Fußball-Club Bayern München 1974-1975

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow blue.svgVoce principale: Fußball-Club Bayern München.

Fußball-Club Bayern München
Stagione 1974-1975
Allenatore Germania Udo Lattek, poi
Germania Dettmar Cramer
Presidente Germania Wilhelm Neudecker
Bundesliga 10º
DFB-Pokal terzo turno
Coppa dei Campioni Campione
Miglior marcatore Campionato: Germania Müller (23)

Questa voce raccoglie le informazioni riguardanti il Fußball-Club Bayern München nelle competizioni ufficiali della stagione 1974-1975.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

La stagione si apre con la sconfitta per 6-0 alla prima di campionato contro il Kickers Offenbach[1], e anche in coppa di Germania il Bayern viene presto eliminato dal Duisburg. Il 2 gennaio Udo Lattek viene licenziato[2][3] quando la squadra è in quattordicesima posizione[4], ed è sostituito poco dopo da Dettmar Cramer.

I bavaresi sono tuttavia ancora in corsa per vincere la Coppa dei Campioni, dove sono anche campioni in carica: saltato il primo turno eliminano negli ottavi i cugini del Magdeburgo (tra l'altro le due squadre si sarebbero dovute anche incontrare nella Supercoppa UEFA, ma il confronto non viene disputato), e approdano in seguito alla finale. A Parigi, in una partita ricordata anche per le violenze degli hooligan inglesi[5][6] trovano il Leeds United, che viene battuto 2-0 grazie ai gol di Franz Roth e Gerd Müller, capocannoniere della manifestazione. Però Björn Andersson deve abbandonare il campo nei primi minuti a causa di un duro contrasto mentre Uli Hoeneß subisce un grave incidente al ginocchio che condizionerà il resto della sua carriera[7]; gli inglesi dal canto loro si lamentano invece per alcune decisioni arbitrali a loro sfavore[5][6]. Intanto la squadra aveva deciso di non partecipare alla Coppa Intercontinentale.

Maglie e sponsor[modifica | modifica wikitesto]

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta

Organigramma societario[modifica | modifica wikitesto]

Area direttiva

  • Presidente: Germania Wilhelm Neudecker

Area tecnica

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

Fonte[8]

N. Ruolo Giocatore
Germania P Sepp Maier
Germania P Hugo Robl
Svezia D Björn Andersson
Germania D Franz Beckenbauer
Germania D Bernd Förster
Danimarca D Johnny Hansen
Germania D Jupp Kapellmann
Germania D Richard Mamajewski
Germania D Georg Schwarzenbeck
Germania D Josef Weiß
Germania C Bernd Dürnberger
N. Ruolo Giocatore
Germania C Uli Hoeneß
Germania C Franz Michelberger
Germania C Franz Roth
Germania C Erwin Hadewicz
Germania C Günther Weiß
Germania C Rainer Zobel
Germania A Gerd Müller
Germania A Karl-Heinz Rummenigge
Svezia A Conny Torstensson
Germania A Klaus Wunder

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche di squadra[modifica | modifica wikitesto]

Competizione Punti Totale
G V N P Gf Gs
Meisterschale.png Bundesliga 34 34 14 6 14 57 63
Coppagermania.png DFB-Pokal - 3 2 0 1 7 5
Coppacampioni.png Coppa dei Campioni - 7 5 1 1 11 4
Totale 44 21 7 16 75 72

Statistiche individuali[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DE) 1. Bundesliga - Spieltag / Tabelle, in kicker.de. URL consultato il 1 ottobre 2014.
  2. ^ BAYERN MONACO 1971-1976 Gli anni d'oro della corazzata, in storiedicalcio.altervista.org. URL consultato il 25 agosto 2014.
  3. ^ Quando Inter e Bayern Monaco erano il calcio in bianco e nero, in corriere.it. URL consultato il 25 agosto 2014.
  4. ^ (DE) 1. Bundesliga - Spieltag / Tabelle, in kicker.de. URL consultato il 1 ottobre 2014.
  5. ^ a b 1975 - Bayern Monaco, in gazzetta.it. URL consultato il 25 agosto 2014.
  6. ^ a b 1974/75: BAYERN MONACO, in storiedicalcio.altervista.org. URL consultato il 25 agosto 2014.
  7. ^ ULI HOENESS, in calcioitaliastory.it. URL consultato il 26 agosto 2014.
  8. ^ Bayern Monaco » Rosa 1974-1975, in www.calcio.com. URL consultato il 30 settembre 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio