Free It Alt Group

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Free It Alt Group (FIAG, già CGFI) è stato il gruppo di gestione delle gerarchie usenet italiane alternative free.it.* e it-alt.*.

Membri del FIAG[modifica | modifica wikitesto]

Sono stati membri del FIAG:

  • Emiliano Sanguigni, aka Neuro;
  • Massimo Maccagno, aka Cammagno;
  • Tiziano Caviglia, aka Rhadamanth;
  • Antonio Favata, aka Gandalf;
  • Francesco Gabriele Ricci, aka Imperator;
  • Nicola Sturaro Sommacal, aka BadAnimal.

Hanno collaborato con il FIAG a vario titolo:

  • Carlo Caccia, aka Dmitry (news admin di X-Privat Free Server, keymaster del FIAG);
  • Sergio Simonetti, aka Sergio (news admin di MyNewsGate, autore dello script utilizzato per l'invio dei CM del FIAG);
  • Davide de Filippis, aka Fat Mike (già membro del CGFI);

Un po' di storia[modifica | modifica wikitesto]

La gerarchia free.* nasce il 18 luglio 1998 con questa regola: "do whatever you want as long as you're not destroying somebody else's words" (una libera interpretazione in Italiano potrebbe essere: "fai quello che vuoi nel rispetto delle parole degli altri"). L'idea non è originale, ma riprende un tentativo senza successo del 1994, e nasce come forma di protesta nei confronti di news.* da parte di un frequentatore di news.admin.*, Tim Skirvin.

Come spesso accade quando la gente è libera di fare quello che vuole, ci furono degli abusi nell'utilizzo di questa opportunità. Nacquero così gruppi direttamente offensivi verso qualcuno o che non seguivano le più elementari regole di nomenclatura in Usenet. Inoltre in alcuni di questi gruppi si parlava di argomenti illegali e il controllo era praticamente impossibile. La maggior parte dei newsserver mondiali decise perciò di non portare più questa gerarchia.

Ovviamente esistevano numerosi gruppi free.* anche in lingua italiana, che costituivano una sorta di sotto-gerarchia, la free.it.*. Purtroppo anche in Italia i newsadmin dei principali server furono portati a prendere le stesse decisioni già adottate altrove.

Per fortuna, però, il newsadmin di Infostrada (che utilizzava il marchio Libero per i servizi gratuiti e Iol per quelli a pagamento) concesse una possibilità di sopravvivenza alla free.it.*. Nel 2000 bloccò l'accettazione dei control message (messaggi di controllo, tra cui i newgroup, usati per la creazione dei gruppi) da parte di chiunque e decise di creare manualmente i gruppi che riteneva utili. Incaricò quindi alcune persone che si erano distinte nei gruppi free.it.* per la loro competenza tecnica di raccogliere su un apposito newsgroup le richieste e di inviargliele periodicamente. Tra queste persone figurava Neuro, che ha portato avanti questo incarico per 4 anni. In seguito all'acquisizione di Infostrada da parte di Wind il server delle news fu unificato e assunse il nome di Powernews.

Nel 2002 i newsadmin di Tin e di Edisontel cominciarono a portare la gerarchia free.it.*, allineandosi al checkgroups di Powernews. Così, quella che di fatto era diventata una gerarchia a tutti gli effetti aumentava la propria visibilità alla quasi totalità degli utenti italiani.

Nel costante impegno di migliorare la free.it.* all'inizio del 2003 si è costituito un gruppo di gestione, il CGFI (Comitato Gestione Free.It) che, coordinato da Neuro, si occupa di accettare le richieste di creazione (sul newsgroup free.it.gestione), di operare la cancellazione dei gruppi vuoti e di svolgere tutte le altre funzioni di "gestione" della gerarchia. I server che portavano questa "gerarchia" aumentavano e la sua diffusione era praticamente pari a quella della gerarchia it.*,

Dal 1º novembre 2003, in seguito alla nascita della gerarchia italiana it-alt.*, la creazione di nuovi gruppi free.it.* ad opera del FIAG (Free It-Alt Group, l'ex CGFI) è stata sospesa.

Nonostante alcuni gruppi it-alt.* continuino a essere frequentati, la gerarchia è di fatto abbandonata e i gruppi non vengono più creati. Anche se non sono mai state effettuate comunicazioni in tal senso, il FIAG non è più attivo all'incirca dal 2009.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Informatica Portale Informatica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di informatica