Franco Pappalardo La Rosa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Franco Pappalardo La Rosa

Franco Pappalardo La Rosa (Giarre, 15 settembre 1941) è un critico letterario, scrittore e giornalista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si è laureato a Torino, dove vive dal 1963.

Ha collaborato alle pagine culturali dei quotidiani Giornale del Sud, L'Umanità e Gazzetta del Popolo, nonché al Dizionario della Letteratura Italiana (Milano, Tea, 1989), al Grande Dizionario Enciclopedico–Appendice 1991 (Torino, Utet, 1991) e al Dizionario dei capolavori (Milano, Garzanti, 1994). Attualmente collabora a numerose riviste letterarie, fra le quali Hebenon, Chelsea (New York) e L'Indice.

Ha curato e introdotto la pubblicazione di alcune opere di autori italiani, da Stefano Jacomuzzi a Giorgio Barberi Squarotti, da Emanuele Occelli a Francesco Granatiero, da Giuseppe Giovanni Battaglia ad Angelo Jacomuzzi. Ha partecipato a convegni nazionali e internazionali di studi su figure e aspetti della poesia e della narrativa contemporanea. In merito alla sua attività creativa, Giovanni Tesio ha scritto (in Posfazione a "Rondò. Tre racconti", Milano, Mimesis, 2012, p. 155): "Poeta, saggista, narratore intelligente e discreto, Pappalardo è uomo di letture e di ascolti, e la sua scommessa direi sia proprio la più antica, la più propria della poesia: vale a dire di trascrivere un ascolto, di concertare (e arrangiare) un intreccio di voci che fluttuano volatili e chiedono di incanalarsi nei solo apparentemente meno volatili segni della scrittura".

Dirige per le Edizioni dell'Orso "I Colibrì", collana di testi fra giornalismo e letteratura, ed è socio fondatore e componente il Consiglio Direttivo dell'Associazione Internazionale “Amici di Cesare Pavese”.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Volumi di critica letteraria[modifica | modifica wikitesto]

Libri di poesia[modifica | modifica wikitesto]

  • Il cuore, la metropoli, Rebellato, Padova, 1969;
  • Ultime dalla Còlchide, L.G.C., Torino, 1978;
  • L'orma di Sisifo - Poesie (1962-2012). Prefazione di Giovanni Tesio, Achille e La Tartaruga, Torino, 2017 - ISBN 978-88-96558-47-8

Opere di narrativa[modifica | modifica wikitesto]

  • Lo scorsone (racconto) su "Stampa Sera", Torino, A. 110, n. 139, 19 giugno 1978
  • La tuta nuova (racconto), su "Lunarionuovo", A. III, n. 13, luglio-agosto 1981 (pp. 60–69)
  • Il vero Antonello e altri racconti (Acireale, Lunarionuovo, 1985)
  • Angelo (il melomane), racconto, in AA. VV., "Atti" della XXIX Edizione del Premio "Teramo", Teramo, Deltagrafica, 1994
  • Passaggio notturno (racconto), su "Astolfo", A. Iv, n. 1, 1997
  • Angelo (Torino, Ananke, 1999) ISBN 8886626436
  • L'affaire Wolfgang (Bernin-Grenoble, Éditions à la Croisée, 2006, traduzione in francese di Daniel Mandagot) ISBN 2912934168
  • Il caso Mozart, postfazione di Giorgio Bàrberi Squarotti (Roma, Gremese, 2009) ISBN 9788884405678
  • Rondò. Tre Racconti, nota critica di Giovanni Tesio (Milano, Mimesis, 2012) ISBN 9788857510279
  • Farandoletta. Un sogno in Sicilia (romanzo), Torino, Achille e La Tartaruga, 2018.ISBN 9788896558546

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN261536411 · ISNI (EN0000 0003 8161 1454 · SBN IT\ICCU\CFIV\062788 · LCCN (ENn89665651 · GND (DE140198059 · BNF (FRcb128691355 (data)