Franco Serpa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Franco Serpa (Roma, 1931) è un latinista, musicologo e germanista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo essersi laureato a Roma in Filologia Classica e Storia della musica, ha collaborato con Fedele d’Amico alla redazione della Sezione Musica dell’Enciclopedia dello Spettacolo. È stato docente di Latino e Greco nei Licei (Todi e Roma), e responsabile presso l’Istituto Italiano di Cultura di New York per l’assegnazione delle borse di studio italiane a studenti americani. Dal 1975 ha insegnato per trent’anni Letteratura Latina all’Università di Trieste, e nella stessa Università ha ottenuto quattro incarichi per Storia della musica[1].

Ha pubblicato numerosi saggi e studi sia nell’ambito della letteratura antica che in quello musicale, con particolare riferimento alla cultura musicale tedesca e mitteleuropea (Wagner, Strauss, Henze, ecc). Tra i lavori di letteratura classica si puo’ citare: “ Itaca, antologia omerica, ed. Sansoni”,” La polemica sull’arte tragica, ed. Sansoni”, “Il punto su Virgilio, ed. Laterza” e numerosi saggi.

Nell’ambito musicale, ha pubblicato suoi lavori sulla musica e sulle poetiche musicali nel romanticismo (nel 1981 un libro sugli Scritti sulla musica e le arti di A. Schopenhauer) e nel decadentismo in Germania e Austria e sulla presenza delle figure mitiche greche nell’arte drammatico-musicale del Novecento (in particolare nelle opere di Hans Werner Henze). Alcuni saggi sono raccolti in Miti e note. Musica con antichi racconti, ed. EUT, Trieste 2009.

Ha inoltre redatto numerose traduzioni di drammi musicali tedeschi, come la Tetralogia di Wagner L’anello del Nibelungo, per le edizioni del Teatro alla Scala, Il Cavaliere della Rosa di Richard Strauss (1992) e l’Elena egizia , con analisi filologica del testo originale e con commento, per le edizioni Adelphi. Nella sua lunga carriera di musicologo ed esperto della cultura classica, ha conosciuto e frequentato alcuni tra i principali artisti del passato, come Maria Callas[2], i compositori Igor Stravinsky[3]e Hans Werner Henze[4], la pittrice e scenografa Titina Maselli[5], le scrittrici Elsa Morante e Ingeborg Bachmann[6]. Di tali conoscenze ha dato testimonianza nelle interviste rilasciate nell’ambito del programma di RadioRAI “Il terzo anello” – 2008[7].

Franco Serpa è accademico dell'Accademia Filarmonica Romana dal 1995 e dell’Accademia di Santa Cecilia dal 2006.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Itaca : Antologia dell'Odissea per i licei classici, a cura di F. Serpa , Sansoni, Firenze, 1971
  • La polemica sull'arte tragica / Nietzsche ... [et. al.] ; a cura di F. Serpa, Sansoni, Firenze, 1972
  • Lingua latina : forme, funzioni, mezzi della lingua latina, F.Serpa, Sansoni, Firenze, 1980
  • L' idea di natura nelle Georgiche : uno studio virgiliano, F.Serpa, Trieste : LINT, 1983
  • Il punto su Virgilio / a cura di F. Serpa, Laterza, Roma, 1987
  • L' anello del Nibelungo / di F. Serpa , Giunti, Firenze, 1989
  • Un ragazzino all'Augusteo. Scritti musicali di F. D’Amico / a cura di F. Serpa , Einaudi , 1997.
  • Miti e note : musica con antichi racconti / Franco Serpa – Trieste, EUT, 2009
  • Elektra : tragedia in un atto / musica di Richard Strauss ; libretto di Hugo von Hofmannsthal ; traduzione italiana di Franco Serpa, Milano Teatro alla Scala, 2014

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sigillo Trecentesco al Prof. Franco Serpa Latinista e Musicologo, su TriestePrima. URL consultato il 3 gennaio 2020.
  2. ^ https://www.cinquantamila.it/storySearch.phpcallas
  3. ^ Franco Serpa | Autori, su pordenonelegge.it. URL consultato il 3 gennaio 2020.
  4. ^ Hans-Werner-Henze-Stiftung - Biografico, su www.hans-werner-henze-stiftung.de. URL consultato il 3 gennaio 2020.
  5. ^ Franco Serpa | Autori, su pordenonelegge.it. URL consultato il 3 gennaio 2020.
  6. ^ Bachmann - Henze, su www.libreriadelledonne.it. URL consultato il 3 gennaio 2020.
  7. ^ Rai.tv - Radio3 - Il Terzo Anello - Mostri sacri, su Rai Tv. URL consultato il 3 gennaio 2020.


Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]