Gabbro (Rosignano Marittimo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gabbro
frazione
Gabbro – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Tuscany.svg Toscana
Provincia Provincia di Livorno-Stemma.png Livorno
Comune Rosignano Marittimo-Stemma.png Rosignano Marittimo
Territorio
Coordinate 43°28′56.73″N 10°26′33.15″E / 43.482424°N 10.442543°E43.482424; 10.442543 (Gabbro)Coordinate: 43°28′56.73″N 10°26′33.15″E / 43.482424°N 10.442543°E43.482424; 10.442543 (Gabbro)
Altitudine 274 m s.l.m.
Abitanti 1 065 (2001)
Altre informazioni
Cod. postale 57016
Prefisso 0586
Fuso orario UTC+1
Nome abitanti gabbrigiano, gabbrigiani[1]
Patrono san Michele Arcangelo
Giorno festivo 29 settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Gabbro
Gabbro

Gabbro è una frazione del comune di Rosignano Marittimo a 274 m s.l.m., nella provincia di Livorno, nel mezzo delle Colline Livornesi.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

La Roccia ignea intrusiva chiamata in tutto il mondo gabbro, prende il nome da questo piccolo paese della Toscana. Nella zona di Gabbro affiorano infatti successioni ofiolitiche (Ofioliti), caratterizzate dalla presenza di questo tipo di roccia. Il nome fu attribuito dal geologo Christian Leopold von Buch, che studiò l'area nell'Ottocento.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'origine del nome Gabbro sembra derivata dal latino glabrum, (cioè calvo, glabro) per la natura del suolo arido e sterile dove abbonda una roccia verde-scura, ricca di magnesio. Il primo documento attendibile risale al Basso Medioevo, nel 1312, dove viene citato in un registro della Pia Casa della Misericordia di Pisa.

Nel Medioevo, il paese era conosciuto come il comune di Torricchi-Gabbro, facente parte dei possedimenti di Pisa, che nel 1285 aveva diviso in podesterie e comuni tutto il suo territorio. Nel 1406, il territorio venne conquistato da Niccolò Donati, al servizio dei Medici, che assegnarono il territorio sotto alla podesteria di Rosignano e poi di Lari.

Dal 1606 il paese viene incluso nel Capitanato Nuovo di Livorno, che a quei tempi si rivelava una fiorente cittadina in espansione. Proprio in questo periodo coincide per il Gabbro un periodo di decadenza, che si interrompe solo con una nuova crescita economica e demografica durante il Settecento. A quell'epoca risale la chiesa di San Michele Arcangelo, in cui vi si trovano un dipinto su legno riguardo a San Michele che uccide il drago e la Madonna del Buonconsiglio, disegnato dalla scuola senese nel Quattrocento.

Nel 1776, dopo vari accordi, il comune di Gabbro viene soppresso per entrare a far parte del comune di Fauglia.

Nell'Ottocento si stabilì a Gabbro il pittore Silvestro Lega, che nella sua opera si è ispirato più volte al paesaggio collinare che circonda il paese, che egli stesso riteneva bellissimo.[senza fonte] Gabbro è anche il paese d'origine della cantante Nada.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Persone legate a Gabbro[modifica | modifica wikitesto]

  • Nada (Gabbro, 1953), cantante.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

È raggiungibile da Livorno, attraverso la strada passante per il vicino paese di Nibbiaia, o per la provinciale 8; da Rosignano attraverso la strada di Castelnuovo della Misericordia o tramite la statale 206, uscendo sulla provinciale 8; da Collesalvetti, invece, per la strada provinciale del Gabbro e della Valle Benedetta o sempre attraverso la statale 206.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

  • Asd La Cantèra Acli Gabbro

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Teresa Cappello, Carlo Tagliavini, Dizionario degli etnici e dei toponimi italiani, Bologna, Pàtron Editore, 1981, p. 231.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]