Franco Capuana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Franco Capuana

Franco Capuana (Fano, 29 settembre 1894Napoli, 10 dicembre 1969) è stato un direttore d'orchestra italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1915 La piccola irredenta di sua composizione con il libretto di Renato d'Andrea ha la prima assoluta al Teatro Eldorado di Napoli.

Al Teatro Costanzi di Roma nel 1917 dirige Pagliacci e Cavalleria rusticana.

Al Teatro Gaetano Donizetti di Bergamo nel 1919 dirige I dispettosi amanti di Attilio Parelli e nel 1925 La bohème con Rosetta Pampanini e La traviata.

Al Teatro Regio di Torino nel 1928 dirige Falstaff con Mariano Stabile, Alessio De Paolis, Francesco Dominici ed Ernesto Badini, nel 1929 Debora e Jaele, Fra Diavolo con Aureliano Pertile, Lucia di Lammermoor con Toti Dal Monte, Carmen con Carlo Tagliabue, L'amore medico con Margherita Carosio e La forza del destino con Benvenuto Franci e nel 1930 Elettra con Maria Caniglia, L'olandese volante, Andrea Chénier, El amor brujo, Gianni Schicchi con la sorella Maria Capuana ed Il Conte Ory con Gianna Pederzini.

Al Teatro di San Carlo di Napoli nel 1930 diresse la prima assoluta di L'ultimo Lord di Franco Alfano con Mafalda Favero e Riccardo Stracciari ed Adriana Lecouvreur e nel 1932 La serva padrona.

Al Gran Teatro La Fenice di Venezia nel 1935 dirige Norma con Rosa Raisa, Tosca con Giacomo Rimini, Baldo di Giovanni Ascanio Cicogna, Andrea Chénier con Galliano Masini, La Gioconda con Gina Cigna e La Wally.

Al Teatro Regio di Parma nel 1936 dirige Simon Boccanegra con Carlo Galeffi, Lucia di Lammermoor, Tristano e Isotta con Giovanni Voyer e Tosca con Iva Pacetti e Giovanni Malipiero e nel 1937 La samaritana di don Arnaldo Furlotti.

Nel 1937 dirige Giuditta di Arthur Honegger e La campana sommersa a Napoli.

Al Teatro alla Scala di Milano nel 1937 dirige Goyescas di Enrique Granados con Maria Carbone, Cloe Elmo ed Afro Poli e nel 1938 le prime assolute di Margherita da Cortona di Licinio Refice con Tancredi Pasero e Proserpina di Renzo Bianchi con Giuseppe Nessi, Martha con Beniamino Gigli e Salvatore Baccaloni ed I pescatori di perle con Giuseppe Lugo.

A Bergamo nel 1938 dirige la prima assoluta di Medusa (opera) e Madama Butterfly con Licia Albanese.

All'Arena di Verona nel 1938 dirige La bohème e nel 1939 Rigoletto.

Nel 1939 dirige Aroldo alla radio per l'EIAR con Maria Pedrini.

Nel 1940 ha diretto la prima de La Pulce d'oro, opera di Giorgio Federico Ghedini con Iris Adami Corradetti al Teatro Carlo Felice di Genova ed al Teatro Comunale di Bologna La fanciulla del West.

Nel 1941 a Parma dirige Luisa Miller con Carla Castellani ed Enzo Mascherini, Rigoletto con Mario Filippeschi, Il trovatore e Falstaff con Sara Scuderi, Elvira Casazza e Saturno Meletti.

Ancora a Venezia nel 1941 dirige Jenufa di Leoš Janáček e Il trovatore con Gabriella Gatti ed Ebe Stignani e nel 1942 La traviata e Lucrezia con Fedora Barbieri e Salomè.

Nuovamente a Bergamo nel 1941 dirige la prima assoluta di Jamanto di Barbara Giuranna con Giacinto Prandelli ed Il barbiere di Siviglia con Gino Bechi.

Al Teatro Verdi (Trieste) nel 1942 dirige Ariadne auf Naxos ed a Bologna La forza del destino ed Adriana Lecouvreur.

Nel 1943 a Trieste dirige L'Orfeo.

Al Teatro dell'Opera di Roma nel 1943 dirige Werther con Tito Schipa e nel 1944 La bohème con Pia Tassinari, Ferruccio Tagliavini, Titta Ruffo ed Italo Tajo, Aida con Giulio Neri, Il trovatore, La forza del destino e Manon Lescaut con Miriam Pirazzini.

Nel 1945 dirige Rigoletto, La traviata con Adriana Guerrini, Cavalleria rusticana, Pagliacci e Madama Butterfly a Bologna.

Nel 1946 dirige la prima assoluta di Miseria e nobiltà di Jacopo Napoli con Paolo Silveri a Napoli.

Nel 1946 debuttò alla Royal Opera House e diventò il primo direttore ospite della compagnia londinese Royal Opera.

Nel 1947 a Venezia dirige Tosca con Renata Tebaldi ed Arrigo Pola e La vedova scaltra ed alla Scala Manon con Cesare Siepi e il Trittico con Clara Petrella e Gino Sinimberghi.

Nel 1948 alla Scala dirige La bohème con Francesco Albanese, Turandot con Gino Penno, Iris, Louise, Dafni e Cloe, La valse di Maurice Ravel e L'amore dei tre re con Nicola Rossi-Lemeni, a Bergamo La Favorita con Giulietta Simionato e Gianni Poggi e Betly con Piero Guelfi, a Bologna Un ballo in maschera ed al Teatro comunale di Firenze Carmen con Rolando Panerai ed Aida con Ugo Novelli.

Dal 1949 al 1952 è stato Direttore musicale della Scala dove nel 1949 dirige La favorita, Lucia di Lammermoor con Gino Del Signore, la prima assoluta di Regina Uliva di Giulio Cesare Sonzogno con Jolanda Gardino, Giuseppe Taddei ed Enrico Campi ed I puritani ed a Bologna Norma con Mirto Picchi.

Alla Scala nel 1950 dirige Lodoïska con Fernando Corena, Moïse et Pharaon con la Simionato, Francesca da Rimini (Zandonai), Don Pasquale con Alda Noni ed Aida con Aldo Protti, Mario Del Monaco, Siepi, la Barbieri e la Tebaldi e nel 1951 Oberto, Conte di San Bonifacio, La buona figliuola con Lina Aimaro, Rosanna Carteri e Sesto Bruscantini, Lucrezia Borgia (opera) con Caterina Mancini e Mario Carlin, Werther con Paolo Montarsolo, la Simionato ed Ilva Ligabue, Un ballo in maschera con Jussi Björling e L'hôtellerie portugaise.

Nel 1951 a Parma dirige Ernani con Giangiacomo Guelfi e Giorgio Tozzi e Don Carlo con Elena Nicolai ed a Londra La bohème.

Al Royal Opera House, Covent Garden di Londra nel 1951 dirige Rigoletto, La bohème, Tosca ed Il trovatore e nel 1952 Madama Butterfly.

Nel 1952 a Roma dirige Il franco cacciatore con la Simionato e Boris Christov, Otello con Ramón Vinay ed il Mosè di Lorenzo Perosi e nel Cortile di Palazzo Ducale (Venezia) il Mosè di Perosi.

Nel 1953 al Wiener Staatsoper dirige Aida ed Un ballo in maschera con Walter Berry ed a Roma Falstaff con Antonietta Stella ed Agostino Lazzari.

Nel 1954 a Venezia dirige Don Carlo con Christoff ed a Roma Lohengrin con Anselmo Colzani.

Nel 1955 a Genova dirige Il cavaliere della rosa con Mary Curtis Verna, a Roma La damnation de Faust con Mario Petri e Plinio Clabassi, al Teatro Nuovo di Torino I vespri siciliani con Ugo Savarese e Il crepuscolo degli dei con Christoff, alle Terme di Caracalla di Roma Poliuto con Giacomo Lauri-Volpi, a Venezia il Concerto per violino e orchestra n. 3 (Mozart) e il Concerto per violino e orchestra op. 64 (Mendelssohn) con Isaac Stern, la Sinfonia n. 8 (Beethoven) e a Losanna La bohème e Tosca con Gigliola Frazzoni nella trasferta della Fenice.

A Roma nel 1956 dirige Macbeth (opera) con Tito Gobbi e La dama di picche con Sena Jurinac e nel 1957 Orfeo ed Euridice. Nel 1957 dirige a Bologna Nabucco con Gastone Limarilli, Dino Dondi, Ivo Vinco ed Antonio Zerbini ed a Napoli Nerone con Adriana Lazzarini.

Nel 1958 a Roma dirige Boris Godunov con Sergio Tedesco e Christoff ed I dialoghi delle Carmelitane con Gabriella Tucci, Elisabetta Barbato e Magda Olivero, nel Teatro Nuovo di Torino I due Foscari con Leyla Gencer, nel Teatro dei Rinnovati di Siena Il furioso all'isola di San Domingo con Nicola Filacuridi, a Losanna Un ballo in maschera con Carlo Bergonzi e Rigoletto con Renata Scotto e a Bologna Il trovatore con Franco Corelli e La fanciulla del West.

Nel 1959 a Roma dirige Moïse et Pharaon, a Venezia La resurrezione di Cristo di Perosi nella Scuola Grande di San Rocco e La battaglia di Legnano con Pier Miranda Ferraro, a Bergamo Chovanščina e a Bologna Lohengrin.

Nel 1960 a Roma dirige La Wally con Alfredo Mariotti, The Medium, Salomè e La leggenda dell'invisibile città di Kitež e della fanciulla Fevronija ed al Teatro della Pergola di Firenze Elisa e L'Italiana in Algeri con Nicola Monti.

Nel 1961 a Bologna dirige Francesca da Rimini (Zandonai) con Marcella Pobbe, al Teatro Nuovo di Torino Un ballo in maschera con Ettore Bastianini ed a Firenze Il mercante di Venezia di Mario Castelnuovo-Tedesco con Renato Capecchi e Lino Puglisi.

Nel 1962 viene nominato Grande ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana. Al Teatro Nuovo di Torino nel 1962 dirige Faust (opera) con Flaviano Labò ed Adriana Lecouvreur con la Tebaldi, Fiorenza Cossotto e Giuseppe Valdengo e nel 1963 I puritani con Virginia Zeani, Alfredo Kraus e Piero Cappuccilli e La dama di picche con Giuseppe Campora.

Nel 1963 a Roma dirige Samson et Dalila con Del Monaco e la Simionato e La Cenerentola, a Parma Macbeth con Bruno Prevedi e nel 1964 alla Piccola Scala Miseria e nobiltà con Mariella Adani, Ugo Benelli e Giorgio Tadeo, in Arena di Verona Mefistofele con Nicolaj Ghiaurov, Bergonzi e la Tucci ed Arianna a Nasso al Teatro Politeama Margherita di Genova ed a Trieste.

Nel 1966 in Arena di Verona dirige Aida con la Cossotto, Bergonzi e Bonaldo Giaiotti ed al Teatro Nuovo di Torino Macbeth con Daniele Barioni ed Agostino Ferrin e La sonnambula.

Nel 1967 a Roma dirige Alzira con Gianfranco Cecchele, Cornell MacNeil e Carlo Cava, a Napoli Saffo con Franca Mattiucci e Louis Quilico, nel Cortile del Palazzo Pitti di Firenze Il pirata con Montserrat Caballé ed in Arena di Verona La forza del destino.

Nel 1969 in gennaio a Venezia dirige Mefistofele con Maria Chiara ed Oslavio Di Credico, in marzo al Teatro Nuovo di Torino Alceste (Gluck) ed il 10 dicembre a Napoli muore dirigendo Mosè in Egitto.

Balletti[modifica | modifica wikitesto]

Registrazioni importanti[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • CAPUANA, Franco, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011. URL consultato il 6 giugno 2018.
  • M. Chiara Pesci, CAPUANA, Franco, in Dizionario biografico degli italiani, vol. 19, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1976. URL consultato l'8 giugno 2018.
  • Alberto Cesare Alberti (a cura di), Il teatro nel fascismo, Bulzoni editore, 1974, ISBN non esistente.

Riviste[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN110838759 · ISNI (EN0000 0000 8408 1282 · SBN IT\ICCU\LO1V\177926 · LCCN (ENn83022755 · GND (DE13462503X · BNF (FRcb13892142h (data)