Franz Böhme

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Franz Friedrich Böhme
Bundesarchiv Bild 183-J21813, Franz Böhme.jpg
15 aprile 1885 – 29 maggio 1947 (62 anni)
Nato aZeltweg
Morto aNorimberga
Cause della mortesuicidio
Dati militari
Paese servitoFlag of Austria-Hungary (1869-1918).svg Impero austro-ungarico
Austria Prima Repubblica Austriaca
Flag of Germany (1935–1945).svg Germania nazista
Forza armataAustria-Hungary War Ensign1918.png Imperiale e regio esercito
Roundel of Austria.svg Österreichs Bundesheer
War Ensign of Germany (1938–1945).svg Wehrmacht
ArmaBalkenkreuz.svg Heer
Anni di servizio1900-1938
1938-1945
GradoGeneralmajor
(Österreichs Bundesheer)
Generaloberst
(Heer)
GuerrePrima guerra mondiale
Seconda guerra mondiale
Comandante di32. Infanterie Division
XVIII. Armeekorps
AOK Lappland
DecorazioniDEU Ehrenkreuz des Weltkrieges Kriegsteilnehmer BAR.svg DEU EK Ritter BAR.svg Vapaudenristi 1.lk. tammenlehvien kera.png
AUT Karl-Truppenkreuz BAR.svg
"fonti nel corpo del testo"
voci di militari presenti su Wikipedia

Franz Friedrich Böhme (Zeltweg, 15 aprile 1885Norimberga, 29 maggio 1947) è stato un generale austriaco che prestò servizio nella Wehrmacht.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver servito nell'esercito dell'Impero austro-ungarico durante la prima guerra mondiale diventò un generale della Wehrmacht, plenipotenziario di Hitler nei Balcani e comandante in capo delle forze armate tedesche in Norvegia.

Dopo la fine della guerra venne processato per aver ordinato il massacro di migliaia di civili in Serbia.

La prima guerra mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver combattuto in Galizia orientale, partecipa alle operazioni in Russia e poi in Italia settentrionale e Francia.

Tra le due guerre[modifica | modifica wikitesto]

Durante il periodo tra le due guerre, Böhme prestò servizio nell'esercito austriaco. Nel febbraio 1938, a seguito dell'accordo di Berchtesgaden, sostituì Alfred Jansa (favorevole ad una risposta militare ad ogni tentativo di Anschluss) come Capo di Stato maggiore.

La seconda guerra mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Nominato comandante della 32ª Divisione di Fanteria, nel settembre 1939 prende parte all'invasione della Polonia.

Nel settembre 1941 viene nominato comandante in capo delle forze armate tedesche in Serbia. Ferito in un incidente aereo nel luglio 144 viene trasferito al Comanda della Riserva.

Dall'8 gennaio al 7 maggio 1945 sostituisce il generale Lothar Rendulic come comandante in capo delle forze armate tedesche in Norvegia.

Il processo[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la fine della seconda guerra mondiale venne arrestato e processato per crimini di guerra commessi in Serbia nel 1941. Quando la sua estradizione verso la Jugoslavia era ormai imminente Böhme si suicidò gettandosi dal quarto piano del carcere dove era recluso. È sepolto a Graz nel cimitero di St. Leonhard-Friedhof.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Rimasto orfano in giovane età (il padre Ernst Friedrich morì nel 1902 e la madre Maria Ludmilla Stremayr nel 1903), Böhme sposò nel 1929 Romana Maria Hüller von Hüllenried, figlia del generale Karl Rudolf Hüller von Hüllenried.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Croce d'onore - nastrino per uniforme ordinaria Croce d'onore
Croce di Ferro di 1ª classe - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Ferro di 1ª classe
Ordine della Croce della Libertà con fronde di quercia - nastrino per uniforme ordinaria Ordine della Croce della Libertà con fronde di quercia
Croce di Carlo - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Carlo

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Fellgiebel, Walther-Peer (2000). Die Träger des Ritterkreuzes des Eisernen Kreuzes 1939–1945 Friedburg, Germany: Podzun-Pallas. ISBN 3-7909-0284-5.
  • Patzwall, Klaus D. and Scherzer, Veit (2001). Das Deutsche Kreuz 1941–1945 Geschichte und Inhaber Band II. 'in 'Norderstedt, Germany: Verlag Klaus D. Patzwall (in German). ISBN 3-931533-45-X.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN53148995746459750583 · LCCN (ENn93092636 · GND (DE124301983 · WorldCat Identities (ENn93-092636