Gabriello Carnazza Puglisi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gabriele Carnazza Puglisi

Deputato del Regno d'Italia
Legislature VIII
Sito istituzionale

Presidente della Provincia di Catania
Durata mandato 10 gennaio 1867 –
5 febbraio 1868
Predecessore Rosario Morabito
Successore Salvatore Marchese

Durata mandato 10 settembre 1868 –
6 settembre 1869
Predecessore Salvatore Marchese
Successore Leonardo Vigo Fuccio

Dati generali
Professione avvocato

Gabriello Carnazza Puglisi (Catania, 24 ottobre 1809Catania, 29 marzo 1880) è stato un avvocato, patriota, politico e accademico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio dell'avvocato Giuseppe e di Maria Puglisi, laureatosi in Giurisprudenza, appena ventenne fece parte insieme al fratello Sebastiano di quella eletta schiera di giovani educati alla scuola dei discepoli del De Cosmi, e cioè di Emanuele Rossi (1760-1835), Francesco Strano (1766-1831), e Gioacchino Fernandez.[1] Nella repressione della rivolta indipendentista catanese del 1837 fu condannato a venticinque anni di reclusione per la sua attività carbonara, ne scontò dieci a Nisida.

Rientrato in Sicilia, nel 1848 divenne esponente dei democratici nella Camera dei Comuni. Fu deputato nel 1848 al Parlamento siciliano nel governo rivoluzionario di Ruggero Settimo.
Escluso dall'amnistia, esule a Malta e a Parigi, coltivò anche il giornalismo.

Rientrato in patria dopo il 1860, fu deputato del Regno d'Italia nella VIII legislatura (1861-1865)[2], e professore di diritto costituzionale ed amministrativo all'università di Catania. Nel 1863 è consigliere al comune di Catania. Diviene presidente del consiglio provinciale dal 1867 al 1869.

Padre del deputato e senatore Giuseppe e nonno del giurista e ministro Gabriello e del deputato Carlo.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Gabriello Carnazza, La monarchia costituzionale e la federazione sono impossibili in Italia, S.l., s.n., dopo il 1851.
  • Gabriello Carnazza, Ai documenti della Rivoluzione siciliana illustrati da G. La Masa : aggiunte e chiose dell'avvocato Gabriello Carnazza, Torino, Tip. Canfari, 1850.
  • Gabriello Carnazza, La monarchia è impossibile in Italia, (Italia), s.n., 1851.
  • Gabriello Carnazza, La rivoluzione e l'unità d'Italia: lettera di Gabriello Carnazza a Giuseppe Ferrari, (Italia),s.n., 1851.
  • Gabriello Carnazza, L'unità d'Italia, (Italia), [s.n.], 1851.
  • Gabriello Carnazza, Persecuzioni politiche sotto Ferdinando II: 1830-1859: lettere raccolte dall'avvocato Gabriello Carnazza, Catania, Tip. di C. Galatola, 1860.
  • Gabriello Carnazza, Pel circolo degli operaj introduzione al dritto costituzionale: discorso, Catania, tip. La Fenice di Musumeci, 1863.
  • Gabriello Carnazza, Il diritto costituzionale italiano, Catania, N. Giannotta, 1886 [postumo].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Carlo Gemmellaro, Avvenimenti notabili successi in Catania nel 1837, a cura di Vincenzo Finocchiaro, Archivio storico per la Sicilia orientale, Catania, a. XX, fasc.I-II-II (1924).
  2. ^ Gabriello Carnazza Puglisi, Camera dei deputati. URL consultato il 25 settembre 2015.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Vincenzo Finocchiaro, Un decennio di cospirazione in Catania (1850–1860). Con carteggi e documenti inediti, Catania, tip. Cav. N. Giannotta, 1907.
  • Carlo Gemmellaro, Avvenimenti notabili successi in Catania nel 1837, a cura di Vincenzo Finocchiaro, Archivio Storico per la Sicilia Orientale, Catania, a. XX, fasc.I-II-II (1924).
  • M.C. Calabrese, Francesco Strano, intellettuale catanese (1766-1831), «Memorie e rendiconti dell'Accademia di scienze, lettere e belle arti degli Zelanti e dei Dafnici di Acireale», serie III, I (1981), pp. 497-512.
  • Giancarlo Poidomani, Senza la Sicilia l'Italia non è nazione: la destra storica e la costruzione dello Stato, 1861-1876, Acireale-Roma, Bonanno, 2009.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN90357470 · SBN IT\ICCU\SBNV\014659 · WorldCat Identities (EN90357470