Gabriel Zubeir Wako

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gabriel Zubeir Wako
cardinale di Santa Romana Chiesa
Gabriel Card Zubeir Wako2.jpg
Il cardinale Zubeir Wako il 10 giugno 2016
Template-Cardinal.svg
The truth will set you free
Titolo Cardinale presbitero di Sant'Atanasio a Via Tiburtina
Incarichi attuali Arcivescovo emerito di Khartoum
Incarichi ricoperti Vescovo di Wau
Amministratore apostolico di Rumbek
Presidente della Conferenza dei Vescovi Cattolici del Sudan
Arcivescovo coadiutore di Khartoum
Arcivescovo metropolita di Khartoum
Nato 27 febbraio 1941 (77 anni) a Mboro
Ordinato presbitero 21 luglio 1963 dal vescovo Ireneus Wien Dud (poi arcivescovo)
Nominato vescovo 12 dicembre 1974 da papa Paolo VI
Consacrato vescovo 6 aprile 1975 dal cardinale Agnelo Rossi
Elevato arcivescovo 30 ottobre 1979 da papa Giovanni Paolo II
Creato cardinale 21 ottobre 2003 da papa Giovanni Paolo II

Gabriel Zubeir Wako (Mboro, 27 febbraio 1941) è un cardinale e arcivescovo cattolico sudanese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È stato ordinato sacerdote il 21 luglio 1963, consacrato vescovo il 6 aprile 1975.

Il 12 dicembre 1974 papa Paolo VI lo ha nominato vescovo di Wau, incarico che ha mantenuto fino al 30 ottobre 1979 ovvero fino alla sua nomina ad arcivescovo coadiutore di Khartoum.

Il 10 ottobre 1981 è succeduto alla medesima sede.

È stato presidente della Conferenza Episcopale Sudanese dal 1978 al 1989, dal 1993 al 1999 e dal 2012 al 2016.

Papa Giovanni Paolo II lo ha innalzato alla dignità cardinalizia nel concistoro del 21 ottobre 2003.

Il 10 dicembre 2016 papa Francesco ha accolto la sua rinuncia al governo pastorale dell'arcidiocesi di Khartoum per raggiunti limiti di età.

È membro della Congregazione per l'evangelizzazione dei popoli e del Pontificio consiglio "Cor Unum".

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

- (versione epub)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN152709987 · LCCN (ENnb2010017888