Francisco Álvarez Martínez

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Francisco Álvarez Martínez
cardinale di Santa Romana Chiesa
Card. Alvarez Martinez (30913897465).jpg
Coat of arms of Francisco Alvarez Martinez.svg
Obedentia et pax
 
TitoloCardinale presbitero di Santa Maria Regina Pacis a Monte Verde
Incarichi attualiArcivescovo emerito di Toledo
Incarichi ricopertiVescovo di Tarazona
Vescovo di Calahorra e La Calzada-Logroño
Vescovo di Orihuela-Alicante
Arcivescovo metropolita di Toledo
Primate di Spagna
 
Nato14 luglio 1925 (93 anni) a Santa Eulalia de Ferroñes Llanera
Ordinato presbitero11 giugno 1950 dal vescovo Francisco Javer Lauzurica y Torralba (poi arcivescovo)
Nominato vescovo13 aprile 1973 da papa Paolo VI
Consacrato vescovo3 giugno 1973 dall'arcivescovo Luigi Dadaglio (poi cardinale)
Elevato arcivescovo23 giugno 1995 da papa Giovanni Paolo II
Creato cardinale21 febbraio 2001 da papa Giovanni Paolo II
 

Francisco Álvarez Martínez (Santa Eulalia de Ferroñes Llanera, 14 luglio 1925) è un cardinale e arcivescovo cattolico spagnolo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha ricevuto l'ordine sacro l'11 giugno 1950.

Eletto vescovo di Tarazona da papa Paolo VI il 13 aprile 1973, ha ricevuto la consacrazione episcopale il successivo 3 giugno dalle mani dell'arcivescovo Luigi Dadaglio, poi cardinale.

È poi stato trasferito alla diocesi di Calahorra e La Calzada-Logroño il 20 dicembre 1976 e, il 12 maggio 1989, nominato vescovo di Orihuela-Alicante.

Papa Giovanni Paolo II lo ha nominato arcivescovo di Toledo e conseguentemente primate di Spagna il 23 giugno 1995. Ha cessato il suo mandato per limiti d'età il 24 ottobre 2002.

Elevato al rango di cardinale da Giovanni Paolo II nel concistoro del 21 febbraio 2001.

Dal 24 ottobre 2002 è arcivescovo emerito di Toledo.

Il 14 luglio 2005, compiendo ottant'anni, esce dal novero dei cardinali elettori.

Ha fatto parte del Pontificio consiglio per i laici e del Pontificio consiglio per la promozione dell'unità dei cristiani, noto anche come Segretariato per la promozione dell'unità dei cristiani.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN87490220 · ISNI (EN0000 0001 0922 3399 · SBN IT\ICCU\SBLV\300614