Gëzim Hajdari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gëzim Hajdari

Gëzim Hajdari (Lushnjë, 25 febbraio 1957) è un poeta e traduttore albanese naturalizzato italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gëzim Hajdari, è nato nel 1957, ad Hajdaraj (Lushnje), Albania, in una famiglia di ex proprietari terrieri e commercianti, i cui beni sono stati confiscati durante la dittatura comunista di Enver Hoxha. Nel paese natale ha terminato le elementari, mentre ha frequentato le medie, il ginnasio e l'istituto superiore per ragionieri nella città di Lushnje. Ha studiato Lettere Albanesi all'Università “A. Xhuvani” di Elbasan e Lettere Moderne a "La Sapienza" di Roma.

In Albania ha svolto vari mestieri lavorando come operaio, guardia di campagna, magazziniere, ragioniere, operaio in una azienda per la bonifica dei terreni, due anni come militare con gli ex-detenuti, insegnante di letteratura alle superiori dopo il crollo del regime comunista; mentre in Italia ha lavorato come pulitore di stalle, zappatore, manovale, aiuto tipografo.

Nell'inverno del 1991, Hajdari è tra i fondatori del Partito Democratico e del Partito Repubblicano della città di Lushnje, partiti d'opposizione, e viene eletto segretario provinciale per i repubblicani nella suddetta città. È cofondatore del settimanale di opposizione Ora e Fjalës, nel quale svolge la funzione di vice direttore. Allo stesso tempo scrive sul quotidiano nazionale Republika. Più tardi, nelle elezioni politiche del 1992, si presenta come candidato al parlamento nelle liste del PRA, ma non risultò eletto.

Nel corso della sua intensa attività di esponente politico e di giornalista d’opposizione in Albania, ha denunciato pubblicamente e ripetutamente i crimini del ex-regime di Enver Hoxha, nonché la corruzione e gli affari sporchi tra mafia e i politici dei regimi corrotti post-comunisti di Tirana. Anche per queste ragioni, a seguito di ripetute minacce di morte, è stato costretto, nell'aprile del 1992, a fuggire dal proprio paese.

Bilingue e translingue, scrive e traduce in albanese e in italiano. Ha tradotto diversi poeti albanesi in italiano. È stato invitato a tenere conferenze, lezioni e presentare la sua opera in diversi paesi e università europei, ma mai in Albania, dove il suo contributo letterario viene ignorato volutamente dalla cultura di potere.

La sua opera è oggetto di studi accademici in diverse università del mondo.

È cittadino onorario per meriti letterari della città di Frosinone. È considerato uno dei maggiori poeti contemporanei.

Dirige la collana di poesia "Erranze" per l'editore Ensemble di Roma. Ha vinto numerosi premi letterari. Sue opere, oltre all'italiano, sono tradotte in tedesco, spagnolo, inglese, francese.

Dal 2014 - 2018 ha tenuto un seminario sulla Lingua e Cultura Albanese presso l'Università di Macerata.

Dal 1992, vive come esule in Italia.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Edizioni in albanese[modifica | modifica wikitesto]

  • Antologia e shiut, "Naim Frashëri", Tirana 1990, ISBN 1990, 891.983-1 H 19
  • Trup i pranishëm / Corpo presente, I edizione “Botimet Dritëro”, Tirana 1999 (in bilingue, con testo italiano a fronte).
  • * Gjëmë: Genocidi i poezisë shqipe, “Mësonjëtorja”, Tirana 2010, ISBN 978-99943-35-75-6

Edizioni in italiano in bilingue[modifica | modifica wikitesto]

Libri reportage di viaggio[modifica | modifica wikitesto]

Monografie sull'opera di G. Hajdari[modifica | modifica wikitesto]

  • Poesia dell'esilio. Saggi su Gëzim Hajdari, a cura di Andrea Gazzoni. Cosmo Iannone Editore 2010, ISBN 978-88-516-0114-0
  • La besa violata. Eresia e vivificazione nell'opera di Gëzim Hajdari - di Alessandra Mattei. Edizioni Ensemble 2014 ISBN 978-88-6881-019-1
  • In balia delle dimore ignote. La poesia di Gëzim Hajdari - di Sara Di Gianvito. Besa 2015, ISBN 978-88-497-0993-3
  • Geografie di orme nascoste. Paesaggi dell'esilio nelle opere di Gëzim Hajdari - di Matilde Sciarrino. Pubblicato dall'UdS Universität des Saarlandes, Saarbrücken, Germania: https://publikationen.sulb.uni-saarland.de/handle/20.500.11880/27446

Opere a cura e traduzione di G. Hajdari[modifica | modifica wikitesto]

Traduzioni in albanese[modifica | modifica wikitesto]

  • Poesie /Poezi, di Amedeo di Sora. “Botimet Dritëro”, Tirana (Albania), 1999. Antologia con testo italiano a fronte. A cura e traduzione di G. Hajdari.
  • Il muschio e la pietra/Eshka dhe guri di Luigi Manzi. Besa 2004, ISBN 88-497-0244-2. Antologia con testo italiano a fronte. A cura e traduzione di G. Hajdari.

Traduzioni in italiano[modifica | modifica wikitesto]

  • I canti dei nizam/ Këngët e nizamit, Besa 2012. ISBN 978-88-497-0823-3. Canti lirici orali albanesi dell'Ottocento. Testo albanese a fronte. A cura e traduzione di G. Hajdari.
  • Leggenda della mia nascita/ Legjenda e lindjes sime di Besnik Mustafaj. Edizioni Ensemble 2012, ISBN 978-88-97639-59-6. Testo albanese a fronte. A cura e traduzione di G. Hajdari.
  • Evviva il canto del gallo nel villaggio comunista/ Rroftë kënga e gjelit në fshatin komunist, Besa 2013, ISBN 978-88-497-0822-6. Testo albanese a fronte. A cura e traduzione di G. Hajdari.
  • Poesie scelte / Poezi të zgjedhura di Faslli Haliti. EdiLet 2015, ISBN 978-88-98135-41-7. Testo albanese a fronte. A cura e traduzione di G. Hajdari.
  • Poesie scelte / Poezi të zgjedhura di Jozef Radi. Besa 2017, ISBN 978-88-497-1104-2. Testo albanese a fronte. A cura e traduzione di G. Hajdari.
  • La tua robinja / Kam me ardhe si deka di Donika Dabishevci. Edizioni Ensemble 2017, ISBN 978-88-6881-176-1. Testo albanese a fronte. A cura e traduzione di G. Hajdari.
  • I canti del kurbet/ Këngët e kurbetit", (di prossima uscita con Besa). Testo albanese a fronte. A cura e traduzione di G. Hajdari.

Co-curatore[modifica | modifica wikitesto]

Premi letterari[modifica | modifica wikitesto]

  • 1996 - EkseTra (Rimini
  • 1997 - Eugenio Montale (Roma)
  • 1999 - Fratellanza nel mondo (Potenza)
  • 2000 - Trieste EtniePoesie (Trieste)
  • 2000 - Scritture di Frontiera - Umberto Saba (Trieste)
  • 2000 - Dario Bellezza (Roma)
  • 2000 - Grotteria (Reggio Calabria)
  • 2003 - Ciociaria (Fiuggi)
  • 2005 - Popoli in cammino (Milano)
  • 2006 - Multietnicità (Roma)
  • 2007 - Piccola Editoria di Qualità (Chiari)
  • 2011 - Vittorio Bodini (Minervino - Lecce)
  • 2016 - Guido Gozzano (Terzo - Alessandria)
  • 2016 - Léopold Sédar Senghor (Milano).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN11996604 · ISNI (EN0000 0000 5555 4327 · LCCN (ENno2003060228 · GND (DE136415989 · WorldCat Identities (ENlccn-no2003060228