Franco Zaglio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Franco Zaglio
Franco Zaglio.jpg
Zaglio in nazionale
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex mediano)
Ritirato 1966
Carriera
Giovanili
19??-19?? Cremonese
Squadre di club1
1953-1956 Cremonese 45 (4)
1956-1957 Lazio 0 (0)
1957-1958 SPAL 32 (1)
1958-1960 Roma 57 (9)
1960-1964 Inter 54 (4)
1964-1965 Mantova 8 (0)
1965-1966 Genoa 5 (1)
Nazionale
1959 Italia Italia 2 (0)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Franco Zaglio (Cremona, 23 dicembre 1936) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo mediano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Gli esordi[modifica | modifica wikitesto]

Inizia la sua carriera di calciatore nelle giovanili della Cremonese.

Agli sportivi dell'epoca era noto con il soprannome di Balino e il suo ruolo era quello di mediano di manovra.

Esordisce all'età di 17 anni in Serie C con un secco 2-0 inflitto alla Sambenedettese. Dopo due anni trascorsi tra i grigio-rossi passa nel 1956 alla Lazio, senza però esordire in Serie A. Esordio rimandato al 1957 che avviene con un'altra maglia biancoazzurra, quella ferrarese della SPAL perché nel frattempo il presidente ferrarese Paolo Mazza aveva fiutato le doti di Zaglio e lo vuole lanciare.

Mazza vince la sfida e infatti, dopo aver disputato un'ottima stagione a Ferrara, Zaglio torna nella Capitale a suon di quattrini ma sul versante giallorosso. Passa cioè alla Roma, squadra nella quale rimarrà sino al 1960 per poi finire all'Inter di Helenio Herrera dove resterà sino al 1964.

Inter e ultimi anni[modifica | modifica wikitesto]

Zaglio (accosciato, al centro) all'Inter nella stagione 1960-1961

Nella grande Inter si scontra ripetutamente con il Mago che aveva inventato la famosa bilancia e imponeva ai calciatori di salirvi ripetutamente sopra. Zaglio aveva sistematicamente, secondo Herrera, 2 chili di troppo e spesso lo costringeva a restare fuori squadra con grande rammarico del cremonese che si sentiva sottoutilizzato.

Nonostante i problemi di peso, Zaglio gioca comunque 21 partite su 34 nel campionato 1962-1963, ovvero del primo scudetto della Grande Inter. Complessivamente Zaglio giocherà nell'Inter 54 gare in Serie A con 4 goal all'attivo.

Nel frattempo per Zaglio iniziano anche problemi fisici; la frattura del menisco per ben due volte e la trascuratezza nel risolvere il secondo infortunio, gli creano seri problemi ai legamenti e quindi gli impongono un precoce declino.

Nel 1964 passa al Mantova sempre in serie A per poi concludere la sua carriera l'anno successivo al Genoa in Serie B.

In tutto giocherà 152 gare in Serie A mettendo a segno 14 reti e 5 con una rete in Serie B. Inoltre ha giocato 44 partite in Serie C segnando 4 goal.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Esordisce in maglia azzurra il 28 febbraio 1959 a Roma contro la Spagna. Gioca la sua seconda e ultima partita in azzurro il 6 maggio 1959 a Londra contro l'Inghilterra.

Dopo il ritiro[modifica | modifica wikitesto]

Tenta, senza troppa fortuna, la carriera di allenatore ed è pertanto obbligato a farsi assumere come operaio alla Rizzoli Editore di Milano.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
28-2-1959 Roma Italia Italia 1 – 1 Spagna Spagna Amichevole -
6-5-1959 Londra Inghilterra Inghilterra 2 – 2 Italia Italia Amichevole -
Totale Presenze 2 Reti -

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Inter: 1962-1963
Cremonese: 1953-1954

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Inter: 1963-1964

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Davide Rota, Dizionario illustrato dei giocatori genoani, De Ferrari, 2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]