Futbol'nyj Klub Achmat

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
F.K. Achmat Groznyj
Calcio Football pictogram.svg
Terek Groznyj.png
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali Flag green HEX-007500.svg Verde
Dati societari
Città Coat of Arms of Grozny (Chechnya).png Groznyj
Nazione Russia Russia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Russia.svg RFU
Campionato Prem'er-Liga
Fondazione 1946
Presidente Russia Ramzan Kadyrov
Allenatore Russia Igor' Ledjachov
Stadio Terek Stadium
(30.000 posti)
Sito web www.fc-terek.ru
Palmarès
Coppa di Russia
Trofei nazionali 1 Coppa di Russia
Si invita a seguire il modello di voce

L'Achmat Groznyj, ufficialmente Respublikanskij Futbol'nyj Klub «Achmat» (Groznyj), (in russo: Pecпyбликaнcкий Футбольный Kлуб «Axmat» (Гpoзный)?), storicamente noto come Terek è una società calcistica russa con sede nella città di Groznyj, capitale della Cecenia.

Gioca nella Prem'er-Liga, la massima serie del campionato russo di calcio.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il club venne fondato nel 1946 come Dinamo, nome che mantenne fino al 1948 quando cambiò nome in Neftjanik; con questo nome debuttò nel campionato sovietico di calcio nel 1957. Nel 1958 assunse la denominazione di Terek, nome che mantenne fino al 2017. Durante gli anni dell'Unione Sovietica, il club non raggiunse alcun risultato degno di nota. Giocò, infatti, al massimo in seconda serie in tre distinti intervalli: tra il 1957 e il 1962; tra il 1965 e il 1969; infine tra 1976 e il 1980.

Nel corso degli anni novanta il club, a causa della Guerra di Cecenia, venne sciolto più volte, dovendo rinunciare al professionismo tra il 1995 e il 2000.

Riammessa in terza serie nel 2001, riuscì in breve a risalire la china, tanto da riuscire a vincere la Coppa di Russia 2003-2004 contro il Kryl'ja Sovetov, unica squadra nella storia della Russia a vincere il trofeo senza trovarsi nella Prem'er-Liga. Per altro proprio al termine dell'annata 2004 riuscì anche a raggiungere la massima serie per la prima volta nella sua storia.

Dopo una sola stagione nella massima serie, il club fu retrocesso di nuovo nella a seconda serie del campionato russo; ma già due anni più tardi ottenne nuovamente il ritorno in prima divisione. Dal 2017 ha assunto il nome di Achmat.

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria dell'Achmat Groznyj
  • 1946: fondazione del club come Dinamo Groznyj.

  • 1948: il club cambia nome in Neftjanik Groznyj.

Semifinale nella zona 1 di Coppa dell'URSS.
  • 1958: cambia nome in Terek Groznyj.
8º nel girone 4 di Klass B.
Finale nella zona 4 di Coppa dell'URSS.
Semifinale nella zona 4 di Coppa dell'URSS.
  • 1960: 1º nel girone Russia 5 di Klass B, 5º nel girone finale russo.
  • 1961: 1º nel girone Russia 4 di Klass B, 2º nel girone finale russo.
Semifinale nella zona 4 russa di Coppa dell'URSS.
  • 1962: 7º nel girone Russia 3 di Klass B. Retrocesso in Klass B, che diventa la terza seria.
Ottavi di finale nella zona 3 russa di Coppa dell'URSS.
  • 1963: 2º nel girone Russia 3 di Klass B, 5º nel girone semifinale di Groznyj.
Semifinale nella zona 3 russa di Coppa dell'URSS.
  • 1964: 2º nel girone Russia 3 di Klass B, 2º nel girone semifinale di Groznyj, 2º nel girone finale russo. Promosso in Vtoraja Gruppa A.
3º nel girone Russia 6 di Klass B.
Terzo turno in Coppa dell'URSS.
Primo turno in Coppa dell'URSS 1965.
Terzo turno in Coppa dell'URSS 1965-1966.
4º turno in Coppa dell'URSS.
2º turno in Coppa dell'URSS.
2º turno in Coppa dell'URSS.
1º turno in Coppa dell'URSS.
2º turno in Coppa dell'URSS.
2º turno in Coppa dell'URSS.
5º nel girone 5 di Coppa dell'URSS.
6º nel girone 5 di Coppa dell'URSS.
2º turno in Coppa dell'URSS.
2º turno in Coppa dell'URSS.
  • 1991: 5º nel girone Centro di Vtoraja Liga. Collocato nella Pervaja liga russa.

Ottavi di finale in Coppa di Russia.
Sedicesimi di finale in Coppa di Russia.
1º turno in Coppa di Russia.

3º turno in Coppa di Russia.
2º turno in Coppa di Russia.
Vince la Coppa di Russia (1º titolo).
Sedicesimi di finale in Coppa di Russia.
1º turno in Coppa UEFA.
Perde la Supercoppa di Russia.
Ottavi di finale in Coppa di Russia.
5º turno in Coppa di Russia.
Ottavi di finale in Coppa di Russia.
Ottavi di finale in Coppa di Russia.
Sedicesimi di finale in Coppa di Russia.
Sedicesimi di finale in Coppa di Russia.
Quarti di finale in Coppa di Russia.
Quarti di finale in Coppa di Russia.
Quarti di finale in Coppa di Russia.
Sedicesimi di finale in Coppa di Russia.
Quarti di finale in Coppa di Russia.
Ottavi di finale in Coppa di Russia.
9º in Prem'er-Liga.
Sedicesimi di finale in Coppa di Russia.
in Coppa di Russia.

Strutture[modifica | modifica wikitesto]

Stadio[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Stadion imeni Achmat-Chadži Kadyrova.

Lo Stadion imeni Achmat-Chadži Kadyrova da 30.000 posti, che sostituì il vecchio Stadio Sultan Bilimkhanov, è stato inaugurato l'11 maggio 2011 in occasione di un'amichevole organizzata contro una formazione di ex-stelle del calcio mondiale come Diego Armando Maradona, Jean-Pierre Papin, Alessandro Costacurta, Christian Vieri, Iván Zamorano, Fabien Barthez, Franco Baresi, Luís Figo, Roberto Ayala, Alain Boghossian, Manuel Amoros, Robbie Fowler, Dida e Enzo Francescoli e vinta per 5-2 dalla formazione del Caucaso del Nord[1] con anche tre gol del presidente Kadyrov[2][3].

Allenatori[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Allenatori del F.K. Achmat
FC Zenit 1 star 2015 logo.png
Allenatori del F.K. Achmat

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

1963, 1964
2003-2004
2004
2002

Altri piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Finalista: 2005
Secondo posto: 2007

Organico[modifica | modifica wikitesto]

Rosa 2018-2019[modifica | modifica wikitesto]

Aggiornata al 1 settembre 2018.

N. Ruolo Giocatore
2 Brasile D Rodolfo
3 Russia D Zaurbek Pliev
4 Venezuela D Wilker Ángel
5 Russia D Magomed Musalov
6 Russia C Mikhail Gashchenkov
8 Costa d'Avorio C Idrissa Doumbia
9 Russia A Zaur Sadaev
10 Russia C Khalid Kadyrov
11 Brasile C Ismael Silva
13 Iran D Milad Mohammadi
14 Brasile C Ravanelli
15 Russia D Andrej Sergeevič Semënov
16 Russia P Yevgeni Gorodov
N. Ruolo Giocatore
17 Senegal A Ablaye Mbengue
18 Albania A Bekim Balaj
19 Russia C Oleg Ivanov
20 Croazia D Zoran Nižić
21 Albania C Odise Roshi
23 Russia C Anton Švec
27 Russia A Idris Umaev
31 Russia P Aleksandr Sheplyakov
33 Russia P Vitali Gudiev
40 Russia D Rizvan Utsiev (capitano)
59 Russia C Evgeny Kharin
77 Kosovo C Bernard Berisha
95 Russia A Magomed Mitrišev

Staff tecnico[modifica | modifica wikitesto]

Staff dell'area tecnica

Rosa 2017-2018[modifica | modifica wikitesto]

N. Ruolo Giocatore
2 Brasile D Rodolfo
3 Russia D Zaurbek Pliev
4 Venezuela D Wilker Ángel
8 Brasile C Léo Jabá
9 Russia A Zaur Sadaev
10 Russia C Khalid Kadyrov
11 Brasile C Ismael Silva
13 Iran D Milad Mohammadi
14 Brasile C Ravanelli
15 Russia D Andrej Sergeevič Semënov
16 Russia P Evgeni Gorodov
17 Senegal A Ablaye Mbengue
N. Ruolo Giocatore
18 Albania A Bekim Balaj
19 Russia C Oleg Ivanov
21 Albania C Odise Roshi
23 Russia C Anton Švec
24 Russia C Roland Gigolaev
33 Russia P Vitali Gudiev
40 Russia D Rizvan Utsiev (capitano)
77 Kosovo C Bernard Berisha
93 Russia A Apti Akh'yadov
94 Brasile D Philipe Sampaio
95 Russia A Magomed Mitrišev

Rosa 2016-2017[modifica | modifica wikitesto]

N. Ruolo Giocatore
1 Russia P Jaroslav Godzjur
2 Brasile D Rodolfo
4 Venezuela D Wilker Ángel
5 Russia D Zaurbek Pliev
7 Russia A Khalid Kadyrov
9 Russia A Zaur Sadaev
10 Romania C Gheorghe Grozav
13 Iran D Milad Mohammadi
14 Russia C Daler Kuzyaev
15 Russia D Andrej Sergeevič Semënov
16 Russia P Evgeni Gorodov
17 Senegal A Ablaye Mbengue
N. Ruolo Giocatore
18 Albania A Bekim Balaj
19 Russia C Oleg Ivanov
20 Romania A Gabriel Torje
21 Albania C Odise Roshi
22 Russia A Reziuan Mirzov
23 Uruguay C Facundo Píriz
27 Russia C Magomed Ozdoev
33 Russia P Vitali Gudiev
40 Russia D Rizvan Utsiev (capitano)
55 Russia A Igor Lebedenko
77 Kosovo C Bernard Berisha
95 Russia A Magomed Mitrišev

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Russia 2018, anche Figo inaugura lo stadio di Grozny, TMW.com, 12 maggio 2011.
  2. ^ PREMIER CECENO SFIDA MARADONA LO DRIBBLA E FA GOL, AGI.it, 12 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 13 maggio 2011).
  3. ^ Calcio, Cecenia: il presidente Kadyrov batte Maradona 5-2. In campo anche Baresi, Costacurta e Vieri, blitzquotidiano.it, 12 maggio 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]