Franco Berrino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Franco Berrino (Fornovo di Taro, 30 aprile 1944) è un medico ed epidemiologo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureatosi in medicina e chirurgia magna cum laude all'università di Torino nel 1969 e specializzatosi in anatomia patologica, si è poi dedicato principalmente all'epidemiologia dei tumori. Dal 1975 lavora all'Istituto Nazionale dei Tumori di Milano,[1] dove ha collaborato con il Dipartimento di medicina preventiva e predittiva, oggi diretto dal Dr. Marco A. Pierotti

Autore di centinaia di pubblicazioni scientifiche, è stato uno dei pochi ricercatori italiani chiamati a collaborare al Food, nutrition, physical activity and the prevention of cancer,[2] pubblicato nel 2007 dal World Cancer Research Fund.[3] Suoi progetti particolarmente significativi sono quello italiano per lo sviluppo dei registri tumori e quelli europei sulla sopravvivenza dei malati neoplastici nei diversi paesi (progetto EUROCARE) e sulla prevenzione del cancro al seno[4] e delle sue recidive[5] (progetto DIANA),[6] frutto della collaborazione tra l'Istituto Nazionale dei Tumori e l'Istituto Europeo di Oncologia di Milano. È un convinto assertore dell'utilità di una dieta "corretta" per evitare l'insorgere del cancro,[7] tesi spesso illustrata nei suoi libri e nei suoi frequenti articoli sui principali quotidiani italiani.[8]

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) World Health Organization, Survival of cancer patients in Europe. The EUROCARE study (a cura di Franco Berrino, Milena Sant, Arduino Verdecchia et al.), Lione, International agency for research on cancer, 1995. ISBN 92-832-2132-X.
  • "Il cibo dell'uomo. Mangiar bene per vivere meglio e non ammalarsi", in AA. VV., Tumore del seno: prevenire, curare, vivere, Milano, Franco Angeli, 1999. ISBN 88-464-1160-9.
  • "Il Tao della prevenzione", prefazione in Anna Villarini e Giovanni Allegro, Prevenire i tumori mangiando con gusto - A tavola con DIANA (a cura di Nicoletta Pennati), Milano, Sperling & Kupfer, 2009. ISBN 978-88-200-4681-1.
  • Alimentare il benessere. Come prevenire il cancro a tavola, Milano, Franco Angeli, 2010, ISBN 978-88-568-3136-8.
  • Il cibo dell'uomo. La via della salute tra conoscenza scientifica e antiche saggezze, Milano, Franco Angeli, 2015, ISBN 978-88-917-0744-4.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Alessio Ribaudo, "Alimentazione e malattie, le nuove vie alla prevenzione", sul Corriere della Sera, 28 settembre 2010, p. 18.
  2. ^ (EN) il sito omonimo.
  3. ^ (EN) World Cancer Research Fund International, Food, nutrition, physical activity, and the prevention of cancer. A global perspective, Washington (DC), American Institute for Cancer Research, 2007. ISBN 978-0-9722522-2-5.
  4. ^ Comunicato stampa dell'Istituto Nazionale dei Tumori.
  5. ^ Franco Berrino, "Il Progetto DIANA per la prevenzione delle recidive del cancro al seno", sul sito dell'Istituto Nazionale dei Tumori.
  6. ^ "Tumori al seno ogni giorno un nuovo caso", sulla Gazzetta di Mantova del 6 novembre 2010.
  7. ^ Franco Berrino, "La prevenzione alimentare dei tumori", sul sito della Società vegetariana.
  8. ^ A titolo esemplificativo si possono segnalare, fra gli altri: "Lo chef e la guerra cellulare", sul sito Dweb di la Repubblica; Laura Fugnoli, "Il cancro si cura a tavola: l'intervista", su la Repubblica, video del 30 ottobre 2008; Marta Ghezzi, "In cucina cambia tutto?", sul Corriere della Sera, 15 maggio 2011, pp. 10-11.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Marvi Tonus, "Franco Berrino epidemiologo tenace", sul quadrimestrale Attualità in senologia, n. 43, luglio-settembre 2004, pp. 4–9.
Controllo di autorità VIAF: (EN66582074 · LCCN: (ENn95802025 · SBN: IT\ICCU\AQ1V\007615 · ISNI: (EN0000 0000 3190 0301 · BNF: (FRcb125617101 (data)