Fraternità sacerdotale dei missionari di San Carlo Borromeo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La Fraternità sacerdotale dei missionari di San Carlo Borromeo (in latino Sacerdotalis fraternitas missionariorum a Sancto Carolo Borromeo) è una società clericale maschile di vita apostolica fondata nel 1985 da monsignor Massimo Camisasca, indicata per brevità come "Fraternità San Carlo". Nata dal carisma del movimento di Comunione e Liberazione, è caratterizzata dal duplice scopo della vita comune e della missione. La sede centrale della fraternità è a Roma. I membri dell'istituto pospongono al loro nome la sigla F.S.C.B.

Il fine della Fraternità è di formare sacerdoti missionari per le diocesi di tutto il mondo, su richiesta dei vescovi che ne hanno bisogno. I sacerdoti vengono inviati in gruppi di due, tre o più; condividono la stessa casa e generalmente sono destinati a rimanere a lungo nella diocesi dove sono stati richiesti. Al 31 gennaio 2012 la compagnia contava 160 membri (120 dei quali sacerdoti)[1] e 29 case[2] in Italia e nel mondo (tra cui a Novosibirsk in Siberia, a Taipei in Taiwan e a Washington negli Stati Uniti).[3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La comunità è nata dal carisma di don Luigi Giussani: è sorta nel 1984 quando al trentennale di Comunione e Liberazione papa Giovanni Paolo II ebbe a pronunciare: «Andate in tutto il mondo a portare la verità, la bellezza e la pace, che si incontrano in Cristo Redentore». Le parole del pontefice furono la scintilla che originò il nucleo originario della Fraternità San Carlo.

Fondata il 14 settembre 1985 da don Massimo Camisasca, nel 1989 la Fraternità sacerdotale dei missionari di San Carlo Borromeo è stata eretta in società di vita apostolica di diritto diocesano e, il 19 marzo 1999, in società di vita apostolica di diritto pontificio.

Nel giugno 2004 i sacerdoti in partenza per la missione hanno ricevuto l'ordinazione dall'allora cardinale Ratzinger.

La Fraternità è caratterizzata dal duplice scopo della vita comune e della missione. I sacerdoti che ne fanno parte, infatti, vivono in case con altri 2 o 3 missionari. Queste missioni sono presenti in quattro continenti, nei più poveri, ma anche in Occidente (Stati Uniti, Canada, Italia, Austria, Germania, Portogallo, Spagna, Repubblica Ceca, Ungheria) a sottolineare l'importanza data dal suo fondatore, Massimo Camisasca, per la rievangelizzazione dell'Europa e dell'Occidente più in generale.

La casa di formazione (con una trentina di seminaristi) è a Roma in via Boccea, 761. Una sede distaccata è presente anche a Santiago del Cile.[4]

Il 21 settembre 2007 papa Benedetto XVI ha nominato don Paolo Pezzi, membro della Fraternità sacerdotale dei missionari di San Carlo Borromeo, arcivescovo della Madre di Dio a Mosca. Il 29 settembre 2012 lo stesso pontefice ha nominato monsignor Massimo Camisasca, superiore generale della Fraternità, vescovo di Reggio Emilia-Guastalla.

Dal febbraio 2013 il superiore generale della Fraternità San Carlo è don Paolo Sottopietra, sacerdote dal 1995 e a lungo vicario generale della Fraternità.

Ramo femminile[modifica | modifica wikitesto]

Il 25 marzo 2007 il vescovo di Porto-Santa Rufina Gino Reali ha riconosciuto come associazione privata di fedeli le "Missionarie di San Carlo Borromeo" e approvato il loro statuto,[5] affidando alla Vergine la loro protezione. La prima missionaria, Rachele Paiusco, originaria di Legnano, laureata in lettere moderne e diplomata in pianoforte al conservatorio di Bergamo, ha emesso i voti temporanei di verginità, povertà e obbedienza il 31 marzo 2008 e quelli definitivi il 25 marzo 2011.[6] Suor Rachele è poi diventata ufficialmente Superiora generale delle Missionarie dal 31 marzo 2013.[7]

Le missionarie di San Carlo Borromeo (M.S.C.B.) hanno quattro case, due delle quali a Roma (una in piazza Madonna di Pompei 4 e una in via Aurelia Antica), una a Nairobi (Kenya) e una a Denver (Stati Uniti).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fraternità San Carlo, eletto il nuovo superiore, su lastampa.it. URL consultato il 6 febbraio 2018.
  2. ^ Case di missione, su sancarlo.org. URL consultato il 2 febbraio 2018.
  3. ^ dati statistici riportati dall'Annuario pontificio per l'anno 2007, Città del Vaticano, 2007, p. 1518.
  4. ^ Case di formazione, su sancarlo.org. URL consultato il 6 febbraio 2018.
  5. ^ Prot. decreti 11/371/07.
  6. ^ Ha pronunciato i voti la legnanese Rachele Paiusco, su legnanonews.com. URL consultato il 14 febbraio 2018.
  7. ^ Suor Rachele Paiusco presenta le missionarie di San Carlo, su legnanonews.com. URL consultato il 14 febbraio 2018.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Marina Corradi, Innanzitutto uomini, Edizioni San Paolo, 2007. Il libro racconta la storia delle vocazioni di quindici giovani preti della Fraternità San Carlo.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cattolicesimo