Friedrich Schlegel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Friedrich von Schlegel)
Jump to navigation Jump to search
Karl Wilhelm Friedrich von Schlegel

Karl Wilhelm Friedrich von Schlegel (Hannover, 10 marzo 1772Dresda, 12 gennaio 1829) è stato un filosofo, critico e traduttore tedesco, come suo fratello Wilhelm August von Schlegel. È considerato uno dei fondatori del Romanticismo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio del pastore luterano Johann Adolf Schlegel (1721–1793), trascorse gran parte della sua infanzia presso uno zio e presso il fratello maggiore Wilhelm.

Amico di Novalis, Tieck e degli altri romantici, fiero avversario letterario di Johann Wolfgang von Goethe e Friedrich von Schiller, nonostante dotato di tradizione classicista di stampo winckelmanniano, con il fratello August Wilhelm pubblicò dal 1798 al 1800 la rivista Athenäum.

Visse a Jena, Berlino, Parigi, poi stabilitosi a Vienna nel 1808 e convertitosi al cattolicesimo, divenne stretto collaboratore del cancelliere Metternich (partecipò ai lavori del Congresso di Vienna e venne con lui in Italia nel 1819) e uno dei massimi teorici della Restaurazione.

Tra le sue opere letterarie ricordiamo il dramma classicistico Alarcos (1802) e Lucinde (1799), romanzo a sfondo autobiografico che suscitò scalpore per il suo intento di conciliare amore spirituale e amore sensuale. Ben più importanti i suoi scritti critici e filosofici, fra cui Sul valore dello studio dei greci e dei romani, Storia della poesia dei greci e dei romani, e soprattutto i Frammenti, tentativo di fondere la lingua concentrata, pregnante, ricca di paradossi, elementi poetici, filosofici e religiosi. Il suo saggio Sulla lingua e sulla saggezza degli indiani del 1808 contribuì alla diffusione degli studi sulla cultura indiana di sir William Jones sviluppando inoltre l'idea che tutte le grandi culture e religioni del mondo derivassero da quelle indiane (suo fratello Whilelm, anche lui studioso di sanscrito e cultura orientale, pubblicò successivamente edizioni in latino della Bhagavad-Gita e del Ramayana). Per Schlegel, tutti i popoli che si erano distinti per grandi risultati culturali derivavano dallo stesso popolo, il quale a sua volta aveva origine nel mitico monte Meru dell'estremo nord. Secondo Schlegel questa razza non poteva che essere la razza bianca indo-nordica cui aveva applicato il termine di "ariani", il quale portò successivamente al di là della volontà del suo fautore allo sviluppo dell'ariosofia e di altre tesi razziste e antisemite.

Schlegel diede inoltre l'avvio alla poetica romantica, sostenendo la necessità di svincolare la letteratura dai modelli classici. Nelle sue ultime opere Storia della letteratura antica e moderna, 1815, lavorò a una storia letteraria di taglio sistematico.

Dopo aver interrotto un apprendistato nel commercio a Lipsia, studiò da solo per ottenere accesso all'università dove studiò diritto, matematica, filologia classica, medicina e filosofia dapprima a Gottinga e in seguito a Lipsia.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine Supremo del Cristo (Santa Sede) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Supremo del Cristo (Santa Sede)

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Vom ästhetischen Werte der griechischen Komödie, 1794 ("Sul valore estetico della commedia greca")
  • Über die Diotima, 1795 ("Riguardo a Diotima")
  • Versuch über den Begriff des Republikanismus, 1796 ("Un tentativo sul concetto di repubblicanesimo")
  • Georg Forster, 1797
  • Über das Studium der griechischen Poesie, 1797 ("Riguardo allo studio della poesia greca")
  • Über Lessing, 1797 ("Su Lessing")
  • Kritische Fragmente („Lyceums“-Fragmente), 1797 ("Frammenti critici, detti anche «Frammenti del Liceo»")
  • Fragmente („Athenäums“-Fragmente), 1797-1798 ("Frammenti, detti anche «Frammenti dell'Ateneo»")
  • Lucinde, 1799
  • Über die Philosophie. An Dorothea, 1799 ("Sulla Filosofia. A Dorothea")
  • Gespräch über die Poesie, 1800 ("Discorso sulla Poesia")
  • Über die Unverständlichkeit, 1800 ("Sull'incomprensibilità")
  • Charakteristiken und Kritiken, 1801 ("Caratteristiche e critiche")
  • Alarkos, 1802
  • Reise nach Frankreich, 1803 ("Viaggio in Francia")
  • Sprache und Weisheit der Inder, 1808 ("Lingua e saggezza dell'India")
  • Geschichte der alten und neueren Literatur, Vorlesungen, 1815 ("Storia della letteratura antica e contemporanea, lezioni")

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN59099547 · ISNI (EN0000 0001 0905 3414 · SBN IT\ICCU\CFIV\092312 · LCCN (ENn50004738 · GND (DE118607987 · BNF (FRcb12036520h (data) · BNE (ESXX1159130 (data) · NLA (EN35480548 · BAV (EN495/126105 · CERL cnp00904679 · NDL (ENJA00455576 · WorldCat Identities (ENlccn-n50004738