Frank Peter Zimmermann

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Frank Peter Zimmermann (Duisburg, 27 febbraio 1965) è un violinista tedesco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Frank Peter Zimmermann ha iniziato a suonare il violino all'età di cinque anni con sua madre, insegnante di violino, e ha dato il suo primo concerto con l’orchestra all’età di 10 anni.

Nel 1976 ha vinto il concorso “Jugend musiziert” e nello stesso anno è diventato allievo di Valery Gradov alla Folkwangschule di Essen. Ha debuttato ufficialmente nel 1981 con i Berliner Philharmoniker nel concerto K 216 di Mozart.

Ha proseguito gli studi sino al 1985 con Saschko Gawriloff e Herman Krebbers. Nel 1990 ha vinto il premio internazionale dell’“Accademia musicale chigiana” di Siena. Dal 1998 suona abitualmente col pianista Enrico Pace. Collabora con altri strumentisti tra i quali Heinrich Schiff, Piotr Anderszewski e Christian Zacharias.

Nel 2003 Zimmermann con i Berliner Philharmoniker diretti da Péter Eötvös ha preso parte alla prima esecuzione di En sourdine, Musik für Violine und Orchester (2002) di Matthias Pintscher. Nel 2007 ha fondato un trio d’archi, che porta il nome “Trio Zimmermann”: ne fanno parte Antoine Tamestit alla viola, e Christian Poltéra al violoncello. Ha registrato per EMI Classics i maggiori concerti per violino, oltre a molti importanti lavori per violino solo e per violino e pianoforte. Dopo che il catalogo della Emi Classics è stato ceduto alla Warner Music Group, ha continuato a incidere per la BIS, Decca, Sony e ECM.

Vive a Colonia con la moglie e i due figli.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Albrecht Roeseler, Große Geiger unseres Jahrhunderts, R. Piper, München 1987, 21996, pp. 329-335
  • Jean-Michel Molkhou, Frank Peter Zimmermann «L’Européen»,in Les grands violonistes du XXe siècle, Tome II - 1948-1985, Paris, Buchet Chastel, 2014, pp. 129-144

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN114218583 · ISNI (EN0000 0001 1512 0783 · Europeana agent/base/153794 · LCCN (ENn85361013 · GND (DE120854228 · BNF (FRcb139014234 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n85361013