

  • 12. Genova e l'età delle rivoluzioni
  • 13. Tempeste & naufragi
  • 14. Le scienze nautiche
  • 15. Il brigantino "Anna"
  • 16. Cantiere navale
  • Centro di documentazione Renzo Piano
  • Spazio didattico
  • 17. Galleria Beppe Croce
  • Galleria delle esposizioni

Terzo piano[modifica | modifica wikitesto]

  • 18. 1861, la chiamata
  • 19. Genova e i suoi vicoli è la porta di partenza
  • 20. La Stazione Marittima
  • 21. L'imbarco. La partenza
  • 22. La vita a bordo del piroscafo "Città di Torino"
  • 23. La boca (Argentina)
  • 24. La fazenza (Brasile)
  • 25. Ellis Island (USA)
  • 26. Italia 2011
  • 27. Il piroscafo
  • 28. Scuola dei sommergibili

Quarto piano[modifica | modifica wikitesto]

  • Terrazza Mirador
  • Sala Vespucci
  • Sala orologi

Un sommergibile come museo galleggiante[modifica | modifica wikitesto]

L'area della Darsena con i pescherecci e l'edificio del Galata - Museo del mare. Sulla sinistra s'intravede la sagoma del sommergibile Nazario Sauro (S 518), divenuto museo galleggiante

Dal 26 settembre 2009 davanti alla darsena antistante il Museo del Mare è ormeggiato il sommergibile "Nazario Sauro (S 518)", varato nel 1976 dai cantieri della Fincantieri di Monfalcone. Destinato dalla Marina Militare italiana alla municipalità di Genova, è utilizzato dal 29 maggio 2010 come appendice galleggiante del museo Galata[2][3][4].

Parti del sommergibile[modifica | modifica wikitesto]

Corsivo: parti visitabili

  • 1. Motore elettrico a Propulsione
  • 2. Quadri elettrici
  • 3. Motori termici
  • 4. Alloggio Sottoufficiali
  • 5. Camera di manovra
  • 6. Quadrato Ufficiali
  • 7. Alloggio Comandante
  • 8. Alloggio Ufficiali
  • 9. Portello stagno
  • 10. Locale ascolto sonar
  • 11. Alloggi equipaggio
  • 12. Camera di lancio
  • 13. Mensa
  • 14. Cucina

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]