Frederick Carl Frieseke

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Frederick Carl Frieseke
Autoritratto, 1938

Frederick Carl Frieseke (Owosso, 7 aprile 1874Le Mesnil-sur-Blangy, 28 agosto 1939) è stato un pittore statunitense. Fu uno dei maggiori impressionisti americani.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Frederick Carl Frieseke nacque in una cittadina del Michigan, figlio del titolare di un'impresa edile. Dopo la morte della madre nel 1881 la famiglia si trasferì in Florida e tornò nel Michigan solo nel 1892. Frederick iniziò allora i suoi studi d'arte presso l'Art Institute of Chicago, dove rimase per quattro anni, per poi recarsi a New York alla Art Student League, dove restò sino al 1897.

Nel 1898 partì per la Francia, e vi rimase tutta la vita, pur continuando a tornare spesso in patria in occasione delle sue mostre o per particolari lavori. A Parigi si iscrisse all'Académie Julian ed ebbe come maestri Jean-Joseph Benjamin-Constant e Jean-Paul Laurens.

Nel 1899 si recò a Étaples e a Montreuil-sur-Mer dove si erano formate delle piccole colonie di artisti americani. A Montreuil lavorò usando tinte neutre e piuttosto scure, dai contrasti poco marcati, che in seguito avrebbe decisamente abbandonato.[1]

Il suo primo mecenate e "agente" fu Rodman Wanamaker, un ricco americano di New York che curò i suoi interessi in America. Ma Frieseke viveva ormai tutto l'anno a Parigi, e nel 1900 cominciò a trascorrere l'estate a Giverny, dove affittò una casa adiacente a quella di Claude Monet. L'anno seguente, con l'inizio del nuovo secolo, espose per la prima volta alla Société nationale des Beaux-Arts.

Dopo diverse altre mostre importanti di successo (Expo di Saint Louis, Expo di Monaco, e altre), nel 1909 si presentò con 17 opere alla Biennale di Venezia e nel 1910 i suoi quadri furono presenti alla Madison Art Gallery di New York, assieme a quelli del "Gruppo di Giverny".

Nel 1912 realizzò la sua prima "personale" alla Macbeth Gallery e, in Francia, ricevette la Legion d'Onore. Sempre lo stesso anno Frieseke si trasferì da Parigi a Mesnil-sur-Blangy, in Normandia, dove aveva acquistato una fattoria. Trascorse lì molti anni e, quando cominciò a desiderare di tornare in America, si ammalò.
Frederick Frieseke morì nella sua fattoria di Mesnil-sur-Blangy il 28 agosto del 1939, all'età di 65 anni.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Musei e collezioni[modifica | modifica wikitesto]

Le opere di Frieseke sono presenti nei maggiori Musei e Collezioni, fra cui le principali sono:

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

La toeletta[modifica | modifica wikitesto]

In giardino[modifica | modifica wikitesto]

Nudi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Benoît Blanc, Des Américains à Montreuil, "Édition des Amis des musées et du patrimoine de Montreuil-sur-Mer", p.55 e 56. ISBN 2-9519975-4-X

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • David B. Dearinger, Painting and Sculpture in the Collection of National Academy of Design, - Hudson Hills Press, New York. 2004 - ISBN 1-55595-029-9
  • Donelson F. Hoopes, The American Impressionists, New York, Ediz.Watson-Guptill Publications, 1972, ISBN 0-8230-0212-8.
  • Nicholas Kilmer, Virginia M. Mecklenburg, David Sellin e H. Barbara Weinberg, Frederick Carl Frieseke: The Evolution of an American Impressionist, Savannah, Georgia, Telfair Museum of Art, 2001, ISBN 0-691-08922-1.
  • Eugen Neuhaus, The History and Ideals of American Art, Palo Alto, California, 1931.
  • Frederick C. Frieseke, Uneventful Reminiscences: A Childhood in Florida, New York,, 2000.
  • William H. Gerdts, American Impressionism, Ediz. Abbeville Press, New York, 2001 - ISBN 0-7892-0737-0
  • William H. Gerdts, Claude Monet, Monet's Giverny: An Impressionist Colony, Ediz. Abbeville Press, New York 1993 - ISBN 1-55859-386-1
  • E. A Taylor, The Paintings of F. C. Frieseke. URL consultato il 14 Novembre, 2011.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN39651129 · ISNI (EN0000 0000 6662 0203 · LCCN (ENnr91016925 · GND (DE123235723 · BNF (FRcb149742514 (data) · ULAN (EN500012957 · WorldCat Identities (ENnr91-016925