Polisportiva Gaeta 1931

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Gaeta Calcio 1931)
Polisportiva Gaeta
Calcio Football pictogram.svg
Stemmagaeta.png
i biancorossi
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali Rosso e Bianco (Quadrati).png Rosso - Bianco
Dati societari
Città Gaeta
Nazione Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Campionato Eccellenza
Fondazione 1931
Presidente Mario Belalba
Allenatore Felice Melchionna
Stadio Antonio Riciniello
(3000 posti)
Sito web www.polisportivagaeta1931.it
Palmarès
Si invita a seguire il modello di voce

La Polisportiva Gaeta è una società calcistica italiana con sede nella città di Gaeta. Milita nel campionato di Eccellenza, il massimo livello regionale del campionato italiano.

Nella stagione 196566 la Polisportiva Gaeta ha ottenuto il record nazionale di vittorie iniziali consecutive in un campionato di calcio, realizzandone 20 (il record attuale appartiene all'F.C. Ponsacco 1920 con 33 vittorie, 30 delle quali conseguite nel torneo di Seconda Categoria Toscana 2012-2013). Il 18 dicembre 1979 la Giunta Esecutiva del C.O.N.I. presieduta da Franco Carraro ha conferito la Stella di Bronzo al merito sportivo alla bandiera della squadra gaetana.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il gioco del calcio arriva nell'attuale Basso Lazio (già Alta Campania, provincia di Terra di Lavoro fino al 1927) agli inizi del Novecento grazie a un gruppo di marinai inglesi approdati con un incrociatore della Marina britannica nel porto di Gaeta. Una delle prime squadre ad essere fondate in riva al golfo è quella dell'allenatore-giocatore Luigi Trabucco, allestita nel 1910 e composta da un gruppo di giovani studenti provenienti dal borgo della città. Il "Gaeta" di Trabucco ha vita breve disputando solo gare amichevoli e tornei non ufficiali organizzati dagli equipaggi delle navi militari presenti in porto.

Nel 1914 si registra la costituzione della prima vera società polisportiva biancorossa: l'Ardisci e Spera. Dopo aver dato lustro per circa un quindicennio allo sport gaetano, l'Ardisci e Spera (unitamente all'S.S.Gaeta 1920, all'U.S. Caieta e al Dopolavoro Gaetano) concorre per volere delle istituzioni politiche comunali al processo di riunificazione delle diverse realtà agonistiche cittadine terminando le proprie attività nel 1930. La Polisportiva Gaeta, unica e diretta discendente dello Sporting Club "Ardisci e Spera" e dell'S.S. Gaeta, viene fondata il 19 gennaio 1931 con il nome di Associazione Calcio Aquilotti, denominazione che pochi mesi dopo lascia il posto all'attuale Polisportiva Gaeta.

La neonata società del golfo, presieduta prima da Luigi Martano e poi da Giuseppe Mariotti, si iscrive nella stagione calcistica 1931-32 al campionato regionale laziale U.L.I.C. di Seconda Categoria e nel 1932-33 al torneo di Terza Divisione, quinto livello del calcio italiano dietro la Serie A, la Serie B, la Prima Divisione e la Seconda Divisione. Nel corso di quest'ultimo campionato ha l'opportunità di disputare i primi storici derby con il Cisterna e con la Di Biagio Terracina e di affrontare per la prima volta il Frosinone (Bellator Frusino). Chiude il torneo al quarto posto sfiorando l'ammissione agli spareggi regionali previsti per l'ammissione alla Seconda Divisione. Nel 1933-34 il Gaeta del presidente Mariotti e dell'allenatore-giocatore Vincenzo Montaretto, torna ad iscriversi in Terza Divisione ma non porta a termine il torneo ritirandosi alla nona giornata per motivi economici. Nel corso del 1933 la Polisportiva ha anche modo di affrontare al "Montesecco" il Napoli di Attila Sallustro, che nella stagione 1931-1932 si era classificato terzo nel campionato di Serie A; tale storica gara amichevole termina due a uno a favore dei partenopeI, rinnovando i legami di amicizia con il club azzurro. Dopo la crisi del 1934 la società biancorossa si associa prima ai Fasci giovanili di combattimento e poi all'Opera Nazionale Dopolavoro partecipando ai tornei provinciali dei "Fasci" e ai campionati di Sezione Propaganda FIGC del Basso Lazio. Nel 1937 la Polisportiva si associa invece alla Gioventù Italiana del Littorio tornando ad allestire una squadra competitiva.

Nel 1937-38 la compagine biancorossa vince nettamente il torneo di Seconda Categoria della Sezione Propaganda FIGC laureandosi Campione della Provincia di Littoria. Nella stagione successiva il Gaeta si iscrive al campionato di Seconda Divisione laziale annoverando tra le sue file elementi di notevole levatura tecnica come il portiere Colavolpe, i difensori Riciniello, Arcella, Ranieri, Nardi e Faiola, i centrocampisti Scarpato, Di Spigno, Fiorenzano, Manieri, Montano e Pagano, gli attaccanti Cervone, Giri, Pampaloni e Perrone; tra le file biancorosse è inoltre presente il centravanti romano Luigi Perugini, futuro protagonista di una brillante carriera agonistica con le casacche prima dell'Ala Littoria (Serie C) e poi del Palermo (Serie A, 1945-46). La squadra allenata da Gianni Mazzoleni, sostenuta economicamente dal presidente Lorenzo Vagnati e dalla G.I.L., vince il torneo del 1938-39 dopo un lungo testa a testa con la Civitavecchiese II e il Civitacastellana conquistando la promozione in Prima Divisione, "Quarta "Serie" nazionale e massimo campionato regionale dietro la Serie A, la Serie B e la neocostituita Serie C.

Nel 1939-40 il Gaeta di Vagnati è la migliore squadra della provincia di Littoria, l'unica a partecipare al campionato di Prima Divisione. La matricola biancorossa, spesso in campo con una divisa completamente nera, parte con propositi ambiziosi conducendo la prima parte del torneo in testa alla classifica e accreditandosi come una delle principali favorite alla promozione in Serie C. Un girone di ritorno meno brillante non le permette il passaggio alla categoria superiore relegandola al quinto posto finale.

La Seconda guerra mondiale e l'entrata in guerra dell'Italia al fianco della Germania interrompono la crescita del movimento calcistico gaetano pregiudicandone l'ascesa verso traguardi ancora più prestigiosi; alla vigilia della stagione agonistica 1940-41 i dirigenti della Polisportiva sono infatti costretti a operare un profondo rinnovamento dei quadri tecnici allestendo una compagine meno competitiva rispetto agli anni precedenti. Il torneo di Prima Divisione del 1940-41 viene quindi affrontato tra mille difficoltà: il Gaeta soffre in particolare nel corso della stagione i richiami alle armi dei suoi giocatori e una condizione economica sempre più precaria. La squadra di Vagnati e Mazzoleni disputa in totale tredici delle diciotto partite in calendario ritirandosi alla quarta giornata del girone di ritorno dopo aver conseguito quattro vittorie, un pareggio e otto sconfitte.

Dopo la lunga sospensione delle attività dovuta al conflitto bellico, la Polisportiva Gaeta torna ad iscriversi a un torneo federale nel 1946, grazie a un gruppo di appassionati capeggiato dal sindaco della città Giovanni Cesarale e dall'ex giocatore e fondatore della società Mario Taglialatela. La ripresa dell'attività agonistica riserva subito grosse soddisfazioni alla compagine biancorossa che nel 1946-47 conquista la promozione in Prima Divisione, quarto livello del calcio italiano e massimo torneo regionale, per poi sfiorare nelle due stagioni successive la scalata alla Promozione Interregionale, nuova quarta serie nazionale istituita nel 1948-49.

Nel 1965-66, la squadra gaetana vince 20 partite consecutive nel campionato di Seconda Categoria Laziale, venendo elogiata da tutti i giornali nazionali e ospitata dalla Domenica Sportiva.

Nella stagione 1971-72, guidata dall'allenatore Ermete Patriarca affronta di nuovo il Napoli, perdendo 8-1 (gol biancorosso di Porcacchia), il Verona di Mascetti (0-5), la Roma di Herrera (2-2) e la Nazionale Militare. Nel corso di questa stessa stagione il portiere Ermanno Martelli stabilisce il massimo record di imbattibilità per un portiere biancorosso con 1221 minuti senza subire reti (record nazionale per squadre dilettanti). Nel 1973 il Gaeta gioca invece un'amichevole con il Torino (1-3) e ancora con il Napoli, stavolta terminando la partita con un prestigioso pareggio per 2-2.

Nelle stagioni 1973-74, 1974-1975 e 1976-77 la squadra biancorossa giunge sino ai quarti di finale nazionali della Coppa Italia Dilettanti, venendo eliminata nell'ordine dalla Bovalinese, dall'Angri e dall'Assisi. Il Gaeta si muove poi tra i campionati di Serie D e Promozione, sfiorando nelle stagioni 81/82 ed 83/84 la promozione in Serie C2.

Dopo un lungo periodo di crisi, nel 1999 la Polisportiva Gaeta viene nuovamente ammessa al massimo campionato regionale (Eccellenza), ma retrocede in Promozione dopo soli due anni.

Il 28 maggio 2005, vince la Coppa Italia regionale di Promozione allo Stadio Flaminio di Roma battendo il Boville ai calci di rigore e viene ammessa di diritto al Campionato d'Eccellenza 2005-2006, dove conquista il sesto posto, mentre nella stagione 2006-2007 si piazza terzo. Nella stagione 2007-2008 vince il campionato di Eccellenza e torna in Serie D dopo 25 anni.

Il 3 agosto 2008, il Gaeta affronta in amichevole a Castelvolturno, il Napoli, per la quarta volta: perde per 5 a 0 (reti di Hamsik, De Zerbi, Rinaudo, Cannavaro, Maggio). Nella stagione di Serie D 2009-2010, i biancorossi si classificano al secondo posto dietro al Fondi (miglior risultato di sempre), partecipando così ai play-off e dunque sfiorando ancora la promozione in Lega Pro Seconda Divisione. Nella stagione 2011-12 retrocede in eccellenza dopo essersi classificato ultimo nel proprio girone. La stagione 2012-13 vede i biancorossi partecipare al campionato regionale di Eccellenza.

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria della Polisportiva Gaeta
  • 1931 - Fondazione della Polisportiva Gaeta.
  • 1932-33 - 4º posto nel girone C di Terza Divisione Laziale.
  • 1933-34 - Ritirata dopo il 9º turno (Terza Divisione).
  • 1934-37 - Campionati dei Fasci Giovanili e tornei ULIC.
  • 1937-38 - 1º posto nel girone provinciale di Seconda Categoria Sezione Propaganda FIGC. Campione della Provincia di Littoria.
  • 1938-39 - 1º posto nel girone laziale di Seconda Divisione. Green Arrow Up.svg Promossa al campionato di Prima Divisione.
  • 1939-40 - 5º posto nel girone laziale di Prima Divisione.

  • 1940-41 - Ritirata dopo il 4º turno di ritorno (Prima Divisione)
  • 1941-46 - Attività sospesa per cause belliche.
  • 1946-47 - 1º posto nel girone I di Seconda Divisione laziale. Green Arrow Up.svg Promossa al campionato di Prima Divisione.
  • 1947-48 - 3º posto nel girone D di Prima Divisione Laziale.
  • 1948-49 - 5º posto nel girone B di Prima Divisione Laziale.
  • 1949-50 - 9º posto nel girone B di Prima Divisione Laziale.

  • 1950-51 - 9º posto nel girone B di Prima Divisione Laziale.
  • 1951-52 - 5º posto nel girone B di Prima Divisione Laziale. Qualificata al nuovo campionato di Promozione regionale.
  • 1952-53 - 6º posto nel girone B di Promozione Laziale.
  • 1953-54 - 11º posto nel girone B di Promozione Laziale.
  • 1954-55 - 11º posto nel girone B di Promozione Laziale.
  • 1955-56 - 14º posto nel girone B di Promozione Laziale.
  • 1956-57 - 7º posto nel girone B di Promozione Laziale.
  • 1957-58 - 13º posto nel girone B del Campionato Nazionale Dilettanti (Lazio).
  • 1958-59 - 16º posto nel girone B del Campionato Nazionale Dilettanti (Lazio).
  • 1959-60 - 11º posto nel girone D di Prima Categoria Laziale.

  • 1960-61 - 11º posto nel girone D di Prima Categoria Laziale. Red Arrow Down.svg Retrocessa in Seconda Categoria.
  • 1961-62 - 2º posto nel girone E di Seconda Categoria Laziale.
  • 1962-63 - 1º posto nel girone G di Seconda Categoria Laziale. Green Arrow Up.svg Promossa al campionato di Prima Categoria.
  • 1963-64 - 15º posto nel girone B del campionato di Prima Categoria Laziale. Red Arrow Down.svg Retrocessa al campionato di Seconda Categoria.
  • 1964-65 - 2º posto nel girone F del campionato di Seconda Categoria Laziale.
  • 1965-66 - 1º posto nel girone F di Seconda Categoria Laziale. Green Arrow Up.svg Promossa al campionato di Prima Categoria. Stabilisce il record nazionale di partite vinte consecutivamente (20).
  • 1966-67 - 4º posto nel girone B del campionato di Prima Categoria Laziale.
  • 1967-68 - 7º posto nel girone B del campionato di Prima Categoria laziale. Ammessa al nuovo campionato di Promozione.
  • 1968-69 - 9º posto nel girone B del camp. di Promozione laziale.
  • 1969-70 - 9º posto nel girone B del camp. di Promozione laziale.

  • 1970-71 - 3º posto nel girone B del camp. di Promozione Laziale.
  • 1971-72 - 3º posto nel girone B del camp. di Promozione Laziale. Il portiere Ermanno Martelli stabilisce il record nazionale di imbattibilità per squadre dilettanti (1221 minuti).
  • 1972-73 - 3º posto nel girone B del camp. di Promozione Laziale.
  • 1973-74 - 7º posto nel girone B del camp. di Promozione Laziale.
  • 1974-75 - 3º posto nel girone B del camp. di Promozione Laziale.
  • 1975-76 - 4º posto nel girone B del camp. di Promozione Laziale.
  • 1976-77 - 13º posto nel girone B del campionato di Promozione Laziale.
  • 1977-78 - 14º posto nel girone B del campionato di Promozione Laziale. Red Arrow Down.svg Retrocessa al campionato di Prima Categoria.
  • 1978-79 - 2º posto nel girone E del campionato di Prima Categoria Laziale.
  • 1979-80 - 1º posto nel girone E del campionato di Prima Categoria Laziale. Green Arrow Up.svg Promossa al campionato di Promozione. Il 18 dicembre 1979 la Giunta Esecutiva del C.O.N.I. presieduta da Franco Carraro conferisce la Stella di Bronzo al merito sportivo alla bandiera della Polisportiva Gaeta.

  • 1980-81 - 1º posto nel girone B del campionato di Promozione Laziale. Green Arrow Up.svg Promossa al Campionato Interregionale.
  • 1981-82 - 7º posto nel girone H del Camp. Interregionale.
  • 1982-83 - 6º posto nel girone H del Camp. Interregionale.
  • 1983-84 - 4º posto nel girone G del Camp. Interregionale.
  • 1984-85 - 15º posto nel girone G del Campionato Interregionale. Red Arrow Down.svg Retrocessa al campionato di Promozione.
  • 1985-86 - 4º posto nel girone B del camp. di Promozione Laziale.
  • 1986-87 - 2º posto nel girone B del camp. di Promozione Laziale.
  • 1987-88 - 9º posto nel girone B del camp. di Promozione Laziale.
  • 1988-89 - 6º posto nel girone C del camp. di Promozione Laziale.
  • 1989-90 - 16º posto nel girone C del campionato di Promozione Laziale. Red Arrow Down.svg Retrocessa al campionato di Prima Categoria.

  • 1990-91 - 3º posto nel girone E del campionato di Prima Categoria Laziale. Qualificata al nuovo campionato di Promozione.
  • 1991-92 - 3º posto nel girone C del camp. di Promozione Laziale.
  • 1992-93 - 11º posto nel girone D del camp. di Promozione Laziale.
  • 1993-94 - 13º posto nel girone D del camp. di Promozione Laziale.
  • 1994-95 - 12º posto nel girone D del camp. di Promozione Laziale.
  • 1995-96 - 10º posto nel girone C del camp. di Promozione Laziale.
  • 1996-97 - 8º posto nel girone C del camp. di Promozione Laziale.
  • 1997-98 - 8º posto nel girone D del camp. di Promozione Laziale.
  • 1998-99 - 2º posto nel girone D del campionato di Promozione Laziale. Green Arrow Up.svg Promossa al campionato di Eccellenza Laziale per ripescaggio.
  • 1999-00 - 10º posto nel girone B del camp. di Eccellenza Laziale.

  • 2000-01 - 18º posto nel girone B del campionato di Eccellenza Laziale. Red Arrow Down.svg Retrocessa al campionato di Promozione Laziale.
  • 2001-02 - 9º posto nel girone C del camp. di Promozione Laziale.
  • 2002-03 - 9º posto nel girone D del camp. di Promozione Laziale.
  • 2003-04 - 11º posto nel girone D del camp. di Promozione Laziale.
  • 2004-05 - 3º posto nel girone C del campionato di Promozione Laziale. Green Arrow Up.svg Promossa al campionato di Eccellenza Laziale per aver vinto la Coppa Italia regionale riservata alle squadre di Promozione del Lazio.
  • 2005-06 - 6º posto nel girone B del camp. di Eccellenza Laziale.
  • 2006-07 - 3º posto nel girone B del camp. di Eccellenza Laziale.
  • 2007-08 - 1º posto nel girone B del campionato di Eccellenza Laziale. Green Arrow Up.svg Promossa in Serie D.
  • 2008-09 - 4º posto nel girone G della Serie D. Eliminata ai play-off in semifinale dalla Viterbese.
  • 2009-10 - 2º posto nel girone G della Serie D. Eliminata ai play-off in semifinale dal Selargius.

  • 2010-11 - 3º posto nel girone H della Serie D. Eliminata ai play-off in finale dal Pomigliano.
  • 2011-12 - 18º posto nel girone H della Serie D. Red Arrow Down.svg Retrocessa in Eccellenza.
  • 2012-13 - 8º posto nel girone B di Eccellenza Laziale.
  • 2013-14 - 15º posto nel girone B di Eccellenza Laziale. Vince i play-out contro il Monte San Giovanni Campano.
  • 2014-15 - 6º posto nel girone B di Eccellenza Laziale.
  • 2015-16 - 14º posto nel girone B di Eccellenza Laziale. Vince i play-out contro il Città di Minturno Marina.
  • 2016-17 - 16º posto nel girone B di Eccellenza Laziale. Red Arrow Down.svg Retrocessa in Promozione dopo i play-out.

Colori e simboli[modifica | modifica wikitesto]

I colori sociali della squadra sono il bianco e il rosso. La prima divisa è composta da maglia rossa, con una striscia orizzontale bianca e pantaloncini rossi, mentre la seconda divisa è composta da maglia bianca con una striscia orizzontale rossa e pantoloncini rossi.

In alcune occasioni la squadra indossa anche una divisa completamente nera, riproponendo la casacca utilizzata alla fine degli anni trenta del Novecento dal Gaeta di Lorenzo Vagnati e della G.I.L.

Strutture[modifica | modifica wikitesto]

Stadio[modifica | modifica wikitesto]

Lo stadio comunale di Gaeta è intitolato alla memoria di Antonio Riciniello, terzino gaetano e bandiera della Polisportiva Gaeta negli anni trenta e quaranta, sia da atleta, sia da allenatore. La capienza dell'impianto sportivo è stimata attorno ai 3000 posti. Esso è sito in Via Marina di Serapo.

Società[modifica | modifica wikitesto]

La sede societaria si trova in Via Lungomare Caboto 422.

Allenatori e presidenti[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Allenatori della Polisportiva Gaeta 1931
Stemmagaeta.png
Allenatori
  • 1931-2005 ...
  • 2005-2007 Italia Davide Palladino
  • 2007-2008 Italia Davide Palladino
    Italia Pelucchini
    Italia Franco Albano
    Italia Vincenzo Troiano
    Italia Franco Albano
    Italia Fortunato Torrisi
  • 2008-2009 Italia Corrado Urbano
    Italia Luigi Boccolini
  • 2009-2010 Italia Fortunato Torrisi (1ª-16ª)
    Italia Luigi Sottana (17ª-21ª)
    Italia Emanuele Cannone, Italia Domenico Smimmo (21ª-34ª)
  • 2010-2011 Italia Felice Melchionna
  • 2011-2012 Italia Fabrizio Perrotti (ago.)
    Italia Marcello Casu (1ª-6ª)
    Italia Felice Melchionna (7ª-?ª)
  • 2012-2014 ...
  • 2014-oggi Italia Felice Melchionna

Calciatori[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatori della Polisportiva Gaeta 1931

Tifoseria[modifica | modifica wikitesto]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La tifoseria organizzata gaetana è orientata verso posizioni di estrema destra.

Gruppi ultras attivi: Legio Cajeta, Pirati, Vecchia Guardia.

Gemellaggi e rivalità[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi
Amicizie
Rivalità

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]