Gaetano Pecorella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
on. Gaetano Pecorella
Bandiera italiana
Parlamento italiano
Camera dei deputati
Gaetano Pecorella
Luogo nascita Milano, Italia Italia
Data nascita 9 maggio 1938 (77 anni)
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Professione avvocato penalista
Partito FI (1996-2009), PdL (2009-2013)
Legislatura XIII, XIV, XV, XVI
Gruppo FI (1996-2008), PdL (2008-2012), Misto (2012-2013)
Coalizione PpL (1996), CdL (2001, 2006), PdL-LN-MpA (2008)
Circoscrizione Lombardia 1
Incarichi parlamentari

PRESIDENTE della COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULLE ATTIVITA' ILLECITE CONNESSE AL CICLO DEI RIFIUTI dal 1º aprile 2009

Pagina istituzionale

Gaetano Pecorella (Milano, 9 maggio 1938) è un politico e avvocato italiano.

Studi e attività forense[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in giurisprudenza, avvocato penalista, è stato assistente di Procedura penale del professore Gian Domenico Pisapia, di Diritto penale del professore Giacomo Delitala e, successivamente, professore associato di Istituzione di diritto e procedura penale presso la Facoltà di Scienze Politiche di Milano (dal 2002 in pensione).

È stato avvocato in molti processi politici, partecipando negli anni settanta, insieme a Marcello Torre e a Umberto Terracini, alla difesa dell'anarchico salernitano Giovanni Marini, accusato dell'omicidio del militante del Movimento Sociale Italiano[1] Carlo Falvella. Marini era difeso pubblicamente dall'associazione Soccorso Rosso Militante (fondata da Dario Fo e Franca Rame), anche se Pecorella ha sempre negato di aver avuto rapporti di comunanza con il gruppo, sostenendo di aver sostenuto il solo Movimento Studentesco e la sinistra extraparlamentare, spostandosi poi su posizioni più moderate, definendosi un "liberal all'americana"[2][3][4][2][5]:

« Io non ho mai fatto parte di Soccorso rosso. Quelli di Soccorso rosso erano i difensori dei brigatisti, Francesco Piscopo, Giuliano Spazzali, Sergio Spazzali, Edoardo Arnaldi. Io, insieme ai miei amici Marco Ianni, Luca Boneschi, Luigi Mariani, Michele Pepe, difendevo quelli del Movimento studentesco. »

Dal 1994 al 1998, per due mandati consecutivi, è stato presidente dell'Unione delle Camere Penali Italiane.

Ha difeso Silvio Berlusconi (in alcuni processi), e, presso il tribunale di Santa Maria Capua Vetere, Nunzio De Falco, boss di camorra del cartello camorristico casalese condannato all'ergastolo come mandante dell'omicidio di don Peppino Diana. In seguito dirà che don Diana è stato sicuramente ucciso per mano della Camorra, ma non per questo è da elevare a martire in quanto il suo impegno anticamorra è solo uno dei moventi ipotizzati ma non è l'unico emerso dal processo; queste dichiarazioni hanno scatenato una polemica con lo scrittore Roberto Saviano.[6]

Tra i suoi clienti celebri anche l'estremista di destra Delfo Zorzi (poi assolto) per la strage di piazza Fontana e per la strage di Piazza della Loggia - Pecorella venne accusato di favoreggiamento nei confronti dell'ex attivista di Ordine Nuovo, nel secondo processo, ma le indagini si conclusero con l'archiviazione nel 2010[7] - e Francesco Furchì, imprenditore accusato del ferimento mortale del politico torinese Alberto Musy.

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Negli anni '70[modifica | modifica wikitesto]

È stato membro di Potere Operaio. Entra poi nel movimento della sinistra radicale Democrazia Proletaria.

Nel PSI e in Forza Italia[modifica | modifica wikitesto]

Ha fatto parte del Partito Socialista Italiano e nel 1996 entra in Forza Italia.

Nel 2001 ricopre l'incarico di Presidente della Commissione Giustizia della Camera dei deputati.

Nel 2004 ha ammesso l'uso di leggi ad personam per "consentire a Berlusconi di governare" superando o sospendendo i procedimenti giudiziari a suo carico[8]. Iscritto al gruppo parlamentare di Forza Italia, dal 1996 è deputato. È stato avvocato difensore di Silvio Berlusconi.

Legge Pecorella[modifica | modifica wikitesto]

Porta il suo nome la Legge Pecorella (legge 20 febbraio 2006 n.46), varata dal governo Berlusconi III, che prevede l’inappellabilità da parte del pubblico ministero delle sentenze di proscioglimento, introducendo il principio che la sentenza vada pronunciata solo "al di là di ogni ragionevole dubbio".

Rimandata alla camere dall'allora Presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi, che nutriva forti dubbi sulla costituzionalità del disegno di legge[9], una volta approvata è stata modificata svariate volte dalla Corte Costituzionale che ne ha rilevato il carattere incostituzionale in varie parti.

La Legge Pecorella, seppur in minima parte, è tuttora in vigore all'art.428 dato che sono inappellabili le sentenze di non luogo a procedere, all'art. 606 in ordine ai nuovi motivi di ricorso per Cassazione e all'art. 533 (ragionevole dubbio).

Deputato del Popolo della Libertà[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2008 è stato proposto dal Popolo della Libertà come giudice della Corte costituzionale[10]. La candidatura è stata infine ritirata su richiesta del Presidente Berlusconi dopo innurevoli bocciature a causa della contrarietà assoluta delle opposizioni di Pd e IdV.

È presidente della Commissione parlamentare d'inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti.

L'uscita dal PdL[modifica | modifica wikitesto]

Il 22 novembre 2012 annuncia le sue dimissioni dal PdL insieme al vicecapogruppo del PdL alla Camera Isabella Bertolini, al vicepresidente della Commissione Ambiente della Camera ed ex Sottosegretario all'Ambiente de Governo Berlusconi Roberto Tortoli e all'ex presidente del Comitato per la legislazione della Camera Franco Stradella e al deputato già ex PdL Giorgio Stracquadanio per fondare la componente del Gruppo Misto Italia Libera nuovo soggetto politico che guarda alle formazioni Italia Futura di Luca Cordero di Montezemolo e Andrea Riccardi e al progetto del Nuovo Polo per l'Italia di Pier Ferdinando Casini e Gianfranco Fini per continuare l'esperienza politica del Governo Monti. Nel 2012 la componente si federa alla Camera con la componente "Liberali per l'Italia-PLI" composta tutta da deputati ex PdL tra cui Roberto Antonione, Giustina Destro, Fabio Gava, Luciano Mario Sardelli e Angelo Sartori che avevano lasciato il partito nel 2011 facendo cadere il Governo Berlusconi IV per aprile la strada al Governo Monti dando vita alla componente unitaria Italia Libera-Liberali per l'Italia-Partito Liberale Italiano" di cui Antonione è eletto capogruppo e Vicepresidente del Gruppo Misto.

Nel dicembre 2012 aderisce ufficialmente a Scelta Civica, il nuovo movimento politico di Mario Monti.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Il furto, 1969, monografia giuridica sul reato di furto
  • Di te un incantesimo mi prende, raccolta di poesie, 2005, L'Accademia, ISBN 88-89899-00-X.

Ha scritto inoltre 80 articoli di materia penale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tribunale di Salerno, Atti del processo contro Giovanni Marini.
  2. ^ a b Il soccorso azzurro non cede in Corriere della Sera, 8 maggio 2006. URL consultato il 20-11-2008.
  3. ^ È la campagna d' autunno sulla giustizia in Corriere della Sera, 22 agosto 2002. URL consultato il 20-11-2008.
  4. ^ Enzo Biagi, Massimo Fini, Gli avvocati del governo in Corriere della Sera, 9 agosto 2001. URL consultato il 20-11-2008.
  5. ^ Claudio Sabelli Fioretti, Intervista a Gaetano Pecorella in Sette (Corriere della Sera), 15 aprile 2004. URL consultato il 20-11-2008.
  6. ^ Saviano: perché Pecorella infanga don Peppe Diana? Repubblica, 1º agosto 2009
  7. ^ Il Giorno - Brescia - Processo strage: richiesta di archiviazione per Pecorella e Maniaci
  8. ^ Da Vaccarella a Pecorella.
  9. ^ Ciampi boccia la legge Pecorella
  10. ^ Corte Costituzionale, dal Pd no a Pecorella. Il governo va avanti: «È lui il candidato», Corriere della Sera, 15 ottobre 2008. URL consultato il 16/10/2008.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]