Fucile a leva Henry

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Fucile Henry
Henry Rifle.jpg
TipoFucile con caricamento a leva
OrigineStati Uniti Stati Uniti
Impiego
ConflittiGuerra di secessione americana, guerre indiane
Produzione
ProgettistaBenjamin Tyler Henry
CostruttoreU.S. Repeating Arms Company
Date di produzione1860–1866
Numero prodottoCirca 14 000
Descrizione
Peso4,2 kg
Lunghezza113,7 cm
Lunghezza canna61 cm
Calibro11,3 mm
Munizioni.44 Henry a percussione anulare
AzionamentoA retrocarica, azionamento a leva
AlimentazioneCaricatore tubulare sottocanna da 15 cartucce
voci di armi da fuoco presenti su Wikipedia

Il fucile a leva Henry[1] (semplicemente fucile Henry, da non confondersi col fucile Martini-Henry, di fabbricazione britannica) è un fucile con caricamento a leva. Prodotto dalla New Haven Arms Company, il progetto è derivato dalla carabina Winchester.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1860, Benjamin Tyler Henry perfezionò il fucile Volcanic, progettando una cartuccia metallica, mentre il Volcanic utilizzava un "proiettile razzo" di poca potenza, cioè un proiettile di piombo contenente una piccola carica di polvere nera e un dischetto di fulminato di mercurio. L'Henry fu brevettato nel 1860 e prodotto dal 1861 negli Stati Uniti dalla New Haven Arms Company. Considerato delicato e poco potente, fu adottato in piccole quantità dallo "Union Army" nella guerra di secessione americana. Molti altri Henry furono acquistati privatamente da soldati nordisti che potevano permetterselo, essendo favorito per la sua maggiore rapidità di fuoco rispetto alle carabine ad avancarica allora in dotazione in entrambi gli eserciti. Anni dopo alcuni esemplari finirono nelle mani di alcune tribù di nativi americani come i Sioux e dei Cheyenne che li utilizzarono nella battaglia del Little Bighorn nel giugno 1876.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il fucile Henry utilizzava una cartuccia calibro .44 con 26 - 28 grani (da 1,7 a 1,8 g) di polvere nera. Ciò gli conferiva una velocità alla volata e un'energia significativamente più bassa rispetto ad altri fucili a ripetizione dell'epoca, come lo Spencer.

La chiave dell'azione era un "elevatore" che la leva sollevava e abbassava alternativamente, portando una cartuccia alla volta dal serbatoio tubolare sottostante la canna al livello della canna stessa. Abbassare la leva espelleva il bossolo sparato dalla canna, armava il cane e sollevava l'"elevatore". Riportando la leva in posizione spingeva la cartuccia nella canna e chiudeva la culatta, mentre una molla nel caricatore spingeva il prossimo proiettile nell'"elevatore" in posizione per l'azione successiva. Il caricatore riceveva le munizioni aprendo la parte anteriore dello stesso e infilando 15 cartucce che venivano poi spinte da una lunga molla a spirale verso l'azione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Butler 1971, p. 229.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) David F. Butler, United States Firearms The First Century 1776-1875, New York, Winchester Press, 1971.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENsh2012002372
Armi Portale Armi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di armi