Front 242

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Front 242
Front242 3.jpg
Paese d'origine Belgio Belgio
Genere Musica post-industriale
EBM
Musica elettronica
Periodo di attività musicale 1981 – in attività
Album pubblicati 22
Studio 10
Live 5
Raccolte 7
Sito ufficiale

I Front 242 sono un gruppo Belga formato nel 1981, considerato tra i pionieri dell'EBM, termine inizialmente coniato proprio per descrivere la loro musica[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fin dai primi anni ottanta hanno influenzato molti gruppi industrial, EBMe synth pop[2].

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Formazione attuale[modifica | modifica wikitesto]

  • Jean-Luc De Meyer: voce
  • Daniel Bressanutti: tastiere e programmazione
  • Patrick Codenys: tastiere, programmazione, campionamenti
  • Richard "Richard 23" Jonckheere: percussioni, voce

Ex componenti[modifica | modifica wikitesto]

Discografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Album dal vivo[modifica | modifica wikitesto]

  • 1992 - Live Target
  • 1994 - Live Code
  • 1998 - Re-Boot: Live '98
  • 2014 - Front 242: LIVE Cold Waves III
  • 2016 - Catch The Men

Raccolte[modifica | modifica wikitesto]

  • 1983 - Two in One
  • 1987 - Back Catalogue
  • 1992 - Selections 242
  • 1992 - 242
  • 1995 - Mut@ge.Mix@ge
  • 2016 - No Comment/Politics Of Pressure

EP[modifica | modifica wikitesto]

  • 1983 - Endless Riddance
  • 1983 - Two In One
  • 1984 - Live in Chicago
  • 1985 - Politics of Pressure
  • 1991 - Mixed By Fear
  • 1993 - Angels Versus Animals
  • 1993 - Religion
  • 1993 - Headhunter 2000
  • 2003 - Still and Raw

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • 1981 - Principles
  • 1981 - U-Men
  • 1985 - No Shuffle
  • 1986 - Interception
  • 1987 - Masterhit
  • 1988 - Headhunter
  • 1989 - Never Stop!
  • 1990 - Tragedy >for you<
  • 1991 - Rhythm of Time
  • 1993 - Animal

Video[modifica | modifica wikitesto]

  • 1992 - Integration Eight X Ten
  • 1993 - Untitled/Religion
  • 2005 - Catch The Men

Videoclip[modifica | modifica wikitesto]

  • 1982 - U-Men, regia di Marc De Meyer
  • 1984 - Operating Tracks
  • 1984 - Take One
  • 1986 - Quite Unusual, regia di Serge Bergli
  • 1988 - Headhunter, regia di Anton Corbijn
  • 1988 - Welcome To Paradise, regia di Anton Corbijn
  • 1990 - Tragedy >for you< , regia di Anton Corbijn
  • 1991 - Rhythm Of Time, regia di Peter Christofferson
  • 1993 - Religion, regia di Jon Klein
  • 1994 - Animal, regia di John Wentworth
  • 1996 - Happiness, regia di Etienne Auger

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) History of Techno, su Everything2, 5 gennaio 2000.
  2. ^ Alessandro Bolli, Dizionario dei Nomi Rock, Padova, Arcana editrice, 1998, ISBN 978-88-7966-172-0.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN124503149 · ISNI: (EN0000 0001 1481 4126 · BNF: (FRcb139361443 (data)