Gabriel de Mortillet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Louis Laurent Gabriel de Mortillet
Mortillet.jpg

Deputato alla Assemblée nationale
Durata mandato 4 agosto 1885 –
11 novembre 1889
Coalizione Gauche radicale
Collegio Seine-et-Oise

Louis Laurent Gabriel de Mortillet (Meylan, 29 agosto 1821Saint-Germain-en-Laye, 25 settembre 1898) è stato un archeologo, antropologo e politico francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Studiò al collegio gesuita di Chambéry e al Conservatoire de Paris. Nel 1847 divenne proprietario de La Revue indépendante, e, implicato nei moti del 1848, fu condannato a due anni di prigione. Lasciò il paese e nei quindici anni successivi visse all'estero, prevalentemente in Italia.

Nel 1858 fissò la sua attenzione sulla ricerca etnologica, facendo uno studio particolare sulle palafitte svizzere. Tornò a Parigi nel 1864, e subito dopo fu nominato curatore del museo di Saint Germain. Mortillet usò i tipi degli artefatti per distinguere i vari periodi e li chiamò secondo i siti (Chelléenne, Moustérienne, Solutréenne, Magdalénienne, Robenhausienne). Credeva che questi fossero delle fasi universali in quanto sostenitore di un evoluzionismo antropologico.

Divenne sindaco di Saint-Germain-en-Laye e nel 1885 fu eletto deputato per la regione Seine-et-Oise.

Ebbe un ruolo rilevante nel rigettare la scoperta fatta da Sautuola delle pitture di Altamira come lavori originali dell'uomo del paleolitico.

Aveva nel frattempo fondato una rivista, Matériaux pour l'histoire positive et philosophique de l'homme, e assieme a Broca fu uno dei fondatori della Scuola francese di Antropologia.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Le Préhistorique (1882).
  • Origines de la chasse, de la pêche et de l'agriculture (1890).
  • Les Nègres et la civilisation égyptienne (1884).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

(EN) Hugh Chisholm (a cura di), Enciclopedia Britannica, XI, Cambridge University Press, 1911.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN32124281 · ISNI (EN0000 0001 2126 8290 · LCCN (ENn88189939 · GND (DE118830872 · BNF (FRcb12776667g (data) · BAV ADV11056631 · CERL cnp00539670