Franciszek Zabłocki

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Franciszek Zabłocki

Franciszek Zabłocki (2 maggio 1754Końskowola, 23 ottobre 1821) è stato un drammaturgo polacco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Apparteneva ad un'antica famiglia della piccola nobiltà polacca del clan di Łada. Studiò all'Università di Lublino e intraprese il Grand Tour d'Europa, fermandosi particolarmente in Francia e in Germania.

È celebre come traduttore delle commedie di Jean-Baptiste Poquelin e altri drammaturghi francesi, per poi dedicarsi di persona alla stesura di commedie ispirate al teatro francese.

Nel 1774 venne nominato presidente della "Commissione nazionale di educazione" e prese parte su piano culturale alla rivolta di Kościuszko. Venne condannato a morte in absentia dal governo russo, e si rifugiò in Danimarca; nel 1809, a seguito dell'amnistia, ritornò in Polonia.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN9976010 · ISNI (EN0000 0001 1487 6001 · LCCN (ENno91012435 · GND (DE122499417 · BNF (FRcb12866466j (data) · CERL cnp00455403