Frantoio (olivo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Frantoio
Regionetutte (o quasi); estero
Caratteri botanici e agronomici
Attitudineolio
Portamentosemipendulo
Fogliaellittico-lanceolata, verde scuro
Autofertilitàsi
Caratteristiche dei frutti
Peso medio1,5-2,5 grammi
Formaovoidale allungata
Simmetrialievemente asimmetrico
Colore a maturazionenero-violaceo
Epicarpopruinoso, con piccole e fitte lenticelle
Endocarpomedio, ellittico, lievemente asimmetrico, un po' rugoso e corrugato
Resistenza
Alla moscamedio bassa
All'occhio di pavonebassa
Alla rognabassa
Al freddomedio bassa

Proveniente dalla Toscana, Frantoio è una delle coltivazioni di olivo più uniformemente diffuse sul territorio nazionale, ma essendo ormai molto apprezzato e noto a volte viene coltivato anche all'estero.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Generalità[modifica | modifica wikitesto]

Albero di media taglia e vigoria con chioma allargata e mediamente fitta. I rami principali sono nodosi, mentre quelli fruttiferi sottili e lunghi con cima risalente. Si adatta abbastanza bene a vari terreni. Buoni impollinatori sono Americano, Mignolo, Morchiaio, Moraiolo, Rosciola, Leccino, Maurino e Pendolino.

Fiori e frutti[modifica | modifica wikitesto]

L'infiorescenza è abbastanza lunga, con fiori abbastanza numerosi di medie dimensioni. Aborto dell'ovario: < del 10%.

La fruttificazione è alta e costante; l'invaiatura è tardiva e graduale, mentre la maturazione scalare e tardiva. La resistenza al distacco è media. Il periodo ideale di raccolta è intorno a metà novembre. I frutti non sono adatti per l'uso da mensa.

Produzione e olio[modifica | modifica wikitesto]

Entra in produzione precocemente e la produttività si presenta elevata e costante. Buona la resa in olio (20-22%). Questo, verde scuro con riflessi dorati, è di ottima qualità: fine, aromatico, sapido e fruttato, con sfumature di piccante e amaro. Alcuni vi ravvisano vari sentori tra cui: erba fresca, mela acerba, carciofo, maggiorana, rosmarino, lattuga, sedano e mandorla.

Note[modifica | modifica wikitesto]