Friedrich Chrysander

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Friedrich Chrysander

Friedrich Chrysander (Lübtheen, 8 luglio 1826Bergedorf, 3 settembre 1901) è stato un musicologo ed editore musicale tedesco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Friedrich Chrysander

Chrysander era figlio di un mugnaio.

Studiò dapprima filosofia all'università di Rostock laureandosi nel 1853. Dopodiché studiò musica realizzando una dissertazione sull'Oratorio.[1]

Ha iniziato a lavorare come insegnante privato a Rostock; successivamente ha insegnato a Bad Doberan e a Schwerin.

L'interesse per la musica lo ha portato a comporre un'opera, ma presto ha deciso di concentrarsi su critica e studi accademici.

Le sue prime pubblicazioni sono critiche e articoli su piccole riviste locali. Nel 1853 pubblicò saggi sull'oratorio e la musica popolare.

Ha poi vissuto all'estero per lungo tempo, soprattutto in Inghilterra. Dopo essere tornato in Germania, soggiornò in parte a Lauenburg, in parte a Vellahn, nel Meclemburgo. Dal 1866 risiedette a Bergedorf, vicino ad Amburgo.

Successivamente si dedicò allo studio di Händel, che concretizzò con una mastodontica opera letteraria raccolta in 100 volumi, inizialmente eseguita con lo storico Georg Gervinus, e ultimata da solo.[1]

Chrysander è anche accreditato per la riscoperta della partitura autografa della Messa in B Minore di Johann Sebastian Bach, che poi ha venduto alla Biblioteca Reale di Berlino.[1]

Inoltre istituì a Londra la società Handel.

Assieme ad Adler e Spitta, fondò il periodico musicale "VfMW", oltreché il periodico Denkmäler der Tonkunst (1869).

Come pioniere di saggi di musicologia ha scritto studi su numerosi protagonisti della musica, come Bach, Beethoven, Mozart, oltreché su varie sfaccettature musicali, quali la pedagogia, la teoria, la musica religiosa.[1]

Il Musical Times in un necrologio su Chrysander nell'ottobre del 1901 scrisse : «Fin dall'inizio ha assunto il ruolo di uno storico nel difendere rigorosamente il diritto e le pretese dei capolavori musicali di un passato lontano in una riproduzione legittima e fedele, cioè senza modernizzazione e senza aggiunte strumentali o vocali.»

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Andrea Della Corte e Guido M. Gatti, Dizionario di musica, Torino, Paravia, 1956, p. 138.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Guido Adler, F.CHrysander, 1926, ZMW

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN59212339 · ISNI (EN0000 0001 1027 6666 · LCCN (ENn82006552 · GND (DE118816098 · BNF (FRcb12842429z (data) · BAV ADV10471823 · CERL cnp00401009
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie