Gaëlle Thalmann

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gaëlle Thalmann
Gaëlle Thalmann cropped.jpg
Thalmann nel 2014 con la maglia del MSV Duisburg
Nazionalità Svizzera Svizzera
Altezza 169 cm
Peso 63 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Portiere
Squadra Servette Chênois
Carriera
Giovanili
1995-2000Bulle
2000-2002600px bisection vertical Black HEX-FFFF00.svg Riaz
2002-2003Vétroz
Squadre di club1
2003-2004Rot-Schwarz Thun? (-?)
2004-2006Zuchwil 05? (-?)
2006-2008LUwin.ch? (-?)
2008-2009Turbine Potsdam3 (-?)
2009-2010Amburgo3 (-?)
2010-2011Grasshopper? (-?)
2011-2012Lokomotive Lipsia2 (-?)
2012-2014Torres44 (-21)
2014-2015MSV Duisburg8 (0)
2015MSV Duisburg II2 (0)
2015Basilea0 (0)
2016Fiorentina9 (-13)
2016-2017AGSM Verona20 (-29)
2017-2018Mozzanica20 (-26)
2018-2019Sassuolo21 (-27)
2019-Servette Chênois0 (0)
Nazionale
2002-2005Svizzera Svizzera U-195 (-?)
2006-Svizzera Svizzera51 (-?)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 20 aprile 2019 (club)
8 marzo 2017 (nazionale)

Gaëlle Thalmann (Bulle, 18 gennaio 1986) è una calciatrice svizzera, portiere del Servette Chênois e della nazionale svizzera.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giovanili[modifica | modifica wikitesto]

Gaëlle, nasce a Bulle, nel Canton Friburgo, da padre svizzero e madre italiana.[1] Si avvicina al calcio giocando nelle giovanili con i ragazzi nella squadra del suo paese allenata dal padre, il Football-Club Bulle, dall'età di nove anni fino ai quattordici. In questo periodo, dopo aver iniziato nel ruolo di attaccante, preferisce la posizione tra i pali. Abbracciato il ruolo di portiere dai quattordici anni inizia a giocare nelle squadre femminili, sempre nelle giovanili, due anni con l'FC Riaz (2000-2002) per passare l'anno successivo alla prima squadra dell'FC Vétroz che a quel tempo partecipava alla Lega Nazionale B.

Club[modifica | modifica wikitesto]

In Svizzera approda alla Lega Nazionale A entrando nell'organico del Rot-Schwarz Thun, stagione condizionata da un grave infortunio ai legamenti crociati, del Zuchwil 05, quindi del LUwin.ch.

Coglie l'opportunità datale dal Turbine Potsdam per accedere al difficile campionate della Bundesliga femminile. Con le tedesche riuscirà a conquistare il titolo di Campione di Germania nella stagione 2008-2009 e l'edizione 2009 della DFB-Hallenpokal der Frauen. L'anno seguente passa all'Amburgo dove resta una sola stagione per ritornare in Svizzera.

Il campionato svizzero 2010-2011 la vede in rosa con la squadra femminile del Grasshopper ma con le zurighesi rimane anche in questo caso una sola stagione.

Nel 2011 riapproda al massimo campionato tedesco accettando l'ingaggio del Lokomotive Lipsia dove colleziona solo due presenza in campo.

Nell'estate 2012 approda in Italia sottoscrivendo un contratto con la Torres che le permette di giocare in Serie A, il massimo livello del campionato italiano di calcio femminile.[2] Con le sassaresi rimane due stagioni che le valgono uno scudetto e due Supercoppe.

Contattata dal Duisburg, che le offre un posto da titolare per giocare in Frauen-Bundesliga, nel luglio 2014 Thalmann firma con la società per la stagione 2014-2015, ma durante il campionato il 16 novembre, nella partita con lo Jena conclusasi 1-1,[3] è vittima di un grave infortunio che l'allontanerà dal terreno di gioco per diversi mesi.[4]

Smaltite le conseguenze dall'infortunio Thalmann viene impiegata nella formazione del Duisburg II fino al termine del campionato, quindi si congeda dalla società tedesca con un tabellino di otto presenze in prima squadra e due in quella riserve.

Durante il calciomercato estivo 2015 trova un accordo con il Basilea, tornando in terra natia per tornare a giocare Lega Nazionale A dopo cinque stagioni. Il sodalizio con le elvetiche dura solo per la prima parte della stagione 2015-2016 fino all'apertura del calciomercato invernale, dove decide di accettare la proposta fattale dalla Fiorentina Women's per tornare a giocare nel campionato italiano in sostituzione dell'ungherese Réka Szőcs, e dove ritrova una buona parte dell'organico della ex-Torres campione d'Italia[5][6].

Il 28 luglio 2016 l'AGSM Verona ha comunicato di aver raggiunto un accordo con Gaëlle Thalmann per la stagione 2016-2017[7]. Al termine della stagione ha lasciato la compagine veronese e si è legata al Mozzanica[8].

Nell'estate 2019 ha lasciato l'Italia dopo 3 stagioni e mezza per tornare in Patria, al Servette Chênois[9].

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Viene convocata alle selezioni per le giovanili della nazionale di calcio femminile svizzera e gioca la sua prima partita internazionale con la maglia rossocrociata della nazionale svizzera under-19 il 6 ottobre del 2002, nel match vinto dalla Svizzera per 5 a 0 contro la pari rappresentativa dell'Ungheria nel primo turno di qualificazione per i Campionati Europei UEFA di categoria.[10]

Dal 2005, scaduti i termini per rimanere nella compagine inferiore rimane a disposizione della nazionale maggiore, con la quale il 25 marzo 2005, pur non scendendo in campo, è inserita in rosa come portiere di riserva nell'amichevole persa 2-1 con il Belgio. Per il suo debutto deve aspettare il 17 giugno 2007, sempre in un'amichevole, giocando per un tempo nell'incontro giocato contro la Svezia e persa per 4-1.[11]

Nel corso delle qualificazioni al mondiale 2015 contribuisce alla conquista del primo posto del Gruppo 3 ed alla storica qualificazione alla fase finale in un Mondiale della nazionale svizzera, tuttavia la sua convocazione è compromessa da un grave infortunio patito con il Duisburg in Bundesliga.[4]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Turbine Potsdam: 2008-2009
Torres: 2012-2013
Zuchwil 05: 2005-2006
Turbine Potsdam: 2009
Torres: 2012, 2013

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

2017

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

  • Premio al merito sportivo nel Canton Friburgo.[12]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La Gruyère|Le nouveau défi de Gaëlle Thalmann
  2. ^ Gianluca Derelitto, La Torres ha due "Numeri 1"...ingaggiata Gaelle Thalmann, su Sportivamente Sassari, http://sportivamentesassari.it/, 24 luglio 2012. URL consultato il 13 giugno 2014 (archiviato dall'url originale il 14 luglio 2014).
  3. ^ Soccerway.
  4. ^ a b Grave infortunio a Gaëlle Thalmann [collegamento interrotto], su Associazione Svizzera di Football, http://www.football.ch/it/ASF.aspx, 18 novembre 2014. URL consultato il 3 maggio 2015.
  5. ^ (DE) Gaëlle Thalmann verlässt das FCB-Frauenteam, su FC Basel 1893, 14 dicembre 2015. URL consultato il 6 gennaio 2016.
  6. ^ La Fiorentina Women’s piazza il colpo: ecco Thalmann, portiere della Svizzera, su Violanews.com, 31 dicembre 2015. URL consultato il 6 gennaio 2016.
  7. ^ Gaëlle Thalmann al Verona!, su veronacalciofemminile.com, 28 luglio 2016. URL consultato il 30 luglio 2016 (archiviato dall'url originale il 17 agosto 2016).
  8. ^ Il Mozzanica blinda la porta con Gaëlle Thalmann, su asdmozzanica.eu, 15 luglio 2017. URL consultato il 21 luglio 2017 (archiviato dall'url originale il 30 agosto 2017).
  9. ^ (FR) Gaëlle Thalmann signe au Servette FCCF, su servettefc.ch, 31 luglio 2019. URL consultato il 31 luglio 2019.
  10. ^ UEFA.
  11. ^ Associazione Svizzera di Football.
  12. ^ Gianluca Derelitto, Un importante riconoscimento per Gaelle Thalmann, il forte portiere della Torres femminile ha ricevuto il premio al merito sportivo nel Cantone Friburgo, su Sportivamente Sassari, http://sportivamentesassari.it/, 6 gennaio 2014. URL consultato il 13 giugno 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]