Fritto misto alla piemontese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fritto misto alla piemontese
Fricassà mëscià
Fricassà mëscià
Origini
Luogo d'origine Italia Italia
Regione Piemonte
Dettagli
Categoria secondo piatto
Settore carni (e frattaglie) fresche e loro preparazione
 

Il fritto misto alla piemontese (Fricassà mëscià in piemontese) è un piatto unico tipico della cucina piemontese.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di un piatto di antica tradizione popolare, quando ancora gli animali venivano macellati a casa e per sprecare il meno possibile, si cucinavano le frattaglie. Piatto tradizionalmente conviviale e tipico del periodo autunnale ed invernale, è tuttavia facile da reperire quasi tutto l'anno (esclusi i mesi estivi più caldi).

Gli animali di grossa taglia come l'agnello, il maiale o il vitello, dopo la macellazione, venivano suddivisi all'interno della famiglia allora patriarcale e le animelle, i rognoni, i filoni, la cervella, il fegato e i testicoli venivano impanati nel pan grattato e fritti in olio. Venivano poi serviti con i sanguinacci nel giorno festivo successivo alla macellazione.

Nel corso degli anni la preparazione ha subito importanti aggiunte e data la facilità con la quale ormai si possono acquistare svariati tipi di carne, si può considerare e servire come piatto unico.

Resta comunque un piatto del "dì di festa", e abbinando il dolce con il salato, è stata aggiunta la mela e l'amaretto (prodotti comunque piemontesi), oltreché carni miste e diverse verdure.

La ricetta tradizionale vorrebbe il F.M. costituito da una trentina di tipi diversi di carni, frutta e verdura.

Composizione tradizionale[modifica | modifica wikitesto]

il tutto accompagnato da verdure di stagione saltate in padella.

Composizione attuale[modifica | modifica wikitesto]

È consuetudine ormai trovare il fritto misto alla piemontese completo di:

  • fegato (fricassà neira)
  • polmone (fricassà bianca)
  • rognone
  • salsiccia
  • cervella
  • animelle
  • filoni
  • testicolo
  • carré di agnello
  • petto di pollo
  • punta di cavolfiore ed altre verdure di stagione
  • semolino dolce (polenta dossa, friciolìn)
  • fettina di vitello
  • cosce di rana fritte
  • trota
  • anguilla
  • mele
  • pesche
  • albicocche
  • amaretto

il tutto accompagnato da verdure di stagione saltate in padella.

Aggiunte[modifica | modifica wikitesto]

La composizione del fritto misto è cambiata in base ai gusti ed alla fantasia in cucina, così non ci si stupisca se nel piatto si possono trovare anche:

  • uva
  • ciliegie
  • pera
  • coppia di pavesini con all'interno marmellata o crema al cioccolato
  • quadrucci di polenta gialla fritta nel sugo di arrosto

...ed altro ancora