Gaetano Chierici (pittore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Autoritratto, 1881

Gaetano Chierici (Reggio nell'Emilia, 1º luglio 1838Reggio nell'Emilia, 16 gennaio 1920) è stato un pittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La lezione al convento, 1864 (Fondazione Cariplo)

Gaetano Chierici nasce a Reggio Emilia il 1 luglio 1838; allievo della Scuola di Belle Arti di Reggio Emilia nel biennio 1850-1851, prosegue gli studi presso l'Accademia di Modena e di Firenze concludendo la sua formazione a Bologna sotto la guida di Giulio Cesare Ferrari.

La produzione giovanile dell'artista si inserisce inizialmente all'interno delle suggestioni puriste dell'opera di Adeodato Malatesta e dello zio, anch'egli pittore, Alfonso Chierici e, in seguito, delle innovazioni della "pittura di macchia".

Dalla fine degli anni sessanta, svolge una pittura di genere con interni domestici di carattere aneddotico, che costituisce la sua specializzazione.

La partecipazione all'Esposizione di Belle Arti di Brera del 1869 segna l'inizio della fortuna critica e commerciale dell'opera di Chierici, in seguito irrigiditasi nella ripetizione dei medesimi soggetti.

Dal 1882 al 1907 diviene Direttore della Scuola di disegno per gli Operai di Reggio.

Gaetano chierici sarà il primo sindaco socialista della città tra il 1900 e il 1902.

Il Liceo Artistico della città di Reggio Emilia è a lui intitolato.

Muore a Reggio Emilia il 16 gennaio 1920.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • M. Antonietta Scarpati, CHIERICI, Gaetano, in Dizionario biografico degli italiani, vol. 24, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1980. URL consultato il 20 dicembre 2015.
  • A. Baboni, E. Monducci (a cura di), Gaetano Chierici (1838-1920). Mostra Antologica, Reggio Emilia, Palazzo Magnani, 15 febbraio - 31 marzo 1986, Tipolitografia emiliana, 1986
  • Elena Lissoni, Gaetano Chierici, catalogo online Artgate della Fondazione Cariplo, 2010, CC-BY-SA (fonte per la prima revisione della voce).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN7658836 · ISNI (EN0000 0000 6634 0682 · LCCN (ENn86092572 · GND (DE122815661 · BNF (FRcb14968031q (data) · ULAN (EN500046200