GXT

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
GXT
GXT logo.svg
Paese Italia Italia
Lingua italiano e inglese
Tipo tematico
Target maschile (15-25 anni)
Slogan "Ke ti guardi?"
Versioni GXT 576i (SDTV)
(data di lancio: 1º maggio 2005 (Sky))
GXT 576i (SDTV)
(data di lancio: 26 febbraio 2016 (digitale terrestre))
Data chiusura 31 dicembre 2014 (Sky)
Editore Discovery Italia
Sito www.gxt.it

GXT è stato un canale televisivo tematico italiano edito da Discovery Italia fondato e trasmesso da Switchover Media era disponibile a pagamento su Sky nel pacchetto "Sky TV" ai canali 146 e 147.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

GXT era rivolto ad un target giovanile e prevalentemente maschile nella fascia 15-25 anni[1] offrendo una programmazione improntata su azione, ironia ed eccesso.

I programmi di punta di GXT includevano game show giapponesi quali Takeshi's Castle e Ninja Warrior, programmi di sport entertainment come American Gladiators e WWE Afterburn e WWE Bottom Line oltre a tutte le serie prodotte da Guinness World Records e film commedia, d'azione e dell'orrore mirati al target del canale.

Il 30 aprile 2008 GXT si è trasferito dal canale 702 alla posizione 146. Il 1º giugno 2008 è nata la versione timeshift denominata GXT +1, disponibile sempre esclusivamente a pagamento su Sky, il quale presenta la stessa programmazione di GXT posticipata di un'ora. Il 14 gennaio 2013 in seguito alla vendita di Switchover Media il canale diventa di proprietà di Discovery Italia.

Il 31 dicembre 2014 GXT e il suo timeshift chiudono le trasmissioni su Sky.

Il 26 febbraio 2016 o da marzo 2016 dovrebbe riprendere le sue trasmissioni televisive sul digitale terrestre.

Palinsesto[modifica | modifica wikitesto]

Programmi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ GXT | Switchover Media

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione